Persone

Boris Johnson

Alexander Boris de Pfeffel Johnson è nato il 19 giugno del 1964 a New York ed è un politico e giornalista britannico con cittadinanza statunitense, membro del Partito Conservatore.

E' stato sindaco di Londra per due mandati, dal 4 maggio del 2008 al 9 maggio del 2016 ed è l'attuale Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth.

Conservatore ma sostenitore del presidente statunitense Barack Obama (del Partito democractico), negli anni in cui ha vissuto a Bruxelles ha studiato alla scuola europea e poi a Eton e ad Oxford.

Eletto al parlamento britannico per la circoscrizione di Henley nel 2001, è stato ministro ombra della Cultura nel 2004 col governo di Michael Howard e dal 2005 ministro dell'Istruzione, nel governo di David Cameron.

Candidatosi alle eleziona amministrative di Londra del maggio del 2008, è risultato vincitore sul laburista Ken Livingstone, assicurandosi una duratura maggioranza in consiglio comunale.

Il 4 maggio del 2012 viene rieletto per il secondo mandato di sindaco di Londra, battendo nuovamente al ballottagio il candidato laburista Ken Livingstone.

Il 7 maggio del 2015 viene nuovamente eletto al Parlamento britannico per la circoscrizione di Uxbridge.

Nel 2016 manifesta il suo consenso alla campagna refendaria per far uscire il Regno Unito dall'Unione Europea. Con la vittoria del fronte della Brexit, le dimissioni di David Cameron e la nomina del nuovo Primo Ministro britannico, Theresa May, Boris Johnson il 13 luglio del 2016, viene nominato Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth.

E' sposato in seconde nozze con Marina Wheeler ed è padre di quattro figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Boris Johnson
    • Agora

    La copiosa emorragia del sistema sanitario britannico

    In questo clima di scoramento e rabbia il segretario (ministro) agli Esteri Boris Johnson, uno dei paladini della Brexit e sostenitore dello slogan secondo cui dopo la Brexit il NHS potrà ricevere 362 milioni la settimana di fondi risparmiati dai trasferimenti a Bruxelles, ieri ha rifatto i conti e guardando ai futuri contributi al budget UE che non verranno più pagati, ha aggiornato al rialzo la cifra a 438 milioni di sterline.

    – Marco Niada

    • News24

    Colpo di coda dei falchi di Brexit

    Il momento di quiete e soddisfazione di Theresa May non è durato molto. A ventiquattro ore dall'annuncio dell'accordo con la Ue a Bruxelles, il fronte pro-Brexit lo ha già messo in dubbio. «Nulla è concordato finchè tutto è concordato» ha fatto sapere ieri Michael Gove, ministro dell'Ambiente e

    • News24

    Trump: «Gerusalemme è la capitale di Israele. Ora la pace»

    New York - Donald Trump ha annunciato la sua grande "svolta" su uno dei più intrattabili drammi della politica internazionale. Ha strappato 70 anni di tradizione diplomatica americana e riconosciuto Gerusalemme quale capitale dello Stato d'Israele, avviando il trasloco nella città contesa

    – di Marco Valsania

    • Agora

    Lo spirito del bottegaio che anima la Brexit

    Ai britannici piace contare e misurare ogni cosa a volte al limite del grottesco. E' d'altronde dal mondo anglosassone che vengono i metodi quantitativi nelle scienze sociali. I numeri imbevono l'analisi sociologica, per non parlare di quella economica e finanziaria. I numeri rassicurano, delimitano un problema, lo rendono paragonabile, classificabile e concatenabile, oltre che presentabile e comprensibile. Sono per certi versi un ansiolitico,  uno dei pilastri alla base del pragmatismo degli in...

    – Marco Niada

    • Agora

    Una Brexit poco promettente per le forze armate britanniche

    Nell'iconografia degli entusiasti della Brexit, la Gran Bretagna, libera dalle catene della UE non potrà che rifiorire, proiettando nuovamente nel mondo la propria maestà. Uno dei recenti slogan di Boris Johnson, il segretario agli Esteri apologeta del divorzio dall'Europa è stato infatti < let the lion roar again >, facciamo ruggire nuovamente il leone.  Ma quanto fiato è rimasto in gola al vecchio felino inglese per fare sentire il suo ruggito? Quanto è potente ancora militarmente il Paese? Un...

    – Marco Niada

    • News24

    • News24

    Da 23 Paesi ok alla Difesa comune europea

    BRUXELLES - Ventitrè paesi europei hanno confermato oggi il desiderio di partecipare a una cooperazione rafforzata nel settore delicatissimo della difesa. La firma è avvenuta questa mattina a Bruxelles durante una riunione congiunta dei ministri della Difesa e degli Esteri. L'Alta Rappresentante

    – dal nostro corrispondente Beda Romano

    • News24

    Fronda contro Theresa May, cade la sterlina

    Inizio settimana difficile per Theresa May: la premier britannica è sotto assedio, stretta tra le richieste dell'opposizione e le pressioni dei deputati conservatori, costretta dall'ultimatum dell'Ue a scoprire le carte ma troppo debole politicamente per fare concessioni a Bruxelles. Domani intanto

    – di Nicol Degli Innocenti

1-10 di 387 risultati