Aziende

Bper Banca

La Banca Popolare dell'Emilia Romagna è un gruppo bancario quotato nell'indice FTSE MIB della Borsa di Milano e presente a livello continentale con una rete di oltre 1.100 sportelli in 13 diversi paesi.

La banca nasce nel 1867 con il nome di Banca Popolare di Modena Scarl. Dopo la fusione con la Banca Cooperativa di Bologna (avvenuta nel 1983) il nome viene modificato in Banca Popolare dell'Emilia, sostituito poi con la ragione sociale attuale dopo la fusione con la Banca Popolare di Cesena del 1992.

Nel 1994, con l'acquisizione della maggioranza di Banca Popolare di Ravenna, è partito il progetto di costituzione di un gruppo bancario federale, che riunisca numerose banche locali, delle quali sono però preservate autonomia e radicamento territoriale.

Fra il 1994 e il 2000 sono acquisiti numerosi istituti di credito, tra i quali la Banca Popolare di Crotone, il Credito Commerciale Tirreno, la Banca Popolare di Salerno e la Banca Popolare dell’Irpinia.

Il gruppo Banca Popolare dell’Emilia Romagna ha al suo interno banche territoriali (Banca Crv Cassa di Risparmio di Vignola, Banca della Campania, Banca di Sassari, Banca Popolare del Mezzogiorno, Banca Popolare di Aprilia, Banca Popolare di Lanciano e Sulmona, Banca Popolare di Ravenna, Banco di Sardegna, Carispaq Cassa di Risparmio della Provincia dell’Aquila e Banca Popolare dell’Emilia Romagna), Società di Prodotto specializzate, che operano nelle attività di leasing e factoring (come Arca Impresa gestioni Spa, Meliorbanca Spa e Sardaleasing Spa), una Società Finanziaria, la Em.Ro. Popolare Spa, e Società Strumentali, come Bper Services e Nettuno Gestione Crediti Spa.

All'estero il gruppo Banca Popolare dell’Emilia Romagna ha il controllo di Volksbank, istituto presente in Repubblica Ceca, Ungheria, Romania, Serbia, Slovenia, Croazia, della Emro Finance Ireland in Irlanda, della Bper International Advisory Company in Lussemburgo, della Sofipo in Svizzera e della Sintesi 2000, a Shanghai e Hong Kong.

Nel 2013 ha acquisito il controllo della Cassa di Risparmio di Bra e Serfina Banca.

Il 16 aprile del 2015 Banca popolare dell'Emilia Romagna cambia il marchio storico (quadrato inclinato e denominazione per esteso) nel nuovo "BPER: Banca".

Si propone con il nuovo marchio come istituto di credito che supera le aspettative dei clienti, grazie a una maggiore apertura verso il dialogo e l'ascolto (come indicano i due punti distintivi della comunicazione nel logo 'BPER: Banca').

La nuova denominazione "BPER Banca spa", viene registrata il 28 novembre del 2016 presso il registro delle imprese di Modena, il giorno successivo Ettore Caselli si dimette dalla carica di presidente del consiglio di amministrazione.

Ultimo aggiornamento 09 gennaio 2017

Ultime notizie su Bper Banca
    • News24

    Europa scoraggiata da Wall Street. Focus su Fca, male Buzzi

    Seduta in generale calo per le Borse europee, scoraggiate nel finale dal ribasso di Wall Street, con Milano in discesa dello 0,4%, Parigi in discesa dello 0,56%, Francoforte dello 0,62% e Madrid dello 0,4%. Ha tenuto meglio Londra, attorno alla parità (segui qui l''andamento degli indici). A

    – di E. Micheli e S. Arcudi

    • News24

    Europa volatile, giù Madrid. Piazza Affari debole, ma brilla Ferragamo

    Seduta a doppia velocità e con volumi di scambio non particolarmente elevati per le Borse europee. Milano ha terminato attorno alla parità (+0,11%), Londra ha chiuso in aumento dello 0,05%, Parigi ha guadagnato lo 0,67% e Francoforte lo 0,53%, nonostante l'indice tedesco Zew, che misura le

    – di E. Micheli e S. Arcudi

    • News24

    Seduta grigia, ma Milano riduce perdite sulla scia di Wall Street

    Chiusura sopra i minimi di giornata per le piazze europee, con Milano che ha ridotto i cali nel finale e ha terminato in ribasso dello 0,58%. Peggio le controparti del Vecchio Continente: Parigi ha perso lo 0,97%, Madrid lo 0,88%, Francoforte l'1,41%, schiacciata anche dai deludenti numeri

    – di C. Di Cristofaro e S. Arcudi

    • News24

    Draghi «colomba» rassicura i mercati: Milano +1,2%, l'euro crolla sotto 1,17

    I toni super-accomodanti di Mario Draghi, anche nell'annunciare la fine del Quantitative easing, hanno rassicurato i mercati e spinto le Borse europee, che hanno vissuto una seduta a due facce. A Milano il Ftse Mib ha guadagnato l'1,22%, sui massimi di giornata, a Parigi il Cac40 l'1,39% e a

    – di Flavia Carletti

    • News24

    Veneto Banca, i liquidatori avviano asta sul 19,999% in Arca Holding

    Veneto Banca, attualmente in liquidazione coatta amministrativa, avvia un'asta per la cessione del 19,999% di Arca Holding, che a sua volta controlla il 100% di Arca sgr. Quest'ultima, stando ai dati 2017, ha un patrimonio in gestione superiore a 32 miliardi di euro, un margine di intermediazione a

    – di Cheo Condina

    • News24

    All'assemblea Bper vince la lista presentata dal cda

    L'assemblea dei soci di Bper Banca ha eletto il nuovo consiglio di amministrazione, dando piena fiducia alla lista presentata dal Cda. La lista 1, proposta dall'attuale board guidato da Alessandro Vandelli e sostenuta dai principali grandi soci della banca, ha ottenuto il 73,4% delle preferenze e

    – di Luca Davi

    • News24

    Sifà, business in crescita del 190% nel 2017

    Sifà, Società Italiana Flotte Aziendali, ha chiuso il 2017 con un parco auto circolante di 6.000 unità, un incremento del 190% rispetto all'anno precedente.Nel corso dei dodici mesi lha raggiunto una serie di importanti obiettivi tra cui superare il break even point e il numero di ordini prefissati

    – di Giulia Paganoni

    • News24

    Wall Street chiude in forte rialzo, Europa ancora giù

    Seduta al cardiopalma per le principali Borse europee che chiudono con forti perdite (ma comunque sopra i minimi di giornata) mentre a Wall Street, dopo una giornata dominata dalla volatilità, la seduta si chiude in rally, con indici in forte rialzo. Il Dow Jones sale infatti del 2,34% a 24.915,10

    – di Cheo Condina

    • News24

    Banche deboli in Borsa, gli Npl tornano sotto i riflettori

    Banche con il segno meno a Piazza Affari, con le ex popolari che sono le più penalizzate mentre si torna a ragionare sui livelli degli Npl. Sul listino milanese segnano il passo Banco Bpm, Bper Banca e Ubi Banca mentre sono passate in territorio leggermente positivoIntesa Sanpaolo e Unicredit. Ieri

    – di Chiara Di Cristofaro

1-10 di 63 risultati