Persone

Bob Dylan

Bob Dylan è un cantautore e compositore statunitense nato a Duluth il 24 maggio 1941. Il suo vero nome è Robert Allen Zimmerman. Il 13 ottobre 2016 gli è stato assegnato il premio Nobel per la Letteratura per "aver creato una nuova espressione poetica nell'ambito della tradizione della grande canzone americana".

Definire Bob Dylan un cantautore è forse un po' riduttivo, essendo il poliedrico artista americano anche scrittore, poeta, pittore, attore e conduttore radiofonico.

La sua produzione artistica va oltre lo stretto ambito musicale, per abbracciare l'intera cultura popolare. Soprattutto negli anni Sessanta le sue canzoni sono diventate simbolo del movimento di protesta, assurte a bandiera del movimento pacifista e per i diritti civili. La carriera di Bob Dylan è lunghissima e costellata di grandi successi. Inizia alla fine degli anni Cinquanta anche se il successo arriva nei primi anni Sessanta, e continua tuttora.

Col tempo Bob Bylan ha abbracciato diversi stili musicali: dopo aver cominciato con uno stile molto personale, fatto praticamente solo di chitarra, tastiera e armonica a bocca, si è poi accostato ad altri generi quali il country, il blues e il rock'n'roll.

Nella sua sconfinata carriera ha ricevuto i Grammy Award e i Golden Globe ed è stato incluso nella Rock & Roll Hall of Fame. Nel 1999 TIME lo ha inserito tra le cento più influenti personalità del XX secolo, mentre la rivista Rolling Stone lo ha classificato come secondo artista rock di tutti i tempi, dietro ai Beatles.

Insieme a Leonard Cohen, è forse l'artista che al mondo ha visto realizzate il maggior numero di cover delle proprie canzoni, a testimonianza dell'enorme influenza che ha avuto su diverse generazioni di artisti.

Ultimo aggiornamento 13 ottobre 2016

Ultime notizie su Bob Dylan
    • News24

    Le parole e la musica che gira intorno

    La canzone moderna ha, si può dire, mezzo secolo di vita: vale a dire che sono ancora su questa terra alcuni dei pionieri che l’hanno creata, come Bob Dylan e Paul McCartney. ... Quando la Rock and Roll Hall of Fame elogia Leonard Cohen per avere, in mezzo secolo di carriera, «raised the songwriting bar», è a questa iniezione di verità e profondità che intende rendere omaggio; e qualcosa di simile fa l’Accademia di Svezia quando assegna a Bob Dylan il premio Nobel per la letteratura.

    – di Claudio Giunta

    • News24

    Philip Roth, la fiducia nella parola scritta e il Nobel mancato

    La morte di Philip Roth arriva a pochi giorni di distanza dalla notizia che quest'anno il Premio Nobel per la Letteratura non sarà assegnato, per via di scandali extraletterari. Il destino ha scelto di congiungere i due protagonisti di una storia infinita in un momento decisivo, estremo, visto che

    – di Stefano Salis

    • News24

    Salta il Nobel per la letteratura, dopo il pasticcio in salsa svedese

    L'Accademia svedese ha deciso: il Premio Nobel per la letteratura non verrà assegnato nel 2018. Resta in piedi l'ipotesi, però, di assegnarne 2 nel 2019.Una decisione storica (l'ultima volta che il Nobel non fu assegnato erano tempi di guerra, il 1943), soprattutto per le circostanze nelle quali è

    – di Stefano Salis

    • News24

    Sexgate a Stoccolma: il Nobel 2018 per la letteratura non sarà assegnato

    Se, come sanno bene gli amanti delle lettere, c'è del marcio in Danimarca, Stoccolma non è certo da meno: il sexgate abbattutosi sull'Accademia svedese ha portato alla storica decisione di non assegnare il Premio Nobel 2018 per la letteratura. In compenso, si dovrebbe recuperare l'anno prossimo,

    – di Francesco Prisco

    • News24

    Il produttore di chitarre Gibson fa domanda alla corte fallimentare

    E anche per Gibson Brands - gruppo che in 116 anni ha scritto la storia della chitarra elettrica e negli ultimi quattro ha dovuto fare i conti con uno sfortunato tentativo di diversificazione e le nuove regole sull'import di palissandro - venne il giorno del famigerato «Chapter 11». Il colosso

    – di Francesco Prisco

    • Agora

    "Cosa accidenti pensa, Bobdìlan, mentre canta Forever Young?"

    Il titolo di questo post è rubato da un libro di Luca Sofri, e quindi se avete cliccato e state leggendo queste parole è merito suo. La frase di Sofri è contenuta in "Playlist", che è un libro bello perché è come il Vangelo: non sei obbligato a seguire un ordine, puoi saltare qua e là e cercare di volta in volta la parabola (o la canzone) che più ti consola. Non so se lo finirò mai - in effetti ora che ci penso non so nemmeno se ho finito tutto il Vangelo - ma ogni tanto lo apro quando ho bisogn...

    – Francesca Milano

    • News24

    Gli effetti di Spotify sulla musica: così la app «decide» quello che ascoltiamo

    C'è stato un tempo in cui il music business era soprattutto artigianato: la chitarra di Elvis Presley davanti a un microfono della Sun Records e poco altro. Poi è diventato arte, qualcosa capace di tentare nuovi linguaggi (Beatles), addirittura poesia (Bob Dylan). A partire dagli anni Settanta il

    – di Francesco Prisco

    • News24

    Pasqua da Nobel con Bob Dylan

    Fermi tutti: c'è un premio Nobel per la letteratura sul palco a cantare. Non sappiamo se vi è mai capitata un'esperienza del genere, quanto alle possibilità che si verifichi di nuovo abbiamo più di qualche ragionevole dubbio. E allora infilatevi qualcosa, uscite di casa e andate a teatro a

    – di Francesco Prisco

    • Agora

    Ligabue, Woody Guthrie e la colonna sonora della globalizzazione

    Nel recente film di Luciano Ligabue "Made in Italy" c'è una frase semplice ma simbolica: "Mio nonno ha costruito la casa, mio padre l'ha ingrandita e io non riesco a mantenerla". Mi è venuta in mente per associazione un frase simile del film di Federico Fellini in Amarcord, quando uno dei protagonisti parla di suo padre che costruisce i mattoni ma non ha mai potuto costruire una casa per sé.  Come spesso accade ai poeti e cantautori in una sola frase sanno raccontare, in sintesi, fenomeni comple...

    – Vittorio Da Rold

    • News24

    Musica: morto David Zard, l'imprenditore che portò il grande rock in Italia

    David Zard, organizzatore di concerti e impresario musicale, è morto questa mattina a Roma, all'età di 75 anni, compiuti da pochi giorni. E' deceduto per complicazioni. Lo apprende il Sole 24 Ore. Zard, di famiglia ebraica, era nato a Tripoli, il 6 gennaio del 1943. Comincia la sua attività di

    – di Elisabetta Fiorito

1-10 di 434 risultati