Aziende

Bper Banca

La Banca Popolare dell'Emilia Romagna è un gruppo bancario quotato nell'indice FTSE MIB della Borsa di Milano e presente a livello continentale con una rete di oltre 1.100 sportelli in 13 diversi paesi.

La banca nasce nel 1867 con il nome di Banca Popolare di Modena Scarl. Dopo la fusione con la Banca Cooperativa di Bologna (avvenuta nel 1983) il nome viene modificato in Banca Popolare dell'Emilia, sostituito poi con la ragione sociale attuale dopo la fusione con la Banca Popolare di Cesena del 1992.

Nel 1994, con l'acquisizione della maggioranza di Banca Popolare di Ravenna, è partito il progetto di costituzione di un gruppo bancario federale, che riunisca numerose banche locali, delle quali sono però preservate autonomia e radicamento territoriale.

Fra il 1994 e il 2000 sono acquisiti numerosi istituti di credito, tra i quali la Banca Popolare di Crotone, il Credito Commerciale Tirreno, la Banca Popolare di Salerno e la Banca Popolare dell’Irpinia.

Il gruppo Banca Popolare dell’Emilia Romagna ha al suo interno banche territoriali (Banca Crv Cassa di Risparmio di Vignola, Banca della Campania, Banca di Sassari, Banca Popolare del Mezzogiorno, Banca Popolare di Aprilia, Banca Popolare di Lanciano e Sulmona, Banca Popolare di Ravenna, Banco di Sardegna, Carispaq Cassa di Risparmio della Provincia dell’Aquila e Banca Popolare dell’Emilia Romagna), Società di Prodotto specializzate, che operano nelle attività di leasing e factoring (come Arca Impresa gestioni Spa, Meliorbanca Spa e Sardaleasing Spa), una Società Finanziaria, la Em.Ro. Popolare Spa, e Società Strumentali, come Bper Services e Nettuno Gestione Crediti Spa.

All'estero il gruppo Banca Popolare dell’Emilia Romagna ha il controllo di Volksbank, istituto presente in Repubblica Ceca, Ungheria, Romania, Serbia, Slovenia, Croazia, della Emro Finance Ireland in Irlanda, della Bper International Advisory Company in Lussemburgo, della Sofipo in Svizzera e della Sintesi 2000, a Shanghai e Hong Kong.

Nel 2013 ha acquisito il controllo della Cassa di Risparmio di Bra e Serfina Banca.

Il 16 aprile del 2015 Banca popolare dell'Emilia Romagna cambia il marchio storico (quadrato inclinato e denominazione per esteso) nel nuovo "BPER: Banca".

Si propone con il nuovo marchio come istituto di credito che supera le aspettative dei clienti, grazie a una maggiore apertura verso il dialogo e l'ascolto (come indicano i due punti distintivi della comunicazione nel logo 'BPER: Banca').

La nuova denominazione "BPER Banca spa", viene registrata il 28 novembre del 2016 presso il registro delle imprese di Modena, il giorno successivo Ettore Caselli si dimette dalla carica di presidente del consiglio di amministrazione.

Ultimo aggiornamento 09 gennaio 2017

Ultime notizie su Bper Banca
    • News24

    Cesena Fiera, boom di eventi e ricavi. Ora Macfrut sbarca in Cina

    La piccola ma dinamica fiera di Cesena si lascia alle spalle un anno record, che fa da architrave al piano di sviluppo imperniato su privatizzazione e internazionalizzazione. Il bilancio 2016 approvato ieri dall'assemblea degli azionisti - che ha confermato alla presidenza Renzo Piraccini, segna

    – di Ilaria Vesentini

    • News24

    Borse giù per la crisi del Golfo. Milano -1%, stangata sulla Juve

    Investitori azionari lontani dagli azzardi nella prima seduta di una settimana che sarà tutta orientata agli appuntamenti di giovedì - le elezioni politiche inglesi, la riunione della Bce e la testimonianza al Senato Usa dell'ex capo dell'Fbi James Comey - e che complici anche le tensioni sul

    – di C. Condina e A. Fontana

    • News24

    Bper, boom di richieste per il Tier2 da 500 milioni

    Bper Banca è tornata sul mercato del debito dopo un'assenza di dieci anni collocando un bond Tier 2 da 500 milioni di euro scadenza 10 anni e call al quinto anno, raccogliendo richieste per un miliardo di euro. Il mercato attendeva questo deal dopo quelli di Intesa Sanpaolo e UniCredit nelle scorse

    • News24

    Nuovi record a Wall Street, Milano chiude a +0,4% con l'euro ai massimi

    Seduta volatile per le Borse europee che chiudono contrastate una giornata caratterizzata da pochi dati macro eccezion fatta per la produzione industriale Usa, salita ai massimi da quattro anni. Senza direzione anche Wall Street, che ha aperto sui nuovi massimi per poi ripiegare con l'euro che

    – di Cheo Condina

    • News24

    Milano chiude positiva in scia Wall Street e rally greggio. Corre Atlantia

    Chiusura positiva a Piazza Affari nella prima seduta della settimana. In lieve progresso anche Parigi, Francoforte e Londra, sulla scia di Wall Street. I principali indici continentali hanno avuto un andamento altalenante per gran parte della giornata, oscillando sulla parità senza particolari

    – di Flavia Carletti

    • News24

    Mediobanca al top da 3 mesi, M.Stanley scommette su capitale in eccesso

    Mediobanca sui massimi da gennaio in area 8,8 euro grazie al supportoarrivato dalla raccomandazione "overweight" ("sovrappesare" l'esposizione) emessa da Morgan Stanley sottolineando la spinta ai ricavi da parte delle attività di corporate&investment banking, il potenziale di crescita delle

    – di Andrea Fontana

    • News24

    Mediobanca al top da 3 mesi, M.Stanley scommette su capitale in eccesso

    Mediobanca sui massimi da gennaio in area 8,8 euro grazie al supportoarrivato dalla raccomandazione "overweight" ("sovrappesare" l'esposizione) emessa da Morgan Stanley sottolineando la spinta ai ricavi da parte delle attività di corporate&investment banking, il potenziale di crescita delle

    – di Andrea Fontana

    • News24

    Leasing sulla casa, poca offerta e interessi al 4%

    Il leasing abitativo per l'acquisto della prima casa, riservato a chi ha un reddito inferiore a 55mila euro al momento della richiesta, compie un anno da quando le banche hanno iniziato a introdurlo sul mercato.

    – di Adriano Lovera

    • News24

    Chiusura in rosso per l'Europa, Draghi non salva la giornata

    Chiusura in deciso calo a Piazza Affari in una giornata complessivamente debole per le Borse del Vecchio Continente. Mentre Wall Street ha invertito la rotta, passando in rosso dopo un avvio positivo, a Milano ilFTSE MIBha perso -1,15% e il Ftse All Share lo 0,95%, quando a Parigi il Cac40 è calato

    – di Flavia Carletti

1-10 di 38 risultati