Persone

Claudio Scajola

Claudio Scajola è un politico. Fino a maggio 2010 è stato impegnato come Ministro per lo Sviluppo Economico del IV governo Berlusconi, per il quale era stato ministro altre tre volte: Ministro dell’Interno dal 2001 al 2002, Ministro per l’Attuazione del Programma di Governo dal 2003 al 2005 e Ministro delle Attività Produttive dal 2005 al 2006.

Scajola ha iniziato la sua collaborazione politica con Berlusconi nel 1995, quando aderì a Forza Italia e assunse l’incarico di coordinatore provinciale; nel 1996 è stato invece eletto deputato nel collegio uninominale d’Imperia per il Polo per le Libertà e ha poi assunto il ruolo di Coordinatore Nazionale di Forza Italia.

Prima ancora di approdare a Forza Italia, Scajola è stato consigliere comunale a Imperia, sua città natale, e poi Sindaco della stessa, ruolo che negli anni ‘70 ha ricoperto due volte. Scajola, che ha iniziato la sua carriera politica molto presto militando nella Federazione Universitaria Cattolica Italiana prima e nel Movimento Giovanile della Democrazia Cristiana poi, è stato anche dirigente dell’Inadel e presidente della USL d’Imperia.

L'ultimo incarico di Claudio Scajola è stato quello di Ministro dello Sviluppo Economico, la cui struttura somma quelle dell'ex Ministero delle Attività produttive, dell'ex Ministero delle Comunicazioni e dell'ex Ministero del Commercio internazionale.

Scajola è appassionato di sport (è Presidente onorario della squadra di pallanuoto Rari Nantes di Imperia), di veicoli d’epoca (è socio dell’Automotoclub Storico Italiano) e di cucina (è membro dell’Accademia Italiana della Cucina).

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Claudio Scajola
    • News24

    Non ci fu finanziamento illecito al parlamentare: assolto l'ex ministro Claudio Scajola

    Assolto l'ex ministro Claudio Scajola dall'accusa di finanziamento illecito. Secondo il Tribunale di Imperia, «il fatto non sussiste». Per l'accusa aveva ottenuto sconti particolari sui lavori di ristrutturazione di Villa Ninina, residenza di Imperia della famiglia. La sentenza è stata emessa dal

    – di Ivan Cimmarusti

    • News24

    Da Panama alla Florida, sequestrato il tesoro dell'armatore Matacena latitante a Dubai

    Latitante in presunta povertà (ma a Dubai), ex parlamentare e condannato in via definitiva per concorso esterno alla mafia: l'armatore Amadeo Matacena da oggi avrà un motivo in più per cercare un lavoro con cui mantenersi a Dubai.La Dia di Reggio Calabria sta infatti procedendo al sequestro e

    – di Roberto Galullo

    • News24

    De Raho capo della Procura nazionale antimafia e antiterrorismo

    Dopo il ritiro dalla corsa a due del procuratore generale di Palermo Roberto Scarpinato, il plenum del Csm ha nominato all'unanimità Federico Cafiero De Raho capo della Procura nazionale antimafia e antiterrorismo. De Raho, attualmente capo della Procura di Reggio Calabria, subentra a Franco

    – di Roberto Galullo

    • News24

    De Raho verso la nomina a capo della procura nazionale antimafia

    Il nome alla fine è arrivato e ha confermato i pronostici: Federico Cafiero De Raho, attuale capo della procura di Reggio Calabria, sarà il nuovo procuratore nazionale antimafia. Solo un terremoto interno al Consiglio superiore della magistratura potrebbe infatti disattendere l'indicazione appena

    – di Roberto Galullo

    • News24

    Claudio Scajola

    In tema di dimissioni, quelle che hanno fatto più scalpore restano quelle di Claudio Scajola. Il ministro arrivò a presentarle e a farsele accettare in due Governi diversi. Nel 2002 quando, ministro dell'Interno del governo Berlusconi, si lasciò andare ad alcune esternazioni sul giuslavorista Marco

    • News24

    «Marco Biagi conciliò equità e competitività»

    Quattordici anni fa, il 19 marzo 2002, il giuslavorista Marco Biagi fu ucciso da un commando delle Nuove brigate rosse davanti al portone della sua casa a Bologna, in via Valdonica. Per l'assassinio dell'allora consulente del ministro del Welfare Roberto Maroni che lavorava alla riforma del mercato

    – di R.Fe.

    • News24

    Mancata scorta a Marco Biagi: prescritti Scajola e De Gennaro

    La sezione distrettuale del tribunale dei ministri di Bologna ha dichiarato l'estinzione per prescrizione delle accuse nei confronti di Claudio Scajola e Gianni De Gennaro per la mancata scorta a Marco Biagi, ucciso dalle Br nel 2002 sotto la sua abitazione nel centro del capoluogo emiliano.

    • Agora

    Relazione Dna/3 La capacità delle cosche reggine di legarsi alla politica (e condizionarla) - Il caso Matacena

    Anna Canepa, Francesco Curcio, Diana De Martino, Antonio Patrono, Roberto Pennisi, Leonida Primicerio, Elisabetta Pugliese, coordinati da Giusto Sciacchitano, sono i sostituti procuratori nazionali antimafia che hanno elaborato la parte relativa alla 'ndrangheta bella relazione della Dna presentata due giorni fa a Roma dal capo della Procura Franco Roberti e dalla presidentessa della Commissione parlamentare antimafia Rosy Bindi. Mercoledì e ieri, su questo umile e umido blog, avrete seguito la...

    – Roberto Galullo

    • News24

    La verità sulla scorta a Marco Biag

    Che cosa succede a distanza di tredici anni dall'assassinio del giuslavorista Marco Biagi per mano delle Br? Questo. Il magistrato che nel 2004 chiese l'archiviazione dall'accusa di cooperazione per omicidio per quattro funzionari dello Stato e che dieci anni dopo, nel 2014, aveva riaperto

1-10 di 875 risultati