Persone

Claudio Descalzi

Claudio Descalzi è nato il 1955 a Milano ed è un dirigente d'azienda italiano, attualmente amministratore delegato di Eni, vice presidente di Confindustria Energia e consigliere di amministrazione della Fondazione Teatro alla Scala.

Laureatosi in Fisica presso l'Università degli Studi di Milano, nel 1981 entra, con la qualifica d'ingegnere di giacimento, in ENI dove diventa successivamente project manager per lo sviluppo delle attività nel Mare del Nord, Libia, Nigeria e Congo.

Responsabile delle attività operative e di giacimento in Italia, nel 1994 diventa managing director della consociata Eni in Congo. Per assumere dal 2000 al 2001 la carica di direttore dell'area geografica Africa, Medio Oriente e Cina e dal 2002 al 2005 quella di direttore dell'area geografica Italia, Africa e Medio Oriente.

Nel 2006 diventa vice direttore generale di Eni, nella divisione Exploration & Production e nel 2008 è direttore operativo della divisione di Eni Exploration & Production.

Viene nominato, su indicazione del Governo Renzi, amministratore delegato di Eni, il 14 aprile del 2014.

E' sposato con una donna di origini congolesi ed ha quattro figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Claudio Descalzi
    • News24

    Il caso petrolio in Basilicata: il Tar dà ragione all'Eni

    Lo stesso Amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi nell'incontro con il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, il 18 aprile, nel comunicare «di aver avviato in via cautelativa e proattiva la procedura di sospensione delle attività del Cova», aveva ribadito che «la società sta realizzando il doppio fondo nei tre serbatoi esistenti che non ne sono ancora dotati, il primo dei quali sarà completato entro la fine di maggio».

    – di Luigia Ierace

    • Agora

    Il retail gas di Eni nel mirino dei grandi private equity

    Potrebbe riprendere, secondo indiscrezioni, il processo di cessione delle attività nel retail gas and power di Eni. Secondo i rumors nelle ultime settimane diversi soggetti finanziari si sarebbero rifatti avanti, manifestando interesse per queste attività che avrebbero una valutazione di circa 3 miliardi di euro. Al momento non sarebbe ancora partito un processo, ma secondo i rumors proprio le tante sollecitazioni esterne potrebbero far riprendere in mano il dossier ad Eni. Il processo era s...

    – Carlo Festa

    • News24

    Spento il Centro oli Val d'Agri: Eni avvia il trattamento delle acque

    Da oggi il Centro Olio Val d'Agri di Viggiano si è fermato del tutto. Mentre i valori di contaminazione sono ormai al di sotto della soglia e il trend è di un abbassamento dei livelli di inquinamento, la produzione di idrocarburi della Basilicata scende a zero. Non una goccia di greggio uscirà dal

    – di Luigia Ierace

    • News24

    Dal teatro ai pozzi d'acqua: ecco tutti i progetti di Eni Foundation

    Quattrocentomila visite pediatriche, un milione di vaccinazioni, 57 strutture sanitarie. E ancora, 35mila donne sottoposte a test Hiv prima del parto, 190 bambini operati di labiopalatoschisi in Indonesia e 35 milioni di euro spesi fino a oggi. Sono solo alcuni dei numeri di Eni Foundation, la

    – di Celestina Dominelli

    • News24

    La Basilicata ferma Viggiano per tre mesi. L'Eni avvia lo stop

    Da un lato l'annuncio di Eni della «chiusura temporanea del Centro Olio» di Viggiano, con il contestuale «avvio alle procedure per il fermo dell'impianto», senza attendere la notifica della delibera della giunta della Regione Basilicata che, alla vigilia di Pasqua ha deciso di sospendere le

    – di Luigia Ierace

    • News24

    Dopo la rivolta dei soci, Bp taglia del 40% la busta paga di Dudley

    La rivolta degli azionisti di Bp l'anno scorso non era riuscita a impedire un ricco aumento di stipendio per il ceo Bob Dudley. Ma la lezione è servita. La compagnia petrolifera britannica, in vista della prossima assemblea dei soci, che si terrà il 17 maggio, ha deciso di cambiare la politica

    – di Sissi Bellomo

    • News24

    Padoan difende le nomine Etica, il Tesoro riscrive la direttiva Saccomanni

    Il ministero dell'Economia ha riscritto in zona Cesarini la direttiva Saccomanni del 2013 sulle nomine dei cda delle società controllate dallo Stato eliminando i requisiti rafforzati di onorabilità, che prescrivevano tra l'altro l'ineleggibilità per chi fosse rinviato a giudizio tra l'altro per

    – di Gianni Dragoni

    • News24

    Risveglio Saipem tra supporto greggio e stabilità Cdp

    Risveglio in Borsa per Saipem che guida il FTSE MIB dopo essere stato il peggior titolo del I trimestre raccogliendo complessivamente -18%. Le quotazioni e condividono il buon inizio di settimana con altre società dei servizi per l'oil&gas come Tenaris, Technip, Vallourec e SubSea7. Secondo gli

    – di Andrea Fontana

    • News24

    Borse, la locomotiva Usa salva la giornata: Milano chiude a +0,45%

    La revisione al rialzo del Pil Usa per il quarto trimestre 2016 sopra le attese ha dato la spinta ai listini europei, dopo una prima parte della giornata poco mossa e priva di particolari spunti. Il Ftse Mib ha chiuso in progresso dello 0,45%. Hanno terminato in rialzo anche Parigi (+0,41% il

    – di Flavia Carletti

1-10 di 256 risultati