Le nostre Firme

Barry Eichengreen

Barry Eichengreen è professore di Economia e Scienza politica all'Università di Berkeley. Il suo campo di ricerca principale è il sistema monetario e finanziario internazionale.

Nato nel 1952, si è laureato a Yale nel 1976 ottenendo nella stessa Università il Ph.D. in Economia nel 1979.

Barry Eichengreen è stato consluente del Fondo Monetario Internazionale nel 1997 e nel 1998.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Barry Eichengreen
    • News24

    Cina, il boom del credito fa sempre più paura

    Due dati sull'economia cinese sembrano trovare ampio consenso: il primo è che la fase di rallentamento è finita e la crescita è in ripresa; il secondo è che non va tutto bene sul piano finanziario. Dove non c'è accordo, è su ciò che accadrà da qui in avanti.

    – Barry Eichengreen

    • News24

    Come affrontare (e superare) l'incubo fiscale

    L'economia mondiale sta chiaramente andando a fondo e i politici, coloro cioè che dovrebbero assisterla, si "avvitano" su loro stessi. Almeno così suggeriscono i risultati del vertice dei G-20 tenutosi a Shanghai alla fine del mese scorso. Il Fondo Monetario Internazionale, che aveva da poco

    • News24

    Pechino e la trappola del tasso di cambio

    E' da mesi ormai che la politica dei tassi di cambio attuata dalla Cina crea delle turbolenze nei mercati finanziari globali. O meglio, la confusione su tale politica non fa che intorbidire i mercati. Non è stata una grande mossa quella delle autorità di Pechino che nel comunicare le proprie

    – Barry Eichengreen

    • News24

    Quel tentativo di «deformare» la Fed

    La campagna elettorale presidenziale negli Stati Uniti ha preso una piega particolarmente assurda dal momento che i candidati avanzano le loro proposte per la riforma della politica monetaria. Non è la prima volta, naturalmente, che i candidati presidenziali hanno proposto di modificare il modo in

    – Barry Eichengreen

    • News24

    I paradossi della produttività

    I recenti trend sulla crescita della produttività non ci inducono a essere ottimisti sul futuro. Nel 2014 la crescita globale della produttività totale dei

    – Barry Eichengreen

    • News24

    Tassi Usa, rialzo made in China

    Per gran parte dell'anno, gli investitori sono stati ossessionati dal momento in cui la Fed avvierà il "liftoff" - cioè, il momento in cui innalzerà i tassi di interesse di 25 punti base, o di 0,25%, come primo passo verso la normalizzazione delle condizioni monetarie. I mercati sono saliti alle

    – Barry Eichengreen

    • News24

    La Cina e il suo comportamento sconsiderato nel Forex

    Berkeley - L'11 agosto la Cina ha svalutato il renminbi del 2% e operato un modesto intervento di riforma al proprio sistema di tassi di cambio. Non è stato un terremoto su scala planetaria, eppure i mercati finanziari hanno reagito come se fossero stati colpiti da un meteorite. La reazione

    – Barry Eichengreen

    • Econopoly

    Fughe di capitali e racconti morali

    Uno studio di Barry Eichengreen (UC-Berkeley) e Poonam Gupta (World Bank) mostra come in realtà le fughe di capitali più cospicue non sono avvenute nei Paesi con fondamentali più fragili ma, in proporzione, in quelli dove i mercati finanziari avevano una dimensione maggiore e quindi dove era più facile vendere i vari tipi di beni (obbligazioni, azioni, eccetera).

    – Alessandro Guerani

    • News24

    Le riforme oltre la crescita

    Dopo una recessione a forma di "w" e un prolungato periodo di stagnazione, l'eurozona sta finalmente intravedendo i primi segni di ripresa. La fiducia dei consumatori è in ripresa. Le vendite al dettaglio e le immatricolazioni di auto sono in ripresa e quest'anno la Commissione europea prevede una

    – di Barry Eichengreen

1-10 di 140 risultati