Persone

Boris Johnson

Alexander Boris de Pfeffel Johnson è nato il 19 giugno del 1964 a New York ed è un politico e giornalista britannico con cittadinanza statunitense, membro del Partito Conservatore.

E' stato sindaco di Londra per due mandati, dal 4 maggio del 2008 al 9 maggio del 2016 ed è l'attuale Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth.

Conservatore ma sostenitore del presidente statunitense Barack Obama (del Partito democractico), negli anni in cui ha vissuto a Bruxelles ha studiato alla scuola europea e poi a Eton e ad Oxford.

Eletto al parlamento britannico per la circoscrizione di Henley nel 2001, è stato ministro ombra della Cultura nel 2004 col governo di Michael Howard e dal 2005 ministro dell'Istruzione, nel governo di David Cameron.

Candidatosi alle eleziona amministrative di Londra del maggio del 2008, è risultato vincitore sul laburista Ken Livingstone, assicurandosi una duratura maggioranza in consiglio comunale.

Il 4 maggio del 2012 viene rieletto per il secondo mandato di sindaco di Londra, battendo nuovamente al ballottagio il candidato laburista Ken Livingstone.

Il 7 maggio del 2015 viene nuovamente eletto al Parlamento britannico per la circoscrizione di Uxbridge.

Nel 2016 manifesta il suo consenso alla campagna refendaria per far uscire il Regno Unito dall'Unione Europea. Con la vittoria del fronte della Brexit, le dimissioni di David Cameron e la nomina del nuovo Primo Ministro britannico, Theresa May, Boris Johnson il 13 luglio del 2016, viene nominato Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth.

E' sposato in seconde nozze con Marina Wheeler ed è padre di quattro figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Boris Johnson
    • News24

    Il primo effetto dell'addio di Londra alla Ue

    Le battute di Boris Johnson sul prosecco e sulle Bmw lasciano il tempo che trovano, anche se non c'è dubbio che le imprese europee si debbano attrezzare a fare i conti con l'apporto depotenziato di un mercato importante.

    – di Alessandro Merli

    • News24

    Il complicato divorzio del Regno Unito

    Secondo il segretario agli Esteri britannico Boris Johnson, in questo giro di negoziati siamo noi ad avere le carte in mano perché gli europei vogliono continuare a venderci i loro prodotti, come il Prosecco.

    – di Chris Patten

    • News24

    Il 29 marzo comincia la partita di Brexit

    Un primato che condivide con il ministro per il commercio internazionale Liam Fox e con quello degli affari esteri Boris Johnson.

    – Leonardo Maisano

    • News24

    Da dove vengono (e dove ci porteranno) i nuovi populismi

    La risposta dipenderà da quanto a lungo i loro sostenitori resteranno convinti di poter avere la botte piena e la moglie ubriaca - che è esattamente ciò che l'ex leader della Brexit e attuale ministro degli Esteri britannico Boris Johnson ha promesso agli elettori che hanno votato per l'uscita dall'Ue.

    – di Brigitte Granville

    • News24

    La sconcertante Brexit strategy della May

    Quelle stesse che Theresa May magari critica ma, implicitamente, ipotizza di rilanciare affidandosi alla retorica cara al ministro del Commercio Liam Fiox e anche a quello degli Esteri Boris Johnson.

    – di Leonardo Maisano

    • News24

    Perché Trump sarà un disastro per Brexit

    Per ragioni politiche, il ministro degli Esteri Boris Johnson deve promuovere la prospettiva di un accordo commerciale con Trump. Eppure solo pochi mesi fa Johnson andava dicendo che Trump è «fuori di testa» e che tradisce una «stupefacente ignoranza» del mondo. Se non fosse stato per Brexit - una causa che Johnson ha sostenuto in maniera entusiastica - il governo inglese potrebbe adottare un approccio diffidente nei confronti di Trump.

    – di Gideon Rachman

    • News24

    Il ministro inglese telefona al genero di Trump: il bando vale per noi?

    Il ministro degli esteri Boris Johnson, funambolico campione di Brexit raffigurato nei murales di Bristol mentre bacia Trump, ieri pomeriggio telefona al genero del presidente, Jared Kushner, parente ma anche consigliere del presidente con delega... Il 35enne nominato da Trump rassicura Johnson: non ti preoccupare, i britannici non avranno alcun problema, tutto come prima. A ogni modo in un sussulto di orgoglio il ministro Johnson twitta: «credo che questo ordine sia sbagliato e divida...

    – di Angela Manganaro

    • News24

    Onu: bando illegale e meschino. Tensione tra Casa Bianca e diplomatici

    L'ordine esecutivo con cui il presidente Donald Trump vieta l'ingresso in America per 90 giorni ai cittadini di sette Paesi a maggioranza islamica -Iran, Iraq, Libia, Somalia Sudan, Siria e Yemen - e per 120 giorni a tutti i rifugiati indipendendentemente dalla nazionalità, ha scatenato reazioni

    – di Redazione Online

1-10 di 337 risultati