Aziende

Beni Stabili

Beni Stabili Spa è un’azienda immobiliare italiana, che da 100 anni opera nel settore. La società guidata dal Presidente da Charles Ruggieri ha due sedi operative a Roma e Milano e si occupa d’immobili situati nelle città del Nord e Centro Italia, con particolare interesse nel settore degli uffici. L’azionariato di Beni Stabili Spa è composto da: Foncière des Régions Sa (subentrata nel 2007) per il 52,1%, da Crédit Agricole per il 5%, dal consigliere Leonardo Del Vecchio che detiene il 4,3% e da Charles Ruggieri con il 2,2%. Beni Stabili Spa è stato fondato nel 1904 con il nome di Istituto Romano di Beni Stabili. Diventata Sacip, nel 1986 la società è stata acquisita dal gruppo Romagnoli, assumendo l’attuale denominazione. Passata sotto il controllo di Uno Holding - Unione Operatori Holding Spa, nel 1997 è stata rilevata da Sanpaolo Imi e due anni più tardi è stata ammessa alle quotazioni in Borsa valori di Milano. Dal 2000 Beni Stabili Spa ha intrapreso una campagna d’acquisto che è iniziata con parte del patrimonio immobiliare di Telecom Italia; è conseguita con 45 immobili di Banca Intesa, in joint venture con la banca stessa; e si è conclusa nel 2005 con 8 immobili dal gruppo Fiat. Nel 2007 Beni Stabili Spa si è integrata con Foncière des Régions entrando un circuito immobiliare di respiro europeo.

Ultimo aggiornamento 28 ottobre 2016

Ultime notizie su Beni Stabili
    • News24

    Arena di Verona, la ricetta di Gasdia: «Grandi allestimenti per il sold out»

    E' stata la cantante più giovane a debuttare nel tempio della lirica mondiale. E' la prima cantate ad essere nominata sovrintendente di un ente lirico. A Cecilia Gasdia, potenza pura della lirica italiana, il compito di rilanciare l'Arena di Verona. Aveva 21 anni quando un malore della mitica

    – di Serena Uccello

    • Agora

    Gli animali votano? Le associazioni propongono alla politica le priorità animaliste per il 4 marzo

    AGGIORNAMENTO DEL 9 FEBBRAIO 2018 IN CODA - LE PRIORITA' DI ANIMALISTI ITALIANI ONLUS +++ AGGIORNAMENTO DEL 9 FEBBRAIO 2018 IN CODA - LE PRIORITA' DI ANIMAL LAW +++ POST ORIGINALE In vista dell'appuntamento elettorale del 4 marzo 2018 le associazioni animaliste hanno preparato l'elenco delle loro priorità da sottoporre all'attenzione dei partiti e dei loro candidati. Se tutti chiedono il riconoscimento di un ruolo giuridico degli animali e più diritti, c'è poi chi pensa a un taglio all'impo...

    – Guido Minciotti

    • News24

    Beni Stabili compra la sede di Deutsche Bank

    La ricerca di asset immobiliari che siano già a reddito varca i confini del centro città e arriva in periferia. E' qui che si sta per concludere una delle ultime transazioni in termini di tempo sul mercato milanese. Complice anche un'offerta che in città si sta prosciugando a causa di una domanda

    – di Paola Dezza

    • News24

    Disugualianze di reddito: la tempesta perfetta

    Walter Scheidel, The Great Leveler: Violence and the History of Inequality from the Stone Age to the Twenty-First Century, Princeton University Press, 2017

    – di Edoardo Campanella

    • News24

    Petrolio record, ma non per tutti. Così il mini-dollaro ci scherma dai rincari

    Dollaro debole uguale petrolio forte. E' un fatto risaputo che i ribassi del biglietto verde favoriscano il rally del barile (così come i rialzi dell'oro e più in generale di tutte le materie prime denominate nella divisa statunitense). Ma lo scenario odierno sui mercati è ben più complesso di

    – di Sissi Bellomo

    • News24

    Bce, è il momento giusto per cambiare la forward guidance?

    Forse è troppo presto. La Banca centrale europea, nel riassunto del verbale (le "minute") della riunione di dicembre ha rivelato che il consiglio ha intenzione di «rivisitare» il linguaggio usato nella forward guidance, il complesso delle indicazioni che la Bce fornisce agli operatori economici e

    – di Riccardo Sorrentino

    • News24

    Farsetti chiude il 2017 con una crescita del +28%

    Per la casa d'aste di Prato il 2017 si è concluso con una crescita del 28% fino a 16 milioni di euro grazie alla vendita di un migliaio di lotti in quattro aste ad un prezzo medio di 16.000 euro. Le percentuali di venduto sono state del 60% per lotto e per valore. Il settore a più alto aggiudicato

    – di Silvia Anna Barrilà e Marilena Pirrelli

1-10 di 1173 risultati