Persone

Bashar al-Assad

Bashar al-Assad (nato a Damasco nel 1965) è il presidente della Siria.

Laureato in medicina a Damasco e con una specializzazione in oftalmologia a Londra Bashar, figlio dell’ex presidente Hafiz al-Assad, ha preso il posto del padre alla guida del Paese il 17 luglio del 2000. E’ stato riconfermato per un terzo mandato di 7 anni nelle prime elezioni multipartitiche del 2014 con l’88% di preferenze.

L’autocrate anti Israele, appoggiato da Iran e Russia, dal giorno del suo insediamento ha mantenuto il potere reprimendo militarmente ogni dissenso.

Dal 2012 è in corso in Siria una guerra civile, sostenuta per procura da diversi Paesi arabi, (Turchia, Iran, Arabia Saudita) iniziata dopo le proteste della primavera araba. Nel Paese si scontrano da allora l’esercito di regime, i curdi che aspirano all’indipendenza, i ribelli che vogliono detronizzare Assad, e i combattenti dell’Isis.

Bashar Al Assad, di fede alawita (un gruppo sciita) è sposato ad Asma - nata, cresciuta e laureata a Londra da facoltosi genitori siriani- e ha tre figli.

Ultimo aggiornamento 10 maggio 2017

Ultime notizie su Bashar al-Assad
    • News24

    «Buone notizie» da Kim, ma è l'Iran il fronte caldo della politica estera Usa

    «Very good news», «Big progress?for all!». Davvero una bella notizia, un grande progresso per tutti. Con l'ormai consueta immediatezza, Donald Trump ha manifestato entusiasmo via twitter alle ultime notizie da Pyongyang, dichiarandosi ansioso di realizzare il previsto incontro con Kim Jong-un. Un

    – di S. Carrer e M. Valsania

    • News24

    Siria: Assad restituisce la Legion d'Onore alla Francia

    Il presidente siriano Bashar al Assad ha restituito alla Francia la medaglia di Gran Croce della Legion d'Onore, che gli era stata conferita da Jacques Chirac nel 2001. Lo annuncia la presidenza di Damasco con una serie di tweet, spiegando che la decisione è stata presa "dopo la partecipazione alla

    – di Redazione Online

    • News24

    Trump fa dietrofront sulle sanzioni alla Russia per l'appoggio alla Siria

    Nuova, drammatica giravolta a sorpresa della Casa Bianca sulla Russia: Donald Trump ha nei fatti bocciato l'idea di far scattare nuove sanzioni contro Mosca, per punirla del suo sostegno al regime siriano e ai suoi arsenali chimici. E nel farlo, accusano i critici, ha mostrato ancora una volta la

    – di Marco Valsania

    • News24

    Siria, il raid non sfiora Assad. Due fronti caldi con l'Iran protagonista

    La Siria colpita dal raid militare venerdì notte non è la Siria che interessa ai Paesi occidentali. Nel centro e sulla costa mediterranea di questo Paese martoriato da sette anni di guerra è saldamente al potere il presidente Bashar al-Assad. Nessun Paese europeo, e nemmeno gli Stati Uniti,

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    Blitz in Siria, il gran ritorno dell'asse transatlantico

    NEW YORK - Di tutti i tweet, più o meno fortunati, che Donald Trump ha inviato prima, durante e dopo la rappresaglia militare contro la Siria, uno contiene un messaggio che va oltre la crisi nel paese mediorientale: rassicura sullo stato e le prospettive dell'alleanza occidentale e dei rapporti

    – di Marco Valsania

    • News24

    Raid in Siria, Azione dimostrativa ma l'asse Russia-Iran protegge Assad

    Era nell'aria, era prevedibile, forse - come ha subito precisato la premier britannica Theresa May - «non vi erano alternative». I bombardamenti iniziati ieri notte contro le sospette postazioni di armi chimiche in Siria segnano l'inizio di un'escalation annunciata ma dalle conseguenze

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    Tutte le incognite dell'attacco Usa e gli attori della crisi in Siria

    Al di là della retorica e delle minacce, a cui questa notte sono seguite le azioni, il presidente americano Donald Trump è consapevole di un fatto: una risposta militare contro il regime di Damasco, per quanto massiccia sia, non smuoverà gli equilibri della guerra siriana.

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    Salvini si smarca da Trump e dice no a un intervento militare Usa in Siria

    Ancora una volta fuori dal coro. Dopo i commenti positivi espressi in occasione della vittoria elettorale di Viktor Orban, in Ungheria, capofila dei paesi dell'Est contrari all'ipotesi di redistribuire i migranti tra i Paesi Ue e definito da più parti «ostentatamente xenofobo», il segretario

    – di Andrea Carli

1-10 di 586 risultati