Persone

Bernie Sanders

Bernie Sanders è nato l'8 settembre del 1941 a New York ed è un politico statunitense, attualmente senatore per lo Stato del Vermont e già membro della Camera dei rappresentanti, è uno dei candidati alle primarie del Partito Democratico per la scelta del candidato alle prossime elezioni presidenziali statunitensi.

E' affiliato, in qualità di esponente indipendente, al Partito Democratico ma si definisce come socialista democratico.

Laureatosi in scienze politiche presso l'Università di Chicago è stato attivista del movimento per i diritti civili svolgendo, prima di entrare in politica, le professione di carpentiere e di regista.

Tra il 6 aprile del 1981 ed il 4 aprile del 1989 è stato sindaco di Burlington (Vermont).

Sanders si è schierato a favore dei diritti degli omosessuali, delle minoranze etniche e dei disoccupati, è contrario alla pena di morte ed ha manifestato la sua opposizione alla guerra in Iraq.

E' stato membro della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, per il distretto unico del Vermont, dal 3 gennaio del 1991 al 3 gennaio del 2007.

Dal 3 gennaio del 2007 è senatore degli Stati Uniti per il Vermont.

Candidatosi alle primarie del Partito Democratico per le elezioni presidenziali del 2016, è attualmente il diretto sfidante della candidata antagonista alle primarie Hillary Clinton, tuttavia il divario in termini di delegati finora ottenuti sembra deporre, salvo clamorosi colpi di scena, a favore della vittoria della Clinton.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Bernie Sanders
    • Agora

    In Francia i giochi sono ancora aperti

    Emmanuel Macron, 39 anni, ha vinto "marciando" il primo turno delle presidenziali francesi. Tutto bene, dunque? Non proprio. Il quotidiano parigino Le Monde, bandiera della sinistra, avverte in un accorato editoriale "Le refus du Front National" a non abbassare la guardia perché i giochi sono ancora aperti. Scaramanzia da intellighenzia di gauche? Forse ma il Front National di Marine Le Pen ha preso 7,6 milioni di voti , 2,8 milioni in più che nel 2002 con Le Pen padre che batté a sorpresa il pr...

    – Vittorio Da Rold

    • News24

    Il «problema infernale» del nuovo disordine mondiale

    Nel suo libro "A Problem from Hell": America and the Age of Genocide (ed. italiana "Voci dall'inferno: l'America e l'era del genocidio", Baldini Castoldi Dalai, 2004 ), che uscì nel 2002 e vinse il Premio Pulitzer l'anno successivo, Samantha Power condannava l'inazione degli Stati Uniti nel

    – di R. Frydman, S. Whatley, K. Murphy, J. Stein

    • News24

    Pd: Emiliano, scissione Pd evitabile. Orfini: con rottura Governo a rischio

    Una vigilia di assemblea nazionale rovente. Domani al Parco dei Principi a Roma si capirà meglio se la scissione minacciata dalla minoranza Pd sarà un fatto con cui Renzi dovrà fare i conti. Un rischio concreto, che tutti, a parole, dicono di voler scongiurare. Questa mattina infatti, sulle note di

    • News24

    Se gli Usa decidono di abdicare

    Mentre il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump continua a destabilizzare l'ordine economico globale post-bellico, la maggior parte del mondo sta trattenendo il respiro. Gli opinionisti sono alla ricerca di parole per descrivere il suo attacco alle norme convenzionali di leadership e tolleranza

    – di Kenneth Rogoff

    • News24

    La via trumpiana al capitalismo

    L'insediamento di Donald Trump da 45esimo Presidente degli Stati Uniti viene largamente visto come l'inizio della fine dell'ordine capitalistico post-1945 che dominò a livello globale dalla fine della Guerra Fredda. Ma è possibile che il Trumpismo sia di fatto la fine dell'inizio? La vittoria di

    – di Anatole Kaletsky

    • Agora

    Hamon, Macron e la forma "partito tradizionale" che non funziona più

    Emmanuel Macron, astro nascente della politica francese (e secondo Danton uomo dell'anno 2017), politicamente non ha ancora dimostrato molto, nel senso che deve ancora vincere e convincere, ma una cosa sì, una cosa l'ha già dimostrata: se vuoi competere con i movimenti populisti, oggi devi farlo fondando qualcosa di nuovo. Perché è la forma partito che non funziona più, e non funziona più in tutte le sue più variegate declinazioni: dal super comitato elettorale americano fino al partito-gruppo...

    – Daniele Bellasio

    • News24

    Trump è il prodotto della gestione sbagliata della crisi

    Il 20 gennaio 2017, Donald Trump è diventato ufficialmente il quarantacinquesimo presidente degli Stati Uniti d'America. Odio dover dire «Ve l'avevo detto», ma la sua elezione non ha nulla di sorprendente. Come spiegavo nel mio libro del 2002, "La globalizzazione e i suoi oppositori", le politiche

    – di Joseph Stiglitz

    • News24

    Trump, primo braccio di ferro con il Congresso

    Anche nel giorno in cui si è insediato con solennità il nuovo Congresso a maggioranza repubblicana, Trump ha voluto giocare da protagonista: ha litigato con la base repubblicana, ha attaccato la General Motors e ha incassato un "favore" dalla Ford: certi investimenti messicani si faranno in America!

    – di Mario Platero

    • News24

    L'articolo del generale russo che ha anticipato i cyberattacchi di Mosca

    Un articolo scritto nel 2013 da un generale russo getta una nuova luce sulla strategia russa in materia di cyber-spionaggio. In questi giorni di allarmi e ritorsioni americane per i presunti attacchi informatici russi agli Stati Uniti durante la recente campagna elettorale, il Wall Street Journal è

    • News24

    Cyber-attacchi sul voto Usa, Obama espelle 35 agenti russi

    Barack Obama ha annunciato come previsto sanzioni contro dirigenti del governo e dell'intelligence russi come risposta alle interferenze di hacker di Mosca nelle ultime elezioni presidenziali americane. In particolare, saranno espulsi dagli Stati Uniti 35 agenti segreti russi, che agivano sotto

1-10 di 224 risultati