Persone

Boris Johnson

Alexander Boris de Pfeffel Johnson è nato il 19 giugno del 1964 a New York ed è un politico e giornalista britannico con cittadinanza statunitense, membro del Partito Conservatore.

E' stato sindaco di Londra per due mandati, dal 4 maggio del 2008 al 9 maggio del 2016 ed è l'attuale Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth.

Conservatore ma sostenitore del presidente statunitense Barack Obama (del Partito democractico), negli anni in cui ha vissuto a Bruxelles ha studiato alla scuola europea e poi a Eton e ad Oxford.

Eletto al parlamento britannico per la circoscrizione di Henley nel 2001, è stato ministro ombra della Cultura nel 2004 col governo di Michael Howard e dal 2005 ministro dell'Istruzione, nel governo di David Cameron.

Candidatosi alle eleziona amministrative di Londra del maggio del 2008, è risultato vincitore sul laburista Ken Livingstone, assicurandosi una duratura maggioranza in consiglio comunale.

Il 4 maggio del 2012 viene rieletto per il secondo mandato di sindaco di Londra, battendo nuovamente al ballottagio il candidato laburista Ken Livingstone.

Il 7 maggio del 2015 viene nuovamente eletto al Parlamento britannico per la circoscrizione di Uxbridge.

Nel 2016 manifesta il suo consenso alla campagna refendaria per far uscire il Regno Unito dall'Unione Europea. Con la vittoria del fronte della Brexit, le dimissioni di David Cameron e la nomina del nuovo Primo Ministro britannico, Theresa May, Boris Johnson il 13 luglio del 2016, viene nominato Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth.

E' sposato in seconde nozze con Marina Wheeler ed è padre di quattro figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Boris Johnson
    • Agora

    Così parlò Mark Carney, "nemico" della Brexit

    Davanti ad argomenti del genere, che hanno come contro-argomentazione soltanto un ottimismo giulivo di un mondo che sorriderà al Regno Unito < permettendo al leone di ruggire ancora > come allegramente dichiara Boris Johnson, è difficile discutere.

    – Marco Niada

    • Agora

    I kamikaze della Brexit prendono la mano

    I Brexiters sono stati i più agguerriti nelle critiche, al punto che due pesi massimi del Governo hanno dato le dimissioni: il ministro per la Brexit David Davies e il ministro degli Esteri (Foreign Secretary) Boris Johnson hanno deciso di lasciare la scialuppa del Governo mostrando platealmente il loro dissenso.

    – Marco Niada

    • News24

    Ecco la nuova Brexit, dalle banche ai cittadini i 10 punti del piano May

    Sia le colombe sia i falchi di Londra sono scontenti; Trump dice la sua: «Non sono sicuro che i britannici hanno votato per questo»; il capo negoziatore Ue Michel Barnier twitta che si riserva di analizzare la nuova proposta del governo britannico a pochi giorni dalle dimissioni di David Davis e Boris Johnson, i due ministri contrari a questa uscita considerata più soft.

    – a cura di Angela Manganaro

    • News24

    Brexit, l'ultimo assedio a Theresa May

    Le dimissioni del ministro di Brexit David Davis sommate a quelle del ministro degli esteri Boris Johnson diventano il ... Le dimissioni del ministro di Brexit David Davis sommate a quelle del ministro degli esteri Boris Johnson diventano il peggior guaio per Theresa May. ... Non basta riconoscere che le dimissioni di Davis fossero attese da tempo e che quelle di Boris Johnson fossero una minaccia immanente per ridimensionarne le conseguenze. ... Le dimissioni di Boris Johnson hanno ridotto in...

    – di Leonardo Maisano

    • News24

    Sterlina sotto pressione su uscita ministri, traballa Governo May

    Il colpo di scena domenicale nel mondo politico del Regno Unito non ha scosso la sterlina, ma il «sequel» di inizio settimana un po' sì. La valuta britannica in avvio di seduta aveva ignorato le dimissioni a sorpresa del ministro per la Brexit David Davis, del suo vice Steve Baker e del

    – di Stefania Arcudi

1-10 di 424 risultati