Persone

Carlo De Benedetti

Carlo De Benedetti è nato a Torino il 14 novembre del 1934 ed è un imprenditore, editore, finanziere, che si è occupato nel corso degli anni di numerosi settori di attività.

Carlo De Benedetti ha compiuto i suoi studi al Politecnico di Torino, dove si è laureato nel 1958 in ingegneria elettrotecnica. Ha iniziato la sua attività imprenditoriale nel 1959 nell'azienda di famiglia, la Compagnia Italiana Tubi Metallici Flessibili, trasformata successivamente nella Gilardini. Nel 1976 fonda CIR (Compagnie Industriali Riunite), una delle più importanti holding private italiane quotata alla Borsa Valori di Milano, che opera in vari settori (media, componentistica per autoveicoli, sanità).

Dal 1978 al 1996 Carlo De Benedetti è stato alla guida di Olivetti e presidente onorario dal 1996 al giugno 1999. Nel 1995 fonda con Eleserino Piol Omnitel (acquisita poi da Vodafone) , la società europea di telefonia mobile e Infostrada, operatore di telefonia fissa in Italia.Dal 2006 è presidente del Gruppo Editoriale L'Espresso e presidente onorario di Sogefi.

E’ membro del Reuters Institute Advisory Board (Oxford) ed è membro di numerosi organismi internazionali. È presidente della Fondazione Rodolfo De Benedetti che ha fondato nel 1998, in memoria del padre, per promuovere la ricerca applicata e finalizzata alle scelte di politica economica nel campo del mercato del lavoro e dei sistemi di welfare in Europa. È presidente della Fondazione TogetherToGo ONLUS (TOG) che ha fondato nel 2011 per la riabilitazione di bambini colpiti da disturbi neurologici.

E' sposato con Silvia Monti dal 1997 e ha tre figli Rodolfo, Marco ed Edoardo.

E' stato insignito delle seguenti onoreficienze: Cavaliere del lavoro (1983), Medaglia d'oro ai benemeriti della cultura e dell'arte (1986), Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia 1987) e Medaglia d'argento al merito della Repubblica d'Austria (2006), Commandeur de la Légion d'Honneur (2015)

Ultimo aggiornamento 03 marzo 2017

Ultime notizie su Carlo De Benedetti
    • News24

    Gedi (Espresso): Carlo De Benedetti lascia, il figlio Marco presidente

    Carlo De Benedetti si è dimesso in cda da presidente del gruppo Editoriale Gedi (ex Espresso) e il consiglio, su proposta del consigliere Rodolfo De Benedetti, ha cooptato in cda Marco De Benedetti nominandolo presidente. Carlo De Benedetti, nominato presidente onorario, in una nota motiva la decisione con la volontà di favorire il ricambio generazionale così come già fatto alcuni anni fa nel gruppo Cir. Il Cda ha ringraziato Carlo De Benedetti «per il lavoro svolto al servizio del gruppo per...

    • News24

    Amianto all'Alfa di Arese, assolti Cantarella e gli ex manager

    Non è la prima sentenza di assoluzione sul caso amianto, né si tratta di pronunciamenti unidirezionali. Il tema dell'amianto nelle fabbriche e delle responsabilità dei massimi vertici aziendali registra un nuovo caso. Questa volta tocca all'ex Alfa Romeo di Arese e ai casi di presunte morti da

    – di Filomena Greco

    • News24

    Meno fabbriche e più idee, il Paese va tutto ri-brevettato

    «Tu sarai il mio futuro cantiniere», disse un giorno d'agosto del 1952 Divo Moretti Polegato umettando con una goccia di vino le labbra del figlio Mario, batuffolo caldo appena nato fra le braccia della mamma Amalia. Il passato che ormai è memoria, il presente duro da vivere e il futuro ancora da

    – di Paolo Bricco

    • News24

    A Dogliani il festival dove tv e nuovi media si raccontano

    Si comincia questa sera, nella piazza principale di Dogliani, con il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda, insieme a Ferruccio De Bortoli e Carlo De Benedetti. Torna nel cuore delle Langhe il Festival della Tv e dei nuovi media. Alla sua sesta edizione, l'appuntamento ideato

    – di Filomena Greco

    • News24

    «La Stampa», festa per i 150 anni

    «La Stampa» di Torino apre i festeggiamenti per i suoi 150 anni nella prima aula del Senato della Repubblica italiana, a Palazzo Madama, e li chiude al Lingotto, simbolo del cuore industriale della città. Lo fa guardando al suo presente, rappresentato da John Elkann, presidente di Itedi - la

    – di Filomena Greco

    • Agora

    Da Agnelli a Zegna, i 13 italiani più ricchi della Svizzera (passando per Bonomi e Marchionne)

    Xavier Oberson, avvocato e docente all'Università di Ginevra li definisce senza nessuna parafrasi i «nuovi nomadi». E non si tratta di tuareg, di rom, sinti o zingari, comunque li si voglia chiamare. No, per Oberson i nuovi migranti sono i "nomadi fiscali", i milionari e i miliardari che decidono di cambiare luogo di residenza in funzione dei vantaggi che il paese di accoglienza è in grado di garantire. Vantaggi fiscali, naturalmente. In una parola, meno tasse. Il paradiso dei nuovi "nomadi" - n...

    – Angelo Mincuzzi

1-10 di 522 risultati