Persone

Clemente Mastella

Clemente Mastella è un politico italiano. Ex parlamentare fondatore e segretario nazionale dei Popolari-Udeur, attualmente riveste la carica di Eurodeputato del Pdl. È stato ministro del Lavoro nel governo Berlusconi I e Ministro della Giustizia nel Prodi II. È stato sindaco di Ceppaloni (in provincia di Benevento).

Clemente Mastella ha iniziato l’attività politica iscrivendosi alla Democrazia Cristiana e diventando dirigente nazionale dell'Azione Cattolica. Alle politiche del 1976 è stato eletto deputato, entrando alla Commissione Interni di Montecitorio. Ha ricoperto diversi incarichi nella Dc, tra cui responsabile del dipartimento informazione ed editoria e dal 1982 è stato capo ufficio stampa. Nel VI e VII governo Andreotti è stato eletto Sottosegretario alla Difesa.

Membro della Commissione Affari Costituzionali, della Presidenza del Consiglio e Interni nella VIII e IX Legislatura, con la X Legislatura Clemente Mastella è passato alla Commissione Cultura ed Istruzione e successivamente alla Commissione Difesa. Nel 1994 ha fondato il Centro Cristiano Democratico ed è diventato Ministro del Lavoro. Nella XIII Legislatura ha fatto parte della Commissione Difesa ed è stato eletto Vicepresidente della Camera, incarico che ha mantenuto fino al 1998, quando è diventato Segretario Nazionale prima dell'Udr e poi dell'Udeur. Nel 1999 e nel 2004, è stato eletto al Parlamento Europeo. Alle politiche del 2001 Mastella è stato confermato alla Camera e ne è diventato Vicepresidente. Con le elezioni del 2006, è entrato al Senato ed è diventato Ministro della Giustizia durante il II governo Prodi. Nel 2009, con il rinnovo del Parlamento Europeo, Mastella è diventato Europarlamentare.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Clemente Mastella
    • News24

    La galassia di Pisapia e l'impresa di trovare l'accordo tra 9 forze politiche

    Pisapia ha annunciato un passo «di lato» sulla sua candidatura in parlamento e sulla leadership del movimento che punta ad unire il centrosinistra a partire dalle forze fuori dal Pd. Ma l'obiettivo resta, quello di costruire una coalizione «larga». Eppure il rischio che si ritorni alla litigiosità

    – di Andrea Marini

    • News24

    Quella voglia di «grande centro» che non porta voti

    Se torna il proporzionale, allora perché non dovrebbero rinascere i partiti che con quel sistema elettorale hanno proliferato nella Prima repubblica, a partire ovviamente dalla Democrazia cristiana? Sembra essere questo il ragionamento dietro l'iniziativa lanciata da un uomo simbolo di un'epoca,

    – di Riccardo Ferrazza

    • News24

    Il 92% dei dissesti è nei Comuni del Sud

    Ancora fresco di una vittoria elettorale che l'ha riportato in politica dopo nove legislature alla Camera, una al Senato, due al Parlamento europeo e due stagioni da ministro, il sindaco di Benevento Clemente Mastella ha dovuto dichiarare a dicembre il dissesto del suo Comune. Ad affossare il

    – di G.Tr.

    • Info Data

    Consenso dei sindaci, vince Chiara Appendino

    Chiara Appendino in testa, e Virginia Raggi in coda seguita solo dall'alessandrina Rita Rossa. Le strade delle due sindache-simbolo delle vittorie a Cinque Stelle nelle amministrative di giugno si divaricano sempre di più, almeno nella moneta instabile ma decisiva del consenso. Ma anche lontano da Torino e Roma gli amministratori scelti dalle urne della scorsa primavera portano parecchia aria nuova nel Governance Poll, la rilevazione sul gradimento riservato ai sindaci dai propri cittadini rea...

    – Il Sole 24 Ore del Lunedì

    • News24

    Benevento, patto per l'occupazione

    Chiedono un Patto per il Sannio le imprese di Confindustria Benevento, ieri riunite in Assemblea pubblica per lo scambio del testimone dal presidente uscente, Biagio Mataluni, al presidente designato Filippo Liverini. Un cambio nel segno della continuità che pone all'attenzione delle istituzioni

    – di Vera Viola

    • News24

    Why not, causa civile per danni a parlamentari

    La vicenda relativa all'acquisizione senza autorizzazione, nel 2009, di tabulati telefonici di parlamentari durante il processo Why not - che era nato sull'ipotesi della presunta esistenza di un comitato di affari sostenuto dalla massoneria e che si era concluso senza condanne - lascia la sede

    • News24

    Vilipendio al capo dello Stato, Storace assolto in appello

    Il leader della Destra Francesco Storace è stato assolto dai giudici della Corte d'Appello di Roma dall'accusa di vilipendio al capo dello Stato. La sentenza è stata pronunciata dalla I Corte d'Appello presieduta da Michele Ruggero Pezzulo, che non ha accolto la richiesta di conferma fatta dal

1-10 di 375 risultati