Persone

Carlo De Benedetti

Carlo De Benedetti è nato a Torino il 14 novembre del 1934 ed è un imprenditore, editore, finanziere, che si è occupato nel corso degli anni di numerosi settori di attività.

Carlo De Benedetti ha compiuto i suoi studi al Politecnico di Torino, dove si è laureato nel 1958 in ingegneria elettrotecnica. Ha iniziato la sua attività imprenditoriale nel 1959 nell'azienda di famiglia, la Compagnia Italiana Tubi Metallici Flessibili, trasformata successivamente nella Gilardini. Nel 1976 fonda CIR (Compagnie Industriali Riunite), una delle più importanti holding private italiane quotata alla Borsa Valori di Milano, che opera in vari settori (media, componentistica per autoveicoli, sanità).

Dal 1978 al 1996 Carlo De Benedetti è stato alla guida di Olivetti e presidente onorario dal 1996 al giugno 1999. Nel 1995 fonda con Eleserino Piol Omnitel (acquisita poi da Vodafone) , la società europea di telefonia mobile e Infostrada, operatore di telefonia fissa in Italia.Dal 2006 è presidente del Gruppo Editoriale L'Espresso e presidente onorario di Sogefi.

E’ membro del Reuters Institute Advisory Board (Oxford) ed è membro di numerosi organismi internazionali. È presidente della Fondazione Rodolfo De Benedetti che ha fondato nel 1998, in memoria del padre, per promuovere la ricerca applicata e finalizzata alle scelte di politica economica nel campo del mercato del lavoro e dei sistemi di welfare in Europa. È presidente della Fondazione TogetherToGo ONLUS (TOG) che ha fondato nel 2011 per la riabilitazione di bambini colpiti da disturbi neurologici.

E' sposato con Silvia Monti dal 1997 e ha tre figli Rodolfo, Marco ed Edoardo.

E' stato insignito delle seguenti onoreficienze: Cavaliere del lavoro (1983), Medaglia d'oro ai benemeriti della cultura e dell'arte (1986), Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia 1987) e Medaglia d'argento al merito della Repubblica d'Austria (2006), Commandeur de la Légion d'Honneur (2015)

Ultimo aggiornamento 03 marzo 2017

Ultime notizie su Carlo De Benedetti
    • News24

    Cuki e Domopak in mani tedesche ma la governance resta italiana

    Il travaglio dell'azienda inizia nel 2005-2006, quando i marchi Cuki e Domopak erano ancora nell'orbita di Comital Saiag, società di Volpiano (nel Torinese) poi ceduta al fondo M&C di Carlo De Benedetti.

    – di Giovanna Mancini

    • News24

    «Quarant'anni fa arrivai a Ivrea e divenni subito olivettiano»

    «L'Olivetti è una straordinaria storia di successo nelle sue ripetute metamorfosi». Carlo De Benedetti è nella sua casa in collina, a Dogliani. Cà di Nostri è una vecchia cascina acquistata e rimessa a posto dieci anni fa. Sotto i nostri occhi si trovano i filari di Dolcetto della famiglia Einaudi.

    – di Paolo Bricco

    • News24

    Morti per amianto alla Olivetti di Ivrea: tutti assolti in appello

    Tutti assolti per l'inchiesta sull'amianto alla Olivetti di Ivrea. La Corte d'Appello di Torino ha assolto tutti gli imputati del processo per le morti da amianto alla Olivetti di Ivrea. In primo grado fra i condannati c'erano i fratelli Carlo e Franco De Benedetti, ai quali furono inflitti 5 anni

    – di Filomena Greco

    • News24

    Riforma banche popolari: i tre punti alla valutazione della Corte Costituzionale

    La riforma delle banche popolari in discussione alla Corte Costituzionale. La Consulta dovrà valutare la presunta illegittimità costituzionale della norma - che ha previsto la trasformazione degli istituti popolari in società per azioni - relativamente a tre aspetti principali. Il primo riguarda la

    – di Ivan Cimmarusti

    • News24

    «Da Adriano Olivetti a Casaleggio, vi spiego perché voto Cinque Stelle»

    Ubaldo Libertino, elettore del Movimento Cinque Stelle. A Ivrea, la città di Adriano Olivetti e - anche - di Gianroberto Casaleggio. Dice Libertino: «Questa è stata una delle parti più ricche del nostro Paese. Io e i miei amici abbiamo avuto la fortuna di crescere qui. A Ivrea trovavi prosperità,

    – dall'inviato Paolo Bricco, foto di Fabrizio Annibali

    • Agora

    Quando il lavoro delle donne era deciso dagli uomini. Un discorso molto onesto per le ragazze (e un Centro per le loro carriere)

    E' normale che per ispirare e motivare delle giovani donne si invitino a incontri e convegni testimonial che hanno avuto successo nella propria carriera. Donne di successo, scelte decise, carriere senza sbavature. Capita, ed è altrettanto normale, che le loro esperienze siano così lontane dalla vita di chi ha appena iniziato - nello studio, nel lavoro - da sembrare molto distanti a chi non ha ancora grande sicurezza in sé stessa, e magari non è affatto certa di quello che sta facendo. Ecco perc...

    – Barbara Ganz

    • Agora

    Marchionne, De Benedetti, Agnelli, Zegna e gli altri. I guadagni (e le perdite) dei 15 italiani più ricchi della Svizzera. Con qualche...

    Marchionne, De Benedetti, Agnelli, Zegna, Bonomi, Malacalza, Fossati. E poi Gucci, Trussardi, Perfetti (quelli della "gomma del ponte"). Il club dei miliardari e dei milionari italiani tra le montagne della Svizzera vede molte conferme ma anche qualche sorpresa. Come fare soldi? Si chiedono in tanti. Ecco le storie di chi ci è riuscito. L'elenco lo hanno stilato, come ogni anno, i magazine Bilan e Bilanz, il primo di clingua francese e attento alla piazza ginevrina, il secondo di idioma tedesco ...

    – Angelo Mincuzzi

    • News24

    «La corsa va oltre il Qe: rischio-Borsa esagerato»

    La riforma fiscale di Donald Trump, la discesa verticale del dollaro sull'euro, l'incertezza sui tempi del rientro alla normalità delle politiche monetarie, lo stallo nei negoziati sulla Brexit e - come se tutto ciò non bastasse - il possibile ritorno di un «caso Italia» sui radar dei mercati

    – Alessandro Plateroti

1-10 di 544 risultati