Persone

Bibi Netanyahu

Bibi Netanyahu (Bibi è il nomignolo con cui è universalmente noto ma si chiama, in realtà, Benjamin) è un politico israeliano, attualmente Primo Ministro dello stato di Israele. A questa carica è arrivato dopo le elezioni del 2009. In realtà il suo partito, il Likud, era arrivato secondo alle elezioni, dietro Kadima di Tzipi Livni, la quale, però, non è riuscita a trovare una maggioranza per formare il governo. In precedenza Netanyahu è stato ministro delle finanze nel governo di Ariel Sharon, dimettendosi per protesta contro il piano di ritiro da Gaza.

Netanyahu era stato eletto primo ministro già in precedenza, e precisamente dal 1996 al 1999, dopo aver vinto le elezioni contro Shimon Peres. All'epoca Peres, che era succeduto come primo ministro all'assassinato Rabin, non era in grado di arginare gli attentanti palestinesi contro la popolazione civile israeliana, mentre Netanyahu era stato capace di cavalcare il malcontento e l'insicurezza popolare. La campagna elettorale di Netanyahu fu improntata a uno stile americano, avvalendosi anche di consulenti venuti dagli Stati Uniti, dove peraltro lo stesso Netanyahu aveva compiuto gli studi universitari.

Da primo ministro, nonostante i negoziati portati avanti con i palestinesi, è stato accusato di porre in stallo le trattative di pace. In effetti, durante il suo mandato, non furono rispettati i punti previsti dal trattato di Oslo. Paradossalmente però Netanyahu ha poi perso la maggioranza politica perché i partiti di estrema destra lo hanno accusato di aver concesso troppo ai palestinesi. Netanyahu è il primo e attualmente unico primo ministro israeliano ad essere nato dopo la creazione dello stato di Israele.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Bibi Netanyahu
    • Agora

    Israele e Iran: sindromi belliche

    Eppure Trump e il suo segretario di Stato Mike Pompeo, sostenuti da Bibi Netanyahu e i sauditi, puntano a un cambio di regime a Teheran.

    – Ugo Tramballi

    • News24

    «Israele Stato-Nazione degli ebrei», ecco perché la legge fa discutere

    Il risultato della legge che ha valore quasi-costituzionale (nel paese non esiste una Costituzione) è questo: "Israele, patria del popolo ebraico"; "La realizzazione del diritto di autodeterminazione nazionale in Israele, è unica per il popolo ebraico"; "Gerusalemme unita come capitale"; l'ebraico come lingua ufficiale (status speciale per l'arabo, promette il premier Bibi Netanyahu"); "Lo stato guarda allo sviluppo dell'insediamento ebraico come un valore nazionale e agirà per incoraggiare e...

    – di Ugo Tramballi

    • Agora

    La pace del secolo fra Israele e Palestina (Trump dixit)

    Il governo di estrema destra di Bibi Netanyahu ha abbandonato l'idea di una soluzione con due stati, sta colonizzando i quartieri arabi di Gerusalemme ed è ormai a un passo dalla realizzazione dell'obiettivo che si era posto: una Grande Israele dal Mediterraneo al fiume Giordano.

    – Ugo Tramballi

    • News24

    Il «regalo» di Trump a Israele: apre l'ambasciata Usa a Gerusalemme

    In prima fila sul mausoleo di Lenin, separato da Vladimir Putin solo da un generale carico di medaglie, il 9 maggio Bibi Netanyahu assisteva da ospite d'onore al 73° anniversario della vittoria sovietica sul nazismo. Nella nuova retorica nazionale russa, quella celebrazione e la parata militare

    – di Ugo Tramballi

    • News24

    Accordo stracciato con l'Iran, Trump si allontana dagli alleati europei

    A meno che non si tratti della resa incondizionata di una parte in causa alla fine di una guerra, in diplomazia non esiste l'accordo perfetto. Perché il suo compito non è fare miracoli ma costruire compromessi che nella loro imperfezione evitano il peggio. Esattamente come il JCPOA, l'acronimo

    – di Ugo Tramballi

    • News24

    Abu Mazen e le frasi antisemite: i palestinesi pagano la mediocrità dei loro leader

    Il presidente palestinese Abu Mazen ha pronunciato frasi che in queste ore stanno suscitando una valanga di critiche a livello mondiale. Secondo i mediainternazionali, il presidente palestinese ha detto che l'Olocausto è stato causato da alcuni «comportamenti sociali» degli ebrei come «l'usura, le

    – di Ugo Tramballi

    • Agora

    America! Chi era costei?

    Più delle tante altre sorprese geopolitiche dell'ultimo anno, un episodio dimostra con assoluta chiarezza la crisi d'identità della potenza americana. E' accaduto durante la breve escalation al confine fra Israele e Siria: il luogo potenzialmente più pericoloso del mondo insieme all'Ucraina e alla frontiera tra le due Coree. Quando gli israeliani hanno abbattuto un drone siriano e i siriani un caccia bombardiere israeliano, Bibi Netanyahu ha telefonato immediatamente a Vladimir Putin. Per la pr...

    – Ugo Tramballi

    • Agora

    Monsieur le Rais & Vladimir Arabskoy

    Quasi i palestinesi non si erano ancora mobilitati per le loro giornate della rabbia, che Bibi Netanyahu entrava all'Eliseo. Andava da Emmanuel Macron prima che a Bruxelles, a incontrare l'insieme degli europei preoccupati per la decisione di Donald Trump di spostare l'ambasciata a Gerusalemme. Da leader della Ue, perché questo si crede - e nessuno osa dirgli che non potrebbe perché in realtà lo è diventato - il presidente francese ha accolto l'israeliano con calore umano prima di rimproverarlo ...

    – Ugo Tramballi

    • News24

    Rimossa «Gerusalemme Ovest» dal Giro d'Italia. Chiuso il caso Israele

    Chiuso il caso Israele al Giro d'Italia. Il governo guidato da Bibi Netanyahu ha infatti ottenuto la rimozione del termine «Gerusalemme Ovest» dalle pubblicazioni ufficiali della manifestazione sportiva che nel 2018 partirà proprio da Israele. «In seguito alla nostra richiesta alla direzione del

1-10 di 226 risultati