Persone

Biagio Agnes

Biagio Agnes, morto il 30 maggio 2011 a Roma, era nato a Serino (Avellino) il 25 luglio 1928. Ha iniziato la carriera da giornalista come collaboratore di giornali locali. Nel 1958 è entrato in Rai: redattore a Cagliari, caposervizio al Giornale Radio, condirettore del telegiornale, fondatore e direttore del Tg3, vicedirettore generale della radiofonia.

Dal 1982 al 1990 è stato direttore generale della Rai, tra i più longevi della tv pubblica. Ha affrontato i profondi cambiamenti richiesti dall'avvento della tv commerciale.

Ha avviato servizi come il Televideo e sperimentato tecnologie quali le trasmissioni via satellite e l'alta definizione. Tra le sue intuizioni il magazine medico Check-up.

Nel 1990 è diventato presidente della Stet, la holding delle telecomunicazioni, e nel 1997 presidente di Telemontecarlo.

(Il Sole 24 ORE, 31 maggio 2011, pagina 19)

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Biagio Agnes
    • News24

    Il premio Biagio Agnes a Lepri, Di Bella, Fontana e a "Buongiorno dal tuo amico Sole!"

    Il premio alla carriera dell'ottava edizione del Premio Biagio Agnes è stato assegnato a Sergio Lepri: «E' un monumento del giornalismo - ha sottolineato il presidente della giuria, Gianni Letta -, maestro di lingua e di vita». Il "Premio nuova frontiera del giornalismo" è andato a "Buongiorno dal

    – Nicoletta Cottone

    • News24

    Milan, Berlusconi: terminato l'intervento al cuore

    E' durato poco più di 4 ore l'intervento di sostituzione della valvola aortica di Silvio Berlusconi. Il presidente del Milan, ricoverato al San Raffaele di Milano, è stato sottoposto questa mattina alle 8 ad un'operazione a cuore aperto e con circolazione sanguigna extracorporea. Secondo fonti

    – a cura di Datasport

    • News24

    Bergoglio, il grande comunicatore

    Non ama la televisione tanto che non la accende dal 1990, ma il suo messaggio è cosi forte che si è impadronito della tv diventando un pontefice molto televisivo. Francesco, il Papa venuto dalla fine del mondo, ha infattila capacità quasi naturale di «bucare lo schermo», grazie alla sua «normalità»

    – Marzio Bartoloni

    • News24

    Renzo Arbore: «Basta con i numeri dell'Auditel, la Rai torni ai contenuti»

    «Ci vuole passione. Serve gente appassionata». Renzo Arbore lo ripete più e più volte durante il suo colloquio con Il Sole 24 Ore: «Per fare la tv ci vuole gente appassionata di tv. Una passione che non dovrebbe mancare neanche a chi guiderà la Rai del futuro». Sono giorni di celebrazione per

    – Andrea Biondi

    • News24

    «Basta Auditel, la Rai torni ai contenuti»

    «Ci vuole passione. Serve gente appassionata». Renzo Arbore lo ripete più e più volte durante il suo colloquio con Il Sole 24 Ore: «Per fare la tv ci vuole gente appassionata di tv. Una passione che non dovrebbe mancare neanche a chi guiderà la Rai del futuro».

    – Andrea Biondi

    • News24

    «Basta Auditel, la Rai torni ai contenuti»

    «Ci vuole passione. Serve gente appassionata». Renzo Arbore lo ripete più e più volte durante il suo colloquio con Il Sole 24 Ore: «Per fare la tv ci vuole

    – Andrea Biondi

    • News24

    Legalità, condizione di sviluppo

    Se l'istituzione smarrisce il senso di legalità, dà cattivo esempio al cittadino. Corruzione, malaffare, dilagano in una Italia in cui i singoli si allontanano dalla cosa pubblica. Uno spaccato degli attuali anni bui è emerso dalla tavola rotonda "La legalità come condizione di sviluppo della

    – di Vera Viola

1-10 di 38 risultati