Persone

Claudio Descalzi

Claudio Descalzi è nato il 1955 a Milano ed è un manager italiano, amministratore delegato di Eni, vice presidente di Confindustria Energia e consigliere di amministrazione della Fondazione Teatro alla Scala. È membro del National Petroleum Council per il 2016/2017.

Laureatosi in Fisica presso l'Università degli Studi di Milano, nel 1981 entra, con la qualifica d'ingegnere di giacimento, in Eni dove diventa successivamente project manager per lo sviluppo delle attività nel Mare del Nord, Libia, Nigeria e Congo.

Responsabile delle attività operative e di giacimento in Italia, nel 1994 diventa managing director della consociata Eni in Congo. Per assumere dal 2000 al 2001 la carica di direttore dell'area geografica Africa, Medio Oriente e Cina e dal 2002 al 2005 quella di direttore dell'area geografica Italia, Africa e Medio Oriente.

Nel 2006 diventa vice direttore generale di Eni, nella divisione Exploration & Production e nel 2008 è direttore operativo della divisione di Eni Exploration & Production.

Viene nominato, su indicazione del Governo Renzi, amministratore delegato di Eni, il 14 aprile del 2014.

Claudio Descalzi è Visiting Fellow of The University of Oxford. Nel dicembre 2015 entra a far parte del “Global Board of Advisors del Council on Foreign Relations”. Nel dicembre 2016 è stato insignito della Laurea Honoris Causa in Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio presso la facoltà di Ingegneria dell'Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

E' sposato e ha quattro figli.

Ultimo aggiornamento 22 luglio 2017

Ultime notizie su Claudio Descalzi
    • News24

    Roma-Parigi, Trump riaccende il duello diplomatico sulla Libia

    Lo conferma l’incontro, lunedì a Tripoli, tra l’ad di Eni,Claudio Descalzi, e il premier libico Serraj, in cui è stato fatto il punto sulle attività correnti dell’Eni in Libia e sulle future opportunità esplorative e di investimento .

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    Il prezzo del Brent spinge Eni: primo semestre in forte crescita

    Soddisfatto l'ad Claudio Descalzi che ha commentato: «Nel secondo trimestre, come già nel primo, Eni ha proseguito nel trend di forte miglioramento della redditività che aumenta del 152% a fronte di una crescita del Brent in euro del 38%, trainata... Descalzi ha confermato «la riduzione a 55 dollari/barile della nostra cash neutrality per il 2018» e sottolineato come “il debito netto prosegue nella sua discesa portandosi al di sotto di 10 miliardi, livello più basso registrato negli...

    • News24

    Eni: fusione Eni Norge con Point Resources, nasce Var Energi

    Matrimonio nel settore dell'esplorazione e produzione di idrocarburi in Norvegia. Eni ha deciso di unire le forze della controllata Eni Norge con Point Resources, società del settore controllata dal private equity HitecVision. Nasce così Vår Energi, società indipendente con un portafoglio di 17

    • News24

    Papa Francesco incontrerà i petrolieri per discutere di clima

    Tre anni fa, con una celebre enciclica, si era schierato con vigore in difesa dell'ambiente. Ora papa Francesco avvia un dialogo diretto con le società petrolifere, invitandole in Vaticano per spronarle di persona a fare di più contro il cambiamento climatico.

    – di S.Bel.

    • News24

    Intesa tra Enel e Ferrovie russe Maire, subappalto da 1,3 miliardi

    Dalle rinnovabili agli idrocarburi, l'energia tiene banco al Forum economico internazionale di San Pietroburgo. Con le principali aziende della penisola che non hanno disertato il cruciale appuntamento, importante catalizzatore di intese in un mercato, come quello russo, che continua a essere

    – di Celestina Dominelli

    • News24

    La "seconda vita" delle piattaforme offshore nell'Adriatico

    L'obiettivo è creare il primo parco marino tecnologico nell'Adriatico e in Europa. Partendo dalle piattaforme offshore (in mare aperto) che altrimenti sarebbero destinate alla rimozione.

    – di Celestina Dominelli

    • News24

    Total avverte: senza esenzioni, pronti a ritirarci dall'Iran

    Era stata la prima major petrolifera occidentale a rientrare in Iran, firmando a fine 2016 un contratto per il giacimento South Pars. Ora Total avverte che sarà probabilmente costretta a ritirarsi, perché «non può permettersi di incorrere in nessuna sanzione secondaria» da parte degli Stati Uniti.

    – di Sissi Bellomo

    • News24

    Eni: utile netto in lieve calo a 946 milioni nel primo trimestre

    Eni chiude il primo trimestre dell'anno in crescita, beneficiando del miglioramento dello scenario petrolifero con l'aumento del prezzo del petrolio e le maggiori produzioni di idrocarburi. Il cda ha approvato i risultati dei primi tre mesi che mostrano l'utile netto in leggero calo a 946 milioni

    • News24

    Eni, piano da 7 miliardi per far crescere l'Italia

    Per far capire che la trasformazione di Eni, messa in campo negli ultimi quattro anni e imperniata, da un lato, sulla rifocalizzazione sull'upstream e, dall'altro, sulla ristrutturazione completa degli altri segmenti (gas&power, raffinazione, chimica), è stata tutt'altro che semplice, il ceo del

    – di Celestina Dominelli

1-10 di 312 risultati