Aziende

Bhp Billiton

Considerata la principale società mineraria al mondo, Bhp Billiton è nata nel 2001 dalla fusione della società australiana Broken Hill Proprietary Company con la società inglese Billiton. Dall’operazione sono scaturite due realtà industriali, l’Australian Bhp Billiton Limited e la British Bhp Billiton Plc, che sono quotate in borsa separatamente e che hanno pure una struttura azionaria separata, ma che operano sul mercato come un'unica società, la Bhp Billiton appunto, che è dotata infatti di un unico consiglio di amministrazione e un’unica struttura manageriale. Presente con le sue operazioni di estrazione mineraria e di trasformazione delle materie prime (che riguardano principalmente ferro, diamanti, petrolio, bauxite e uranio) in 25 paesi del mondo (tra i quali Australia, Canada, Cile, Colombia, Indonesia, Pakistan e Sudafrica), Bhp Billiton si avvale dell’opera di circa 38.000 dipendenti. Entrambe le società, che hanno dato vita all’attuale sodalizio, hanno poi una storia che si è sviluppata per oltre un secolo, racchiudendo tanti esempi di estrazioni minerarie in giro per il mondo. L’australiana Broken Hill Proprietary Company è stata fondata nel 1895 per lo sfruttamento delle miniere di argento, piombo e zinco situate nelle regione di Nuovo Galles del Sud. Successivamente la società è entrata anche nel settore della produzione dell’acciaio e della ricerca petrolifera. Nata invece addirittura nel 1860, in Olanda, la Billiton ha iniziato la sua attività mineraria sfruttando le miniere di stagno presenti in diversi siti dell’arcipelago dell’Indonesia. A partire dalla metà del Novecento, la Billiton ha allargato il suo business a quello dell’estrazione della bauxite e quindi alla produzione di alluminio. Tra le più recenti attività che sono state intraprese dalla nuova Bhp Billiton c’è infine quella legata all’estrazione dell’uranio dalle miniere di Olympic Dam in Sudafrica.

Ultimo aggiornamento 09 gennaio 2017

Ultime notizie su Bhp Billiton
    • News24

    La Chiesa anglicana alle minerarie: progressi etici o disinvestiamo

    Questo accenno e un altro riferimento - relativo alla pericolosità delle dighe che contengono le acque reflue delle miniere - suonano come un chiaro avvertimento in particolare a Bhp Billiton e Vale, la cui jv Samarco in Brasile ha provocato un grave disastro nel 2015 proprio per il cedimento di due dighe.

    – di Sissi Bellomo

    • News24

    Il Lme prepara nuovi contratti per i materiali dell'auto elettrica

    Sul solfato di nickel sta scommettendo anche Bhp Billiton: l'estate scorsa il colosso minerario ha annunciato un piano di riconversione degli impianti australiani di Nickel West, operazioni che appena tre anni fa puntava a dismettere, ma che adesso vuole rilanciare, incoraggiata dalle previsioni di consumo della materia prima nelle batterie per veicoli elettrici e altre applicazioni.

    – di Sissi Bellomo

    • News24

    Bhp Billiton

    Dopo il terribile biennio 2015-2016 della crisi delle materie prime, il colosso minerario Bhp Billiton è tornato a crescere quest'anno grazie soprattutto al rally delle commodities.

    • News24

    Wall Street rivitalizza le Borse Ue ma Milano resta al palo con le banche

    La vivacità di Wall Street e la rimonta del dollaro, sostenuti dalle indiscrezioni sui passi avanti della riforma fiscale Trump e dalla corsa dei titoli tecnologici, spingono i listini europei (in particolare Francoforte e Londra) a chiudere la seduta vicino ai massimi di giornata. Nonostante il

    – di C. Condina e A.Fontana

    • News24

    Non solo litio. Bhp sceglie il nickel per scommettere sull'auto elettrica

    Anche Bhp Billiton scende in campo nella corsa alle materie prime per l'auto elettrica, annunciando un piano di riconversione degli impianti australiani di Nickel West:?operazioni che appena tre anni fa puntava a dismettere, ma che oggi vuole... Bhp Billiton ... Il mercato di esportazione del minerale di ferro, dominato da Vale, Rio Tinto e per l'appunto Bhp Billiton, vale 86 miliardi di dollari, quello del litio appena 2,5 miliardi.

    – di Sissi Bellomo

    • News24

    Finanza e industria chiedono trasparenza sul rischio clima

    Nel gruppo - che riunisce anche istituzioni finanziarie con 25mila miliardi di dollari in gestione - figurano due compagnie petrolifere, Royal Dutch Shell e l'italiana Eni, diversi colossi minerari (tra cui Barrick Gold, Bhp Billiton e Vale, ma non Rio Tinto)?e utilities, inclusa l'Enel.

    – di Sissi Bellomo

    • News24

    Addio ai prezzi fissi, per il carbone da coke è l'ora del mercato

    A sette anni dal tramonto dei negoziati annuali sul minerale di ferro, anche per il carbone da coke è scoccata l'ora dei prezzi di mercato. Protagonista della svolta è Nippon Steel & Sumitomo Metal Corporation, che d'ora in avanti acquisterà la materia prima mediante contratti indicizzati.

    – di Sissi Bellomo

    • News24

    Carbone di nuovo redditizio per le minerarie

    Sfidato dalle energie rinnovabili e dal gas il carbone avrà anche imboccato la via del tramonto. Ma le minerarie che lo producono hanno ricominciato a fare buoni affari.

    – di Sissi Bellomo

1-10 di 379 risultati