Persone

Bruno Tabacci

Bruno Tabacci è nato a Quistello nel 1946, si è laureato in Economia e commercio a Parma ed è diventato libero professionista in materia economico-finanziaria.

Nella prima metà degli anni '80 ha diretto l'ufficio studi del Ministero dell'Industria con Giovanni Marcora e successivamente la segreteria tecnica del ministero del Tesoro con Giovanni Goria. Dal 1970 al 1985 è stato consigliere comunale in alcuni comuni del mantovano, tra cui la stessa Mantova. Dal 1985 al 1991 è stato consigliere regionale della Lombardia, e presidente della Lombardia dal 1987 al 1989. Nel 1988 è stato presidente di Alpe Adria, l'associazione delle regioni dell'area alpina e adriatica. Nel 1990 è presidente del gruppo consiliare Dc e poi vice presidente del consiglio regionale. Dal 1992 al 1994 è deputato per la Dc.

È stato consigliere d'amministrazione di Eni, Snam, Efibanca. Nel periodo 1999-2000 è stato presidente dell'Autocisa, dalla quale si è dimesso per candidarsi al Parlamento. È stato presidente della Commissione parlamentare per le Attività produttive, commercio e turismo.

Nel 2006 è stato rieletto nella Camera dei deputati nel collegio di Milano per l'Udc. Dal febbraio 2008 ha lasciato l'Udc per iscriversi al gruppo misto, fondando il movimento la Rosa Bianca. Nel 2009 lascia definitivamente l'Udc e fonda con Francesco Rutelli Alleanza per l'Italia.

Il 10 giugno del 2011 è stato nominato Assessore al Bilancio e ai Tributi nella Giunta del Sindaco di Milano Giuliano Pisapia.

(Il Sole 24 ORE, Lombardia, 22 giugno 2011, pagina 3)

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Udc | DC | Ministero dell'Industria | Eni | Rosa Bianca | Snam | Italia | Ministero del Tesoro | Francesco Rutelli | Giovanni Goria | Giovanni Marcora | Alleanza | Giuliano Pisapia | Autocisa | Adria Alpe | Montecitorio | Efibanca | Bruno Tabacci |

Ultime notizie su Bruno Tabacci
    • News24

    Gruppo misto, bacino di «riserva» per governi di minoranza

    Quello misto è il primo gruppo ad aver subito uno "scossone" in questo scorcio di legislatura. Partito con 36 membri, è sceso a quota 22 dopo la deroga concessa dall'Ufficio di presidenza della Camera alla costituzione del gruppo autonomo di Liberi e uguali (contava su 14 deputati, per regolamento

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Così vicine, così lontane. Perché città e province votano in maniera opposta

    Per scovare gli ultimi fortini del Pd in Italia bisogna aguzzare la vista, ma si può andare a intuito. In un paese spaccato a metà fra la destra di Salvini al nord e i Cinque stelle di Di Maio a sud, alcune eccezioni arrivano dalla capitale storica, quella «morale» e quella effettiva: Torino,

    – di Alberto Magnani

    • News24

    Elezioni 2018, ciò che resta del Pd

    Lo spoglio dei voti di domenica 4 marzo ci ha riservato numerose sorprese e poche conferme ecco quali sono state le sconfitte più cocenti della sinistra.

    • News24

    Così l'Italia chiude col passato: addio regioni rosse e re delle preferenze al Sud

    Forse il titolo più significativo delle elezioni del 5 marzo 2018 è quello di Enrico Mentana che alle 6 del mattino legge la nuova mappa d'Italia alla luce dei primi risultati: «Tutto il Sud tranne Agropoli», il movimento Cinque Stelle domina il mezzogiorno come non si vedeva dai tempi della Dc. Il

    – di Angela Manganaro

    • News24

    Padoan vince a Siena, sconfitti Minniti e Franceschini

    Nel Pd vincono Renzi, Gentiloni, Padoan, Delrio e Boschi. Ma subiscono una pesante sconfitta i ministri Minniti, Franceschini, Pinotti, De Vincenti, Fedeli. Oltre al presidente dem Orfini. Trionfa Di Maio nella sua Pomigliano. Arrivano ultimi nei loro collegi uninominali i big di Liberi e Uguali

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Liste Pd: De Vincenti ripescato, Cuperlo si chiama fuori, Boschi blindata

    De Vincenti rientra, Cuperlo si chiama fuori, Boschi blindata. Sono queste le ultime novità delle liste presentate dal Partito democratico e pubblicate sul sito del Pd nella tarda serata di sabato, al termine di ventiquattr'ore molto tese culminate nella direzione del partito, terminata alle 4 del

    • News24

    Elezioni, coalizione a 4 per centrodestra e centrosinistra

    Due coalizioni (una di centrodestra e una di centrosinistra) ognuna con quattro "gambe", pronte a contendersi i seggi nei collegi uninominali di Camera e Senato e a contare il peso di ciascun partito nei listini proporzionali. Alle quali vanno aggiunti, tra i partiti maggiori, M5s e Liberi e

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Centrosinistra, più vicina l'intesa Pd-radicali

    A cinque giorni dal termine (il 21 gennaio) per siglare i patti di coalizione nei collegi uninominali, l'intesa tra Pd e radicali non è ancora ufficiale, ma ci si muove ormai in questa direzione. «L'intesa è in primo luogo possibile per la comune convinzione che per l'Italia non vi sia futuro senza

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Elezioni, nelle coalizioni proliferano le liste

    Presentazione di simbolo, programma, statuto. E, soprattutto, della "dichiarazione di collegamento" ossia delle altre formazioni politiche con cui si intende formare una coalizione, "apparentandosi" nei collegi uninominali. Sono diversi gli adempimenti che i partiti dovranno formalizzare nei

    – di Andrea Gagliardi

1-10 di 325 risultati