Persone

Bernardo Caprotti

Bernardo Caprotti è stato un imprenditore italiano nato a Milano il 7 ottobre 1925 e morto il 30 settembre 2016, fondatore della catena di supermercati Esselunga.

Dopo la laurea in Giurisprudenza all'Università Statale di Milano poco più che ventenne viene mandato dal padre, proprietario dell'azienda cotoniera Manifattura Caprotti con sede a Albiate, (Brianza), in Texas a lavorare come montatore meccanico sui macchinari per la lavorazione del cotone. A 26 anni, (si legge nelle note biografiche del libro "Falce e carrello") dopo sei mesi dal suo rientro in Italia ed in seguito all'improvvisa scomparsa del padre, assume la direzione dell'azienda di famiglia.

Nel 1957 partecipa – per iniziativa del gruppo Rockefeller – alla fondazione della Supermarkets Italiani SpA e inaugura il primo supermercato italiano in viale Regina Giovanna a Milano. All'inizio degli anni '60, la famiglia Caprotti acquista da Rockefeller il 51% della Supermarkets e, nel 1965, a 40 anni, Bernardo Caprotti ne assume il comando. Verso la fine degli anni '60, l'azienda, dato il marchio con la esse iniziale allungata, viene chiamata dai clienti "il supermarket con la esse lunga", da qui la nascita di Esselunga.

Da allora Esselunga è leader nel settore della grande distribuzione, opera attraverso una rete di 152 supermarket in Lombardia, Toscana, Emilia Romagna, Piemonte, Veneto, Liguria e Lazio, conta oltre 22.000 dipendenti e un fatturato di 7,3 miliardi di Euro (dati 2015).

Bernardo Caprotti si è sposato due volte e ha avuto due figli dal primo matrimonio, Giuseppe e Violetta, e una dal secondo, Marina Sylvia. Con i primi due ha affrontato una lunga battaglia legale (fino ad ora vinte dal patron di Esselunga): la prima avviata nel 2004 quando estromette dal ruolo di amministratore delegato Giuseppe e la seconda nel 2011 quando decide di riprendere il controllo azionario del gruppo che aveva invece ripartito tra i figli. Nel 2013, dopo 62 anni di servizio, le dimissioni operative dalla guida di Esselunga. A settembre 2016 si intensificano i rumors sull'intenzione di vendita di una quota di controllo del gruppo, la cui valutazione è di 6 miliardi di euro.

Gran lavoratore e innovatore si definiva un "droghiere", è semrpre stato poco incline al lusso "Da mio padre appresi i fondamentali valori borghesi, la frugalità e il rispetto per la parola data", filantropo (sostiene diverse fondazioni) aveva una passione per i quadri antichi e la caccia.

Nel 2007 ha pubblicato con la prefazione dell'economista Geminello Alvi il libro "Falce e carrello. Le mani sulla spesa degli italiani" edito da Marsilio, un j'accuse contro lo strapotere e l'illecita concorrenza delle Coop. Il libro viene anche ritirato per alcuni mesi dal mercato per ordine del giudice e Caprotti condannato per denigrazione ai danni di Coop Italia. Oltre alle battaglie legali, l'imprenditore ha scelto più volte di comprare annunci a pagamento sui quotidiani per "dire la sua" e denunciare difficoltà e lungaggini burocratiche o giudiziarie. Nel 2011 Giuseppe Tornatore ha girato un mini film promozionale celebrativo di 16 minuti "Il Mago di Esselunga" commissionato da Caprotti e distribuito gratuitamente in 5 mln di copie nei punti vendita del Gruppo. Nel 2015 i suoi collaboratori hanno comprato una pagina sul Corriere della Sera per fargli gli auguri attraverso il motto: "Never never never give up. 7 ottobre 2015. 22.218 collaboratori di un'Azienda straordinaria rendono omaggio al loro "Dottore" nel giorno del suo 90° compleanno".

Ultimo aggiornamento 30 settembre 2016

Ultime notizie su Bernardo Caprotti
    • News24

    Esselunga apre il suo primo superstore nella Capitale

    Esselunga sbarca a Roma, con un superstore di 4.600 metri quadri che dà lavoro a 171 dipendenti (134 dei quali neoassunti provenienti dal territorio circostante). L'inauguratore c'è stata oggi, con la folla che ha allungato le file alle casse nel meganegozio nella zona sud est della città,

    – di Andrea Marini

    • Agora

    Esselunga aumenta i ricavi e apre nuovi negozi

    Esselunga non perde smalto senza il fondatore. La catena della grande distribuzione italiana ha chiuso il 2016 con vendite (a rete corrente) in crescita del 3,1% a 7,5 miliardi di euro. In rallentamento rispetto al 4,3% del precedente esercizio. A parità di negozi e considerando il taglio dei prezzi dell'1,1%, i ricavi sono in sostanziale equilibrio, in media con il mercato. Tuttavia il margine operativo lordo è salito (per il secondo anno consecutivo) da 626 a 661 milioni mentre sono in calo, p...

    – Emanuele Scarci

    • News24

    Il momento decisivo per la catena del valore

    Made in Italy che vince in casa e made in Italy che punta sui mercati globali. Il gruppo distributivo Esselunga, nonostante la recente perdita del fondatore e guida Bernardo Caprotti, ha dimostrato di saper proseguire lungo quella strategia di efficienza e redditività che ha segnato tutto il

    – di Vincenzo Chierchia

    • News24

    Sul futuro di Esselunga, fondi e Cdp alla finestra

    Fondi di private equity, gruppi industriali e Cdp in attesa. Il dossier di Esselunga resta sempre sotto osservazione negli ambienti finanziari milanesi, ma la situazione attuale del colosso lombardo della grande distribuzione non sembra essere preludio a possibili cambi di azionariato. C'è infatti,

    – di Carlo Festa

    • News24

    Le opportunità (e i rischi) per le imprese familiari

    L'impresa familiare italiana cerca la strada per la crescita. I numeri sono impressionanti: sono 784mila le società familiari. Il 60% delle quotate sono ancora possedute dai fondatori o dai loro eredi.

    – di Carlo Festa

    • Agora

    Falce e carrello: per Coop ok il giudizio della Cassazione. Stop al processo

    Piantiamola qui. E' quello che dice Coop Alleanza 3.0 dopo la sentenza della Corte di Cassazione sul libro "Falce e carrello" che ha rinviato (con bacchettate) alla Corte d'appello di Milano per un nuovo processo. La Cooperativa esprime "soddisfazione per una sentenza che, pur tardivamente, ristabilisce la verità dei fatti, rimandando quindi alla Corte d'appello di Milano per il giudizio finale". Nel giudizio la Cassazione stigmatizzava alcuni errori metodologici commessi, avallando di fatto l...

    – Emanuele Scarci

    • Agora

    Esselunga e "Falce e carrello": la Cassazione rinvia il processo alla corte d'appello

    Non si chiude il tormentone di "Falce e carrello", il pamphlet di Bernardo Caprotti nel quale l'ex patron di Esselunga lancia accuse spietate nei confronti del sistema antagonista di Coop. Denigrazione concorrenziale o no? La Corte d'appello di Milano aveva sostenuto di no, ma la Cassazione ha annullato la sentenza e rinviata la questione alla Corte d'appello, in diversa composizione, che dovrà rifare il processo tenendo conto delle "bacchettate" contenute nella sentenza 22042. Caprotti è scompa...

    – Emanuele Scarci

1-10 di 136 risultati