Le parole chiave

Cambio effettivo

Il cambio effettivo misura l’andamento di una valuta rispetto alle monete dei partner più importanti, evitando di far riferimento a un solo tasso di cambio che, per quanto importante, potrebbe rivelarsi fuorviante. È un numero indice, ed è calcolato con una media ponderata: ciascun cross (euro/dollaro, o euro/sterlina, per esempio) ha un peso definito dalle dimensioni dell’interscambio commerciale tra i due paesi, aggiornato nel tempo. Secondo l’ultimo calcolo, che risale al 2015, sul cambio effettivo dell’euro a 19 valute (ma la Bce calcola anche il cambio a 12 ,a 18 e a 38valute), l’euro/dollaro pesa per il 15,92%, e l’euro/sterlina
per il 12,99%.
L’euro/renminbi, di gran lunga il più importante, pesa per il 22,18%, l’euro/yen per il 6,69%, l’euro/zloty per il 6,40%. Se si tiene conto dell’inflazione, si può calcolare il cambio effettivo reale.

Ultimo aggiornamento 04 luglio 2016

Ultime notizie su Cambio effettivo
    • News24

    Brexit e banche sul tavolo della Bce

    Brexit e i suoi effetti, ovviamente. Poi i limiti tecnici al quantitative easing. Senza dimenticare la questione delle banche italiane. Le attese per la riunione di luglio della Banca centrale europea non contemplano tagli dei tassi - che forse sono ormai da escludere - o nuove iniziative di

    – Riccardo Sorrentino

    • News24

    Le banche centrali e l'arte della parola

    Ora è tutto più chiaro, e un po' più tranquillo. Merito delle banche centrali che oggi sanno come intervenire, anche solo verbalmente, per evitare che le turbolenze sui mercati spingano le quotazioni, e le economie "reali", fuori strada. Basterà anche per il futuro?

    – Riccardo Sorrentino

    • News24

    Sterlina sotto pressione

    La flessione è stata davvero brusca. Come brusco è stato il passaggio dalle attese della vigilia, che puntavano alla vittoria del Remain, ai primi risultati nella notte con il prevalere del Leave. Il ritorno della sterlina ai minimi di 31 anni fa segnala una fuoriuscita precipitosa di capitali,

    – Riccardo Sorrentino

    • News24

    Rimbalzo per euro e sterlina

    Tempesta finita? Il piccolo rimbalzo di sterlina ed euro, nella seduta di ieri, ha suscitato tra diversi operatori la sensazione che, dopo le pesanti perdite dei giorni scorsi, sia iniziata una fase di stabilizzazione. I rischi di nuovi ribassi sono ancora elevati, ma intanto la flessione si è

    – Riccardo Sorrentino

    • News24

    Eurozona di nuovo in deflazione

    Nessuna correzione. L'inflazione di aprile resta, anche nella seconda lettura, deludente come nel dato flash annunciato alla fine del mese scorso: -0,2% la variazione annuale, con un'inflazione di fondo, core, piuttosto bassa, allo 0,7 per cento.

    – Riccardo Sorrentino

    • News24

    Dollaro sotto pressione, euro sopra 1,16

    L'euro fa una rapida puntata oltre 1,16 dollari, là dove non si affacciava dall'agosto dello scorso anno, e poi rientra nei ranghi attorno ai livelli toccati il giorno precedente. Il ripiegamento del pomeriggio, che in genere i trader tendono a legare a una semplice correzione tecnica, non cambia

    – Maximilian Cellino

    • News24

    L'euro sfonda quota 1,15 dollari: al top da 9 mesi

    Un euro sopra 1,15 dollari non lo si vedeva dallo scorso agosto. A differenza di nove mesi fa non si avverte però la stessa tensione sui mercati finanziari e valutari in particolare (gran parte di quel balzo nei confronti del biglietto verde era stata innescata dalla svalutazione dello yuan) e

    – Maximilian Cellino

    • News24

    La Fed resterà prudente sui tassi per evitare un brusco rialzo del dollaro

    La diagnosi sembra buona. La disoccupazione Usa è ormai al 5%, e non è certo il leggero rialzo dal 4,9% di febbraio a preoccupare. L'inflazione misurata sui consumi personali - l'indice preferito dalla Fed - è all'1,84%. Le aspettative a cinque anni- cinque anni dopo non sono molto lontane

    – Riccardo Sorrentino

    • News24

    Paura Brexit, la sterlina scende ai livelli del 2009

    Si sta rivelando un gioco pericoloso. La prospettiva di un'uscita del Regno Unito dalla Ue, il Brexit, sul quale i britannici voteranno il 23 giugno, sta inquietando gli investitori, e sta rivelando, al tempo stesso, tutte le ambiguità dell'iniziativa di David Cameron.

    – Riccardo Sorrentino

1-10 di 141 risultati