Le nostre Firme

Barry Eichengreen

Barry Eichengreen è professore di Economia e Scienza politica all'Università di Berkeley. Il suo campo di ricerca principale è il sistema monetario e finanziario internazionale.

Nato nel 1952, si è laureato a Yale nel 1976 ottenendo nella stessa Università il Ph.D. in Economia nel 1979.

Barry Eichengreen è stato consluente del Fondo Monetario Internazionale nel 1997 e nel 1998.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Barry Eichengreen
    • News24

    Il commercio globale e la «febbre» del Pil

    L'elezione di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti significa che la globalizzazione è morta, oppure parlare di estinzione del processo è ancora decisamente esagerato? Se la globalizzazione è fuori combattimento, anche se forse non allo stadio terminale, dobbiamo comunque preoccuparci?

    – di Barry Eichengreen

    • News24

    I passi falsi dell'Fmi in Europa

    Dopo i controversi interventi del Fondo monetario internazionale durante la crisi finanziaria asiatica del 1998, quando l'istituto vincolò la concessione di liquidità ai Paesi in difficoltà alla riduzione di spesa da parte dei governi, l'Fmi ha istituito l'Organismo indipendente di valutazione

    – di Barry Eichengreen

    • News24

    Il veleno protezionista nutre la cattiva politica

    Su una cosa si hanno delle certezze in merito alle imminenti elezioni presidenziali negli Stati Uniti: il futuro Presidente non sarà un liberoscambista impegnato. La probabile candidata democratica, Hillary Clinton, è nella migliore delle ipotesi, una indifferente sostenitrice del libero commercio

    – Barry Eichengreen

    • News24

    Giù il petrolio e i rendimenti dei T-bills

    Il petrolio è affondato alla borsa Nymex di New York,dove le quotazioni hanno perso il 4,9% chiudendo a 46,60 dollari al barile nel calo giornaliero più marcato in cinque mesi sui timori che Brexit, l'uscita della Gran Bretagna dall'Ue, possa rallentare la già fragile ripresa dell'economia globale

    – Vittorio Da Rold

    • News24

    Cina, il boom del credito fa sempre più paura

    Due dati sull'economia cinese sembrano trovare ampio consenso: il primo è che la fase di rallentamento è finita e la crescita è in ripresa; il secondo è che non va tutto bene sul piano finanziario. Dove non c'è accordo, è su ciò che accadrà da qui in avanti.

    – Barry Eichengreen

    • News24

    Come affrontare (e superare) l'incubo fiscale

    L'economia mondiale sta chiaramente andando a fondo e i politici, coloro cioè che dovrebbero assisterla, si "avvitano" su loro stessi. Almeno così suggeriscono i risultati del vertice dei G-20 tenutosi a Shanghai alla fine del mese scorso. Il Fondo Monetario Internazionale, che aveva da poco

    • News24

    Pechino e la trappola del tasso di cambio

    E' da mesi ormai che la politica dei tassi di cambio attuata dalla Cina crea delle turbolenze nei mercati finanziari globali. O meglio, la confusione su tale politica non fa che intorbidire i mercati. Non è stata una grande mossa quella delle autorità di Pechino che nel comunicare le proprie

    – Barry Eichengreen

    • News24

    Quel tentativo di «deformare» la Fed

    La campagna elettorale presidenziale negli Stati Uniti ha preso una piega particolarmente assurda dal momento che i candidati avanzano le loro proposte per la riforma della politica monetaria. Non è la prima volta, naturalmente, che i candidati presidenziali hanno proposto di modificare il modo in

    – Barry Eichengreen

    • News24

    I paradossi della produttività

    I recenti trend sulla crescita della produttività non ci inducono a essere ottimisti sul futuro. Nel 2014 la crescita globale della produttività totale dei

    – Barry Eichengreen

    • Agora

    Salvare il mercato unico: il nuovo incentivo per un accordo europeo su rifugiati e sicurezza

    Sarà forse la paura di mettere a repentaglio il mercato unico l'incentivo perché i Ventotto trovino un accordo su una politica europea dell'immigrazione e della sicurezza? Dinanzi all'emergenza immigrazione, i Ventotto continuano ad andare ciascuno per la propria strada. La decisione di ricollocare in tutta Europa 160mila rifugiati arrivati in Grecia e in Italia stenta a decollare, forse anche per via della nuova minaccia terroristica che spinge alcuni governanti a fare un parallelo tra migrante...

    – Beda Romano

1-10 di 148 risultati