Aziende

Bper Banca

La Banca Popolare dell'Emilia Romagna è un gruppo bancario quotato nell'indice FTSE MIB della Borsa di Milano e presente a livello continentale con una rete di oltre 1.100 sportelli in 13 diversi paesi.

La banca nasce nel 1867 con il nome di Banca Popolare di Modena Scarl. Dopo la fusione con la Banca Cooperativa di Bologna (avvenuta nel 1983) il nome viene modificato in Banca Popolare dell'Emilia, sostituito poi con la ragione sociale attuale dopo la fusione con la Banca Popolare di Cesena del 1992.

Nel 1994, con l'acquisizione della maggioranza di Banca Popolare di Ravenna, è partito il progetto di costituzione di un gruppo bancario federale, che riunisca numerose banche locali, delle quali sono però preservate autonomia e radicamento territoriale.

Fra il 1994 e il 2000 sono acquisiti numerosi istituti di credito, tra i quali la Banca Popolare di Crotone, il Credito Commerciale Tirreno, la Banca Popolare di Salerno e la Banca Popolare dell’Irpinia.

Il gruppo Banca Popolare dell’Emilia Romagna ha al suo interno banche territoriali (Banca Crv Cassa di Risparmio di Vignola, Banca della Campania, Banca di Sassari, Banca Popolare del Mezzogiorno, Banca Popolare di Aprilia, Banca Popolare di Lanciano e Sulmona, Banca Popolare di Ravenna, Banco di Sardegna, Carispaq Cassa di Risparmio della Provincia dell’Aquila e Banca Popolare dell’Emilia Romagna), Società di Prodotto specializzate, che operano nelle attività di leasing e factoring (come Arca Impresa gestioni Spa, Meliorbanca Spa e Sardaleasing Spa), una Società Finanziaria, la Em.Ro. Popolare Spa, e Società Strumentali, come Bper Services e Nettuno Gestione Crediti Spa.

All'estero il gruppo Banca Popolare dell’Emilia Romagna ha il controllo di Volksbank, istituto presente in Repubblica Ceca, Ungheria, Romania, Serbia, Slovenia, Croazia, della Emro Finance Ireland in Irlanda, della Bper International Advisory Company in Lussemburgo, della Sofipo in Svizzera e della Sintesi 2000, a Shanghai e Hong Kong.

Nel 2013 ha acquisito il controllo della Cassa di Risparmio di Bra e Serfina Banca.

Il 16 aprile del 2015 Banca popolare dell'Emilia Romagna cambia il marchio storico (quadrato inclinato e denominazione per esteso) nel nuovo "BPER: Banca".

Si propone con il nuovo marchio come istituto di credito che supera le aspettative dei clienti, grazie a una maggiore apertura verso il dialogo e l'ascolto (come indicano i due punti distintivi della comunicazione nel logo 'BPER: Banca').

La nuova denominazione "BPER Banca spa", viene registrata il 28 novembre del 2016 presso il registro delle imprese di Modena, il giorno successivo Ettore Caselli si dimette dalla carica di presidente del consiglio di amministrazione.

Ultimo aggiornamento 09 gennaio 2017

Ultime notizie su Bper Banca
    • News24

    Petrolio e minerari spingono le Borse. Milano al top da gennaio

    La corsa del greggio dopo le scorte Usa, con il Wti ai massimi da dicembre 2014 (a 68 dollari al barile), e gli acquisti sui minerari grazie al rally dei metalli di base, sull'allentamento delle tensioni Usa-Cina, hanno spinto Londra (+1,3% Ftse 100) e sostenuto le Borse europee che hanno chiuso la

    – di C. Di Cristofaro e A. Fontana

    • News24

    Cina e Fmi danno slancio all'Europa, Milano chiude a +1,37 con le banche

    Chiusura in deciso rialzo per i principali mercati europei con sorpasso sul finale della borsa di Francoforte che ha strappato a Piazza Affari la maglia rosa per la prestazione di giornata. Milano ha chiuso infatti a +1,37% mentre il Dax è salito dell'1,57%. Bene anche Londra (+0,50%) e Parigi

    – di C. Condina e C.Poggi

    • News24

    All'assemblea Bper vince la lista presentata dal cda

    L'assemblea dei soci di Bper Banca ha eletto il nuovo consiglio di amministrazione, dando piena fiducia alla lista presentata dal Cda. La lista 1, proposta dall'attuale board guidato da Alessandro Vandelli e sostenuta dai principali grandi soci della banca, ha ottenuto il 73,4% delle preferenze e

    – di Luca Davi

    • News24

    Europa guardinga sui dazi. Milano chiude positiva in scia a Wall Street

    Prima seduta settimanale guardinga per le Borse europee: nonostante la chiara risalita di Wall Street, dopo il tonfo di venerdì sera, il botta e risposta a colpi di dazi Usa-Cina consiglia cautela agli investitori e a questo si aggiunge il rafforzamento dell'euro/dollaro sopra 1,23 in attesa

    – di E. Micheli e A.Fontana

    • News24

    Mps crocevia del riassetto bancario, attende il nuovo governo

    Il settore bancario italiano va davvero verso una nuova fase di consolidamento? A spingere in questa direzione sono le autorità di Vigilanza italiane ed europee e il (non disinteressato) mondo delle banche d'affari e dei consulenti finanziari. Le motivazioni sono di tipo industriale e tengono conto

    – di Alessandro Graziani

    • News24

    Il fermento nell'auto annulla l'effetto hi-tech, l'Europa chiude positiva

    Chiusura positiva per le Borse europee nell'ultima seduta della settimana e del mese di marzo. In un clima prefestivo - domani Milano e le principali Borse continentali saranno chiuse - a Piazza Affari il Ftse Mib ha terminato in progresso dello 0,36%, sotto ai massimi di giornata. Hanno fatto

    – di Flavia Carletti

    • News24

    Sulle Borse venti di guerre commerciali. Wall Street chiude a -2,52%

    Il tema dei dazi Usa che il presidente Trump è pronto a introdurre, le preoccupazioni sul settore tecnologico dopo il caso Facebook e i segnali non univoci arrivati dalla Federal Reserve a guida Powell scatenano le vendite in tutta Europa. Mentre a Wall Street l'indice Dow Jones chiude a -2,93% e

    – di C. Di Cristofaro e A. Fontana

    • News24

    Unipol muove su Bper, lettera al consiglio per un board più forte

    Nessun uomo Unipol nel consiglio di amministrazione di Bper. Il primo azionista della banca popolare, con una quota di poco inferiore 10%, ha deciso di restare fuori dal board dell'istituto. E lo ha fatto mettendo nero su bianco le ragioni di questa precisa scelta di governance. Una mossa la cui

    – di Laura Galvagni

    • News24

    Borse deboli, Milano nella settimana post voto guadagna quasi il 4%

    Nel giorno della pubblicazione del rapporto sul mercato del lavoro Usa di febbraio, con un balzo della creazione dei nuovi posti, le Borse europee si sono mosse timidamente pur chiudendo tutte in positivo ad eccezione di Francoforte, mentre Wall Street sta reagendo con rialzi superiori all'1%.

    – di S. Arcudi e A.Fontana

1-10 di 861 risultati