Persone

Benedetto XVI

Joseph Ratzinger, papa Benedetto XVI, è stato il 265° papa della Chiesa Cattolica, successore di Giovanni Paolo II è stato eletto il 19 aprile 2005 ed è rimasto in carica fino alle ore 20:00 del 28 febbraio del 2013, dopo aver annunciato, durante il concistoro dell'11 febbraio 2013, la volontà di voler rinunciare al ministero petrino.

La scelta di Ratzinger è stata amplificata dai mezzi di comunicazione di massa di tutto il mondo, trattandosi di un atto del tutto eccezionale, anche se regolamentato nel diritto canonico, basti pensare che l'ultimo papa a rinunciare al pontificato prima di Benedetto VI è stato Papa Gregorio XII, rimasto in carica fino al 1415.

La scelta del nome Benedetto XVI è stata spiegata dallo stesso Papa come desiderio di richiamare un pontefice, Benedetto XV, che aveva avuto una posizione forte contro la prima guerra mondiale. Ratzinger è stato infatti eletto papa in un periodo di grande tensione internazionale a seguito degli attacchi dell'11 settembre.

La politica di Benedetto XVI è stata improntata ad una apertura verso le altre confessioni, sia cristiane (ortodossi, anglicani), sia verso l'ebraismo e l'islam.

Dal punto di vista dottrinale, invece, Benedetto XVI si è dimostrato conservatore in molti campi: ha ripristinato alcuni tradizionali riti liturgici, tra cui quello che ha suscitato maggiore attenzione nel vasto pubblico è stata la possibilità di dire messa in latino.

Benedetto XVI ha iniziato il suo pontificato nel solco di quello del suo precedessore, Giovanni Paolo II, del quale è stato uno stretto collaboratore.

Prima di essere papa, Joseph Ratzinger ha avuto una brillante carriera ecclesiastica ed accademica che lo ha reso uno dei maggiori teologi moderni viventi.

Nel 1981 è stato nominato prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, proprio in virtù delle sue vastissime conoscenze teologiche.

Nel 1977 è stato nominato arcivescovo di Monaco e Frisinga.

Sempre nel 1977 papa Paolo VI lo ha ordinato cardinale.

Precedentemente Ratzinger era stato per molti anni professore di teologia dogmatica.

Nel 1962, in qualità di professore di teologia, ha avuto la possibilità di partecipare al Consiglio Vaticano II.

È stato ordinato prete nel 1951 insieme al fratello Georg.

Durante l'incarico pontificio ha pubblicato tre lettere encicliche ed un libro sulla persona di Gesù.

In qualità di papa emerito Benedetto XVI è andato a vivere prima a Castel Gandolfo, presso il Palazzo Pontificio, per poi fare ritorno, il 2 maggio del 2013, in Vaticano, dove viene ospitato nel Monastero Mater Ecclesiae appena restaurato.

Il 27 aprile ed il 28 settembre del 2014 ha concelebrato con papa Francesco due messe, rispettivamente dedicate alla canonizzazione di Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II ed alla beatificazione di Paolo VI.

Il 4 luglio del 2015 ha ricevuto, durante il suo soggiorno estivo a Castel Gandolfo, il dottorato honoris causa dalla Pontificia Università "Giovanni Paolo II" di Cracovia e dall'Accademia di Musica di Cracovia.

Benedetto XVI è stato insignito di molte onorificienze sia dalla Santa sede che da paesi straniere ed istituzioni accademiche.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Benedetto XVI
    • News24

    Accordo Bankitalia-Aif (Vaticano) su cooperazione nella vigilanza finanziaria

    L'Autorità di Informazione Finanziaria (AIF) e la Banca d'Italia hanno concluso un accordo di cooperazione «finalizzato a facilitare, su base di reciprocità, lo scambio di informazioni in materia di vigilanza finanziaria». Una nota della Santa Sede informa che l'accordo consente ad entrambe le

    – Carlo Marroni

    • News24

    Francesco ad Auschwitz come Wojtyla e Ratzinger

    Attraverserà l'ingresso sotto la scritta "Arbeit macht frei" la mattina di venerdì 29 luglio. Sarà il terzo pontefice della Chiesa cattolica a varcare quel cancello che ha segnato il buio infinito del Novecento, e che la Memoria assegna per sempre alla storia. Francesco ad Auschwitz, tappa

    – Carlo Marroni

    • News24

    Akihito, Benedetto XVI: parallelismi e differenze

    TOKYO - Tre anni fa, fu la rinuncia al pontificato di Benedetto XVI a stupire il mondo e sconvolgere gli ambienti più conservatori della Chiesa Cattolica. ... Peraltro l'inedita figura del "Papa emerito" (quale è ora Benedetto XVI) non manca di far discutere fedeli e giuristi.

    – Stefano Carrer

    • News24

    Vaticano, lascia padre Lombardi. Alla direzione della sala stampa arriva l'americano Greg Burke

    La nota della sala stampa precisa che la decisione del Papa è stata assunta dopo che il pontefice «ha accolto la rinuncia» di padre Lombardi, 73 anni di Saluzzo, gesuita, già direttore di Radio Vaticana e del Centro Televisivo Vaticano, aveva assunto l'incarico di "portavoce" esattamente dieci anni fa, nominato da Benedetto XVI, prendendo il posto di Joaquin Navarro Valls, lo storico portavoce di Giovanni Paolo II.

    – Carlo Marroni

    • News24

    Vaticano: l'omaggio di cardinali e vescovi a Benedetto XVI

    E' stato un festeggiamento sobrio, con cardinali e vescovi nella Sala Clementina del Vaticano, quello organizzato per i 65 anni di sacerdozio di Benedetto XVI. ... Un applauso ha salutato l'ingresso di Benedetto XVI nella Sala Clementina alla seconda loggia del Palazzo Apostolico, dove il Papa emerito è tornato per la prima volta dal 28 febbraio 2013, giorno in cui lasciò l'appartamento pontificio (che si trova alla terza loggia) per trasferirsi provvisoriamente a Castel Gandolfo mentre si avviava...

    • News24

    Francesco in Armenia torna a parlare di «genocidio»

    Il Papa quindi ripete la parola «genocidio», e non in forma di citazione, contenuta nella dichiarazione congiunta da lui citata un anno fa firmata da Giovanni Paolo II e Karekin II (mentre non era stata usata da Benedetto XVI).

    – Carlo Marroni

    • News24

    Pedofilia, il Papa vara legge per rimuovere i vescovi negligenti

    Nel Motu Proprio il Pontefice ricorda che il Diritto Canonico già prevede «la possibilità della rimozione dell'ufficio ecclesiastico per cause gravi», e la scelta di ricomprendere tra queste anche la «negligenza» sulla pedofilia conferma e rafforza quindi la linea della tolleranza zero in caso di «abusi sessuali compiuti su minori ed adulti vulnerabili» come peraltro già previsto dal Motu Proprio di San Giovanni Paolo II, Sacramentorum Sanctitatis Tutela, aggiornato da Benedetto XVI.

    – Vittorio Nuti

1-10 di 1621 risultati