Persone

Clemente Mastella

Clemente Mastella è un politico italiano. Ex parlamentare fondatore e segretario nazionale dei Popolari-Udeur, attualmente riveste la carica di Eurodeputato del Pdl. È stato ministro del Lavoro nel governo Berlusconi I e Ministro della Giustizia nel Prodi II. È stato sindaco di Ceppaloni (in provincia di Benevento).

Clemente Mastella ha iniziato l’attività politica iscrivendosi alla Democrazia Cristiana e diventando dirigente nazionale dell'Azione Cattolica. Alle politiche del 1976 è stato eletto deputato, entrando alla Commissione Interni di Montecitorio. Ha ricoperto diversi incarichi nella Dc, tra cui responsabile del dipartimento informazione ed editoria e dal 1982 è stato capo ufficio stampa. Nel VI e VII governo Andreotti è stato eletto Sottosegretario alla Difesa.

Membro della Commissione Affari Costituzionali, della Presidenza del Consiglio e Interni nella VIII e IX Legislatura, con la X Legislatura Clemente Mastella è passato alla Commissione Cultura ed Istruzione e successivamente alla Commissione Difesa. Nel 1994 ha fondato il Centro Cristiano Democratico ed è diventato Ministro del Lavoro. Nella XIII Legislatura ha fatto parte della Commissione Difesa ed è stato eletto Vicepresidente della Camera, incarico che ha mantenuto fino al 1998, quando è diventato Segretario Nazionale prima dell'Udr e poi dell'Udeur. Nel 1999 e nel 2004, è stato eletto al Parlamento Europeo. Alle politiche del 2001 Mastella è stato confermato alla Camera e ne è diventato Vicepresidente. Con le elezioni del 2006, è entrato al Senato ed è diventato Ministro della Giustizia durante il II governo Prodi. Nel 2009, con il rinnovo del Parlamento Europeo, Mastella è diventato Europarlamentare.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Clemente Mastella
    • News24

    Un'alleanza ipotetica di 14 sigle: così torna l'incubo Unione

    Nel 2006 popolata dall'Udeur di Clemente Mastella, Italia di mezzo di Marco Follini, i piccoli Democratici cristiani uniti e naturalmente la Margherita, azionista di maggioranza e già promessa in matrimonio ai Ds sotto le insegne dell'Ulivo.

    – di Riccardo Ferrazza

    • News24

    Casini il pragmatico, nato con Forlani e ascoltato da Renzi

    Anzi, Casini di necessità fa virtù: il sistema maggioritario, introdotto per la prima volta dal Mattarellum, non consente di rimanere nel mezzo e così fonda assieme ad un nutrito gruppetto di ex democristiani quarantenni (tra cui Clemente Mastella) il Ccd (Centro cristiano democratico), schierandosi con Silvio Berlusconi e la nascente Fi, la Lega di Bossi e Gianfranco Fini nella Casa delle libertà, per il primo governo di centrodestra della seconda Repubblica (1994).

    – di Barbara Fiammeri

    • News24

    Nestlé punta su Buitoni a Benevento per l'hub internazionale della pizza

    Lo stato di avanzamento dei lavori è stato illustrato a Benevento da Leo Wencel, capo mercato del gruppo Nestlé Italia e da Massimo Ferro, direttore corporate strategy del gruppo Nestlé alla presenza tra gli altri del ministro per la Coesione e del Mezzogiorno Claudio De Vincenti, del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, del sindaco di Benevento Clemente Mastella.

    – di Vera Viola

    • News24

    Quella voglia di «grande centro» che non porta voti

    Se torna il proporzionale, allora perché non dovrebbero rinascere i partiti che con quel sistema elettorale hanno proliferato nella Prima repubblica, a partire ovviamente dalla Democrazia cristiana? Sembra essere questo il ragionamento dietro l'iniziativa lanciata da un uomo simbolo di un'epoca,

    – di Riccardo Ferrazza

    • News24

    Il 92% dei dissesti è nei Comuni del Sud

    Ancora fresco di una vittoria elettorale che l'ha riportato in politica dopo nove legislature alla Camera, una al Senato, due al Parlamento europeo e due stagioni da ministro, il sindaco di Benevento Clemente Mastella ha dovuto dichiarare a dicembre il dissesto del suo Comune. Ad affossare il

    – di G.Tr.

    • Info Data

    Consenso dei sindaci, vince Chiara Appendino

    Chiara Appendino in testa, e Virginia Raggi in coda seguita solo dall'alessandrina Rita Rossa. Le strade delle due sindache-simbolo delle vittorie a Cinque Stelle nelle amministrative di giugno si divaricano sempre di più, almeno nella moneta instabile ma decisiva del consenso. Ma anche lontano da Torino e Roma gli amministratori scelti dalle urne della scorsa primavera portano parecchia aria nuova nel Governance Poll, la rilevazione sul gradimento riservato ai sindaci dai propri cittadini rea...

    – Il Sole 24 Ore del Lunedì

1-10 di 377 risultati