Le nostre Firme

Barry Eichengreen

Barry Eichengreen è professore di Economia e Scienza politica all'Università di Berkeley. Il suo campo di ricerca principale è il sistema monetario e finanziario internazionale.

Nato nel 1952, si è laureato a Yale nel 1976 ottenendo nella stessa Università il Ph.D. in Economia nel 1979.

Barry Eichengreen è stato consluente del Fondo Monetario Internazionale nel 1997 e nel 1998.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Barry Eichengreen
    • News24

    Il sentiero stretto che attende l'Europa

    La vittoria di Emmanuel Macron alle elezioni presidenziali francesi, e un comodo vantaggio nei sondaggi di opinione dell'Unione Cristiano-Democratica, il partito di Angela Merkel, prima delle elezioni politiche generali in Germania del 24 settembre, hanno determinato un'apertura a favore della

    – di Barry Eichengreen

    • News24

    Brexit, la rivincita degli «esperti» sull'economia britannica

    Il dibattito sulla Brexit è una fonte infinita di piacere per chiunque sia dotato di humor nero. La mia battuta preferita è stata pronunciata da Michael Gove, ora segretario per l'ambiente della Gran Bretagna. Prima del referendum sulla Brexit nel giugno 2016, Gove, allora segretario alla giustizia

    – di Barry Eichengreen

    • News24

    Il futuro del commercio tra leader populisti e capri espiatori

    E, come sosteneva lo scorso anno Barry Eichengreen dell'Università di Berkeley, anche se i policymaker volessero mettere «una pressione al rialzo sui prezzi Usa» per respingere la deflazione e l'imminente trappola della liquidità, ci sarebbero modalità migliori che ricorrere a tale soluzione.

    – di Rohinton P. Medhora

    • News24

    Quando la fortuna volta le spalle ai populisti

    «Questo è un buon momento per ricordare che gli Stati Uniti sono un sistema federale, e non uno stato unitario con un governo centrale e onnipotente», afferma Barry Eichengreen dell'Università di Berkeley.

    – di Ken Murphy, Stuart Whatley, Roman Frydman e Jonathan Stein

    • News24

    La Cina di oggi simile alla Thailandia del '97

    Questo mese si celebra l'anniversario della crisi finanziaria asiatica o più precisamente, dell'evento che il 2 luglio 1997 provocò la crisi: la svalutazione del baht thailandese. Se da un lato questi anniversari non sono motivo di festeggiamento, dall'altro offrono l'opportunità di guardare al

    – di Barry Eichengreen

    • News24

    Euro, the big defeat for the economics profession

    The euro has been the greatest success of economic science but is becoming the most humiliating defeat for the economics profession. I thank Il Sole 24 Ore for it openness in allowing me to set forth and discuss a paradox that concerns us all, economists or otherwise, in the framework of a

    – di Alberto Bagnai

    • News24

    I salari e la questione irrisolta dell'euro

    L'euro è stato il più grande successo della scienza economica, ma sta diventando la più umiliante sconfitta per la professione economica. Ringrazio il Sole 24 Ore, che mi permette, con apprezzabile spirito di apertura, di esporre e discutere nel quadro di un dibattito autorevole un paradosso che ci

    – di Alberto Bagnai

    • News24

    Cento giorni di inquietudine

    La convenzione di valutare i primi 100 giorni di un leader nazionale risale a Napoleone, passando da Franklin Delano Roosevelt. Mentre i 100 giorni di Napoleone prima di Waterloo sono stati un profilo di alterigia, e i primi 100 giorni di FDR un ritratto della speranza, la presidenza di Donald

    – di Roman Frydman, Ken Murphy, Stuart Whatley e Jonathan Stein

    • News24

    Italia fuori dall'euro? Nella storia non c'è retromarcia

    Ci sono ragioni valide per sostenere che la creazione dell'euro e la partecipazione dell'Italia siano stati due errori storici. Il problema, come sappiamo ora, è che un'unione monetaria senza unione bancaria e unione politica non funziona. O almeno non funziona in modo soddisfacente per tutti.

    – di Barry Eichengreen

1-10 di 173 risultati