Persone

Bashar al-Assad

Bashar al-Assad (nato a Damasco nel 1965) è il presidente della Siria.

Laureato in medicina a Damasco e con una specializzazione in oftalmologia a Londra Bashar, figlio dell’ex presidente Hafiz al-Assad, ha preso il posto del padre alla guida del Paese il 17 luglio del 2000. E’ stato riconfermato per un terzo mandato di 7 anni nelle prime elezioni multipartitiche del 2014 con l’88% di preferenze.

L’autocrate anti Israele, appoggiato da Iran e Russia, dal giorno del suo insediamento ha mantenuto il potere reprimendo militarmente ogni dissenso.

Dal 2012 è in corso in Siria una guerra civile, sostenuta per procura da diversi Paesi arabi, (Turchia, Iran, Arabia Saudita) iniziata dopo le proteste della primavera araba. Nel Paese si scontrano da allora l’esercito di regime, i curdi che aspirano all’indipendenza, i ribelli che vogliono detronizzare Assad, e i combattenti dell’Isis.

Bashar Al Assad, di fede alawita (un gruppo sciita) è sposato ad Asma - nata, cresciuta e laureata a Londra da facoltosi genitori siriani- e ha tre figli.

Ultimo aggiornamento 10 maggio 2017

Ultime notizie su Bashar al-Assad
    • News24

    Siria, raid aereo israeliano contro base militare iraniana a Damasco

    Aerei da guerra israeliani hanno bombardato una «base militare iraniana in costruzione nei pressi della capitale siriana Damasco» secondo quanto hanno riferito fonti di stampa filo-Assad citate dal quotidiano israeliano Haaretz online.Secondo queste fonti, il raid è stato compiuto dallo spazio

    • News24

    Il Libano è una pedina nello scontro tra Arabia Saudita e Iran

    C'è una sorta di potente triumvirato. Ne fanno parte tre Paesi che, prima dell'avvento al potere di Donald Trump, non avevano molto da spartire in materia di politica estera: Arabia Saudita, Stati Uniti e Israele. Ora sono uniti contro l'espansione iraniana. Delusi dall'andamento della guerra in

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    Contro l'Iran un inedito triumvirato Arabia Saudita-Usa-Israele

    C'è una sorta di potente triumvirato. Ne fanno parte tre Paesi che, prima dell'avvento al potere di Donald Trump, non avevano molto da spartire in materia di politica estera: Arabia Saudita, Stati Uniti e Israele. Ora sono uniti contro l'espansione iraniana. Delusi dall'andamento della guerra in

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    Missile contro Riad, i sauditi accusano l'Iran di «aggressione militare»

    «E' un'aggressione militare diretta da parte del regime iraniano». «Potrebbe essere considerato alla stregua di un atto di guerra contro il regno (saudita, ndr)». Le parole del principe ereditario saudita Mohammed Bin Salman, durante un colloquio con il ministro britannico degli Esteri Boris

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    Cade anche Deir Ezzor: lo Stato islamico non ha più uno Stato

    Al di là di un manipolo di villaggi, e di una cittadina sul confine, da oggi lo Stato islamico non ha più uno Stato. Dopo la liberazione di Raqqa, la capitale dell'Isis riconquistata appena due settimane fa dalla coalizione delle forze democratiche siriane (di cui la maggior parte è costituita da

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    Raqqa è libera, in Siria si apre la partita per il dopo Isis

    Non c'è più la bandiera nera, simbolo di morte e fanatismo. Nel grande stadio di Raqqa, trasformato dai jihadisti dell'Isis nel teatro delle loro brutali esecuzioni, ora sventola una bandiera di colore giallo con il simbolo delle forze democratiche siriane (Sdf), una coalizione volutamente ibrida

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    Paradosso Iran: sempre più sclerotico e influente

    Degli Stati emersi dalle tre grandi rivoluzioni del XX secolo - in Russia nel 1917, in Cina nel 1949 e in Iran nel 1979 - la Repubblica islamica d'Iran da sola persevera in qualcosa che somiglia alla sua forma originale. L'Iran moderno è quindi un relitto storico, ma allo stesso tempo una dinamo

    – di Michael Mandelbaum

    • News24

    Prima intesa Trump-Putin: tregua nel sud-ovest della Siria

    DAL NOSTRO INVIATOAMBURGO -Il primo incontro fra il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e quello russo, Vladimir Putin, ha prodotto un accordo per il cessate il fuoco nella Siria sudoccidentale, a partire da sabato a mezzogiorno. I due si sono visti per oltre due ore a margine del vertice

    – di Alessandro Merli

    • News24

    Usa: «Assad pronto per un attacco chimico. Pagherà un prezzo alto»

    Il durissimo avvertimento della Casa Bianca, indirizzato al presidente siriano Bashar al-Assad, è tanto chiaro quanto inusuale. «Gli Stati Uniti hanno identificato i possibili preparativi per un altro attacco con armi chimiche da parte del regime di Assad che probabilmente causerebbe una strage di

    – di Roberto Bongiorni

1-10 di 557 risultati