Le nostre Firme

Carlo Trigilia

Carlo Trigilia è professore ordinario di sociologia economica nella Facoltà di Scienze Politiche "Cesare Alfieri" dell'Università di Firenze. È membro della Fondazione Italianieuropei, presieduta da D'alema e Amato. Il 27 Aprile 2013 viene nominato Ministro per la Coesione territoriale nel governo Letta.

Scrive per Il Sole 24 Ore su temi legati allo sviluppo locale, all’innovazione, alle città, al Mezzogiorno, e più in generale sui rapporti tra politica e economia. È direttore del Centro Europeo di Studi sullo Sviluppo Locale e Regionale (CESVI) dell’Università di Firenze. Ha insegnato all’estero in varie università ed è stato "Lauro De Bosis professor" presso la Harvard University. È stato direttore ed è membro del comitato editoriale della rivista "Stato e Mercato", e del comitato di direzione della rivista “Il Mulino”. È socio del Consiglio Italiano per le Scienze Sociali (CSS) e dell’Associazione Il Mulino. È presidente della Fondazione RES / Istituto di Ricerca su Economia e Società in Sicilia.

Ha studiato lo sviluppo territoriale in Italia con ricerche sulle regioni di piccola impresa della Terza Italia e del Mezzogiorno. (Grandi partiti e piccole imprese, Il Mulino, 1986; Sviluppo senza autonomia. Gli effetti perversi delle politiche nel Mezzogiorno, Il Mulino, 1992). Si è occupato del tema dello sviluppo locale e dei distretti high-tech in Europa e ha pubblicato per Laterza il volume Sviluppo locale. Un progetto per l'Italia, 2005. Al tema dell’innovazione sono dedicati alcuni lavori più recenti, tra i quali: La costruzione sociale dell’innovazione (Firenze University Press, 2007); Le città dell’innovazione (curato con L. Burroni, Il Mulino 2011) . È autore di un manuale alla sociologia economica (Sociologia Economica, Il Mulino, 2 voll. seconda ed. 2009, traduzione in inglese e francese).

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Carlo Trigilia
    • Econopoly

    Un programma di sei righe e una ministra: il Governo visto da Sud

    Nella prima bozza del contratto di governo ("Contratto"), non esisteva una sezione appositamente dedicata al Mezzogiorno. Nel documento finale, è stato inserito il seguente articolo, rubricato "Sud": "Con riferimento alle Regioni del Sud, si è deciso, contrariamente al passato, di non individuare specifiche misure con il marchio "Mezzogiorno", nella consapevolezza che tutte le scelte politiche previste dal presente contratto (con particolare riferimento a sostegno al reddito, pensioni, investim...

    – Francesco Bruno

    • News24

    Le incognite sulla strada della crescita

    Ce la farà la nave Italia? Magari a spingerla sarà Donald Trump, che sfugge all'esercizio della catalogazione preventiva, e il suo "amico" Vladimir Putin: Stati Uniti ruggenti contro la sleale concorrenza cinese, meno tasse, più infrastrutture, meno regole finanziarie, dollaro forte, giù il muro

    – di Guido Gentili

    • News24

    Confermate squadra e priorità per l'economia

    Dopo svariati esempi del passato di rapidi e anche imprevisti avvicendamenti - basti ricordare i quattro ministri nominati allo Sviluppo economico negli ultimi tre anni - la lista del nuovo premier Gentiloni evidenzia continuità in vista di delicati passaggi di politica economica e politica

    – di Carmine Fotina

    • News24

    L'università italiana ha messo la retromarcia

    Negli ultimi sette anni l'università italiana ha conosciuto una trasformazione profonda, lungo linee assai diverse da quelle dei decenni precedenti e non priva di elementi di preoccupazione. All'analisi di questa trasformazione è dedicato il Rapporto 2015 della Fondazione Res (presieduta da Carlo

    – Gianfranco Viesti

    • News24

    In Sicilia ripresina senza crescita, il Job Acts ancora non decolla

    In Sicilia il 2015 potrebbe chiudersi con una crescita del Pil dell'uno per cento ma non c'è speranza che diminuisca la disoccupazione. Sono questi due elementi, molto contraddittori, a caratterizzare le analisi e le previsioni contenute nel rapporto "Congiuntura-Res" della Fondazione Res e

    – Nino Amadore

    • News24

    Un'isola che oggi è paradosso

    La Sicilia rappresenta oggi una sorta di paradosso dello sviluppo. Da un lato, è tra le regioni con la situazione economica e sociale più grave. Dall'altro, è tra quelle del Mezzogiorno che hanno il potenziale di crescita maggiore legato alla valorizzazione delle risorse locali.

    – Carlo Trigilia

    • News24

    Meridione oltre Gomorra e folklore: dal 25 novembre al 4 dicembre a Bari la rassegna “Tu non conosci il Sud”

    – La redazione

    • News24

    Fondi Ue, riprogrammazioni per un miliardo

    SCONTRO SUL FSC - Delrio ha proposto il trasferimento a Palazzo Chigi della competenza sul Fondo sviluppo coesione per il Sud, altolà secco dalla Ragioneria

    – Giorgio Santilli

    • Agora

    Fondi Ue: la "macchina da guerra" di francesi e tedeschi. Come deve muoversi il Sud

    Perché francesi e tedeschi (ma sono bravi anche spagnoli e polacchi!) riescono a spendere fino all'ultimo euro dei fondi Ue? Ho ricevuto due risposte a questa semplice domanda: 1) efficienza amministrativa-organizzativa; 2) lobbying nei palazzi di Bruxelles. Qui voglio focalizzarmi soprattutto sul primo punto e su quanto potrebbero/dovrebbero fare le regioni del Sud a cui è indirizzata la gran parte dei finanziamenti destinati all'Italia. "Francia e Germania -  spiega Laura Caserta esperta di f...

    – Vitaliano D'Angerio

    • News24

    Fondi Ue, via ai 41 miliardi

    Il piano 2014-2020 a Bruxelles: più risorse a rafforzamento Pa e risorse idriche

    – Giorgio Santilli

1-10 di 104 risultati