Persone

Boris Johnson

Alexander Boris de Pfeffel Johnson è nato il 19 giugno del 1964 a New York ed è un politico e giornalista britannico con cittadinanza statunitense, membro del Partito Conservatore.

E' stato sindaco di Londra per due mandati, dal 4 maggio del 2008 al 9 maggio del 2016 ed è l'attuale Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth.

Conservatore ma sostenitore del presidente statunitense Barack Obama (del Partito democractico), negli anni in cui ha vissuto a Bruxelles ha studiato alla scuola europea e poi a Eton e ad Oxford.

Eletto al parlamento britannico per la circoscrizione di Henley nel 2001, è stato ministro ombra della Cultura nel 2004 col governo di Michael Howard e dal 2005 ministro dell'Istruzione, nel governo di David Cameron.

Candidatosi alle eleziona amministrative di Londra del maggio del 2008, è risultato vincitore sul laburista Ken Livingstone, assicurandosi una duratura maggioranza in consiglio comunale.

Il 4 maggio del 2012 viene rieletto per il secondo mandato di sindaco di Londra, battendo nuovamente al ballottagio il candidato laburista Ken Livingstone.

Il 7 maggio del 2015 viene nuovamente eletto al Parlamento britannico per la circoscrizione di Uxbridge.

Nel 2016 manifesta il suo consenso alla campagna refendaria per far uscire il Regno Unito dall'Unione Europea. Con la vittoria del fronte della Brexit, le dimissioni di David Cameron e la nomina del nuovo Primo Ministro britannico, Theresa May, Boris Johnson il 13 luglio del 2016, viene nominato Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth.

E' sposato in seconde nozze con Marina Wheeler ed è padre di quattro figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Boris Johnson
    • News24

    Brexit, Barnier: «No alla proposta di Londra sull'Irlanda»

    DAL NOSTRO CORRISPONDENTEBRUXELLES - Si conferma sempre complesso il negoziato in vista dell'uscita della Gran Bretagna dall'Unione, fissata per il 29 marzo 2019. Il capo-negoziatore europeo Michel Barnier ha spiegato a Bruxelles che la soluzione proposta da Londra per evitare il ritorno di una

    – di Beda Romano

    • News24

    Brexit, May rinvia a oltranza la legge su uscita dalla Ue: troppe divisioni

    LONDRA. Procrastinare è la strategia di Theresa May su Brexit: a fronte di problemi insolubili e divisioni inconciliabili nel suo Governo, la premier britannica prende tempo e rinvia ogni decisione. La prevista riunione del "war cabinet" su Brexit è stata rimandata per evitare i contrasti emersi la

    – di Nicol Degli Innocenti

    • News24

    Iran, oggi Trump decide se uscire dall'accordo sul nucleare

    La decisione americana sul futuro dell'accordo nucleare con l'Iran incombe. E oggi Trump, come ha preannunciato in un twitter, scioglierà le riserve. Il nervosismo scuote la politica e i mercati. Ieri, davanti allo spettro di un'uscita di Donald Trump dal patto, sulle piazze delle commodities il

    – di Marco Valsania

    • Agora

    Le elezioni locali hanno cambiato ben poco negli equilibri di Westminster

    Chi si attendeva uno scatto in avanti dei laburisti e un crollo dei conservatori alle elezioni locali del 3 maggio è rimasto fortemente deluso. Le faide che dividono i Tory sulla Brexit e i recenti scandali sugli immigrati del Commonwealth che si sono visti per un attimo spogliati dei diritti di cittadinanza, non hanno inciso sulle sorti elettorali del partito di Governo. Anche perché la continua ambiguità di Corbyn sulla Brexit e i recenti scandali di anti-semitismo nel Labour con imbarazzanti ...

    – Marco Niada

    • News24

    Brexit, May pronta a cedere ai falchi nel governo sull'unione doganale

    LONDRA - Theresa May è pronta a rimettere tutto in discussione su uno dei punti più controversi nelle trattative per la Brexit. La premier britannica ha dichiarato oggi in Parlamento che la sua posizione sulla cruciale questione dell'unione doganale è «in continua evoluzione» e che non ci sono solo

    – di Nicol Degli Innocenti

    • Agora

    Una spallata destabilizzante al Governo May

    Come era ormai inevitabile, il ministro degli Interni (Home Secretary) Amber Rudd ha dato le dimissioni dal Governo britannico. Da quanto emerso da un carteggio con Theresa May reso pubblico domenica sera, il gesto è stato volontario, non richiesto, né sollecitato o "accompagnato" dal Primo ministro. La Rudd ha giustificato il proprio atto col fatto che un peccato per omissione vale quanto un atto riprovevole e ne ha tratto le conseguenze. Ha giurato di non avere mai avuto intenzione di mentire ...

    – Marco Niada

    • News24

    Alfie ora viene nutrito, a 36 ore dal distacco del ventilatore meccanico

    Il piccolo Alfie Evans, il bimbo inglese affetto da una patologia neurologica degenerativa sconosciuta e ricoverato all'ospedale pediatrico Alder Hey di Liverpool, è tornato a ricevere nutrimento assistito, dopo aver resistito senza "per 36 ore" ed essere ormai entrato nel secondo giorno di vita,

    • News24

    Caso Skripal, tutti i dubbi sulla colpevolezza di Mosca

    Quando Serghej Skripal e la figlia Yulia vennero trovati semi-incoscienti in una panchina di Salisbury, il 4 marzo scorso, la vicenda venne immediatamente paragonata al caso Litvinenko: l'ex agente dell'Fsb ucciso a Londra nel 2006, avvelenato da un tè "spruzzato" con polonio. Ma ora che gli

    – di Antonella Scott

    • News24

    Russia-Occidente, gli effetti economici di una nuova «guerra fredda»

    Alcuni Paesi hanno già avvertito: non si tratta solo di espellere qualche diplomatico sospettato di appartenere ai servizi di intelligence russi. Alla catena di annunci rimbalzati da una capitale all'altra lunedì potrebbero seguire ulteriori provvedimenti, destinati a incidere più a fondo nel

    – di Antonella Scott

    • News24

    Crisi diplomatica e tragedia in Siberia, i due fronti aperti di Putin

    Vladimir Putin ha proclamato per il 28 marzo una giornata di lutto nazionale. Dall'estero, le condoglianze arrivano insieme agli annunci di nuove espulsioni, che allungano la lista dei Paesi che insieme alla Nato hanno ordinato la partenza di ormai 150 diplomatici russi in risposta al caso Skripal,

    – di Antonella Scott

1-10 di 409 risultati