Le nostre Firme

Barry Eichengreen

Barry Eichengreen è professore di Economia e Scienza politica all'Università di Berkeley. Il suo campo di ricerca principale è il sistema monetario e finanziario internazionale.

Nato nel 1952, si è laureato a Yale nel 1976 ottenendo nella stessa Università il Ph.D. in Economia nel 1979.

Barry Eichengreen è stato consluente del Fondo Monetario Internazionale nel 1997 e nel 1998.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Barry Eichengreen
    • News24

    Cina, il boom del credito fa sempre più paura

    Due dati sull'economia cinese sembrano trovare ampio consenso: il primo è che la fase di rallentamento è finita e la crescita è in ripresa; il secondo è che non va tutto bene sul piano finanziario. Dove non c'è accordo, è su ciò che accadrà da qui in avanti.

    – Barry Eichengreen

    • News24

    Come affrontare (e superare) l'incubo fiscale

    L'economia mondiale sta chiaramente andando a fondo e i politici, coloro cioè che dovrebbero assisterla, si "avvitano" su loro stessi. Almeno così suggeriscono i risultati del vertice dei G-20 tenutosi a Shanghai alla fine del mese scorso. Il Fondo Monetario Internazionale, che aveva da poco

    • News24

    Pechino e la trappola del tasso di cambio

    E' da mesi ormai che la politica dei tassi di cambio attuata dalla Cina crea delle turbolenze nei mercati finanziari globali. O meglio, la confusione su tale politica non fa che intorbidire i mercati. Non è stata una grande mossa quella delle autorità di Pechino che nel comunicare le proprie

    – Barry Eichengreen

    • News24

    Quel tentativo di «deformare» la Fed

    La campagna elettorale presidenziale negli Stati Uniti ha preso una piega particolarmente assurda dal momento che i candidati avanzano le loro proposte per la riforma della politica monetaria. Non è la prima volta, naturalmente, che i candidati presidenziali hanno proposto di modificare il modo in

    – Barry Eichengreen

    • News24

    I paradossi della produttività

    I recenti trend sulla crescita della produttività non ci inducono a essere ottimisti sul futuro. Nel 2014 la crescita globale della produttività totale dei

    – Barry Eichengreen

    • News24

    Tassi Usa, rialzo made in China

    Per gran parte dell'anno, gli investitori sono stati ossessionati dal momento in cui la Fed avvierà il "liftoff" - cioè, il momento in cui innalzerà i tassi di interesse di 25 punti base, o di 0,25%, come primo passo verso la normalizzazione delle condizioni monetarie. I mercati sono saliti alle

    – Barry Eichengreen

    • News24

    La Cina e il suo comportamento sconsiderato nel Forex

    Berkeley - L'11 agosto la Cina ha svalutato il renminbi del 2% e operato un modesto intervento di riforma al proprio sistema di tassi di cambio. Non è stato un terremoto su scala planetaria, eppure i mercati finanziari hanno reagito come se fossero stati colpiti da un meteorite. La reazione

    – Barry Eichengreen

    • Econopoly

    Fughe di capitali e racconti morali

    Economics is not a morality play. Questa frase, spesso citata ma altrettanto e forse di più dimenticata, è alla base di un eccellente articolo di Joseph P. Joyce, professore di economia al Wellesley College e membro del Madeleine Korbel Albright Institute for Global Affairs, pubblicato nei giorni scorsi sul blog collettivo EconoMonitor riguardo alle fughe di capitali nei mercati emergenti. Le fughe di capitali, chiamate "sudden stop" nei casi più gravi, accadono quando per vari motivi gli inves...

    – Alessandro Guerani

    • News24

    Le riforme oltre la crescita

    Dopo una recessione a forma di "w" e un prolungato periodo di stagnazione, l'eurozona sta finalmente intravedendo i primi segni di ripresa. La fiducia dei consumatori è in ripresa. Le vendite al dettaglio e le immatricolazioni di auto sono in ripresa e quest'anno la Commissione europea prevede una

    – di Barry Eichengreen

1-10 di 140 risultati