Persone

Aung San Suu Kyi

Aung San Suu Kyi è una politica birmana, esponente della Lega Nazionale per la Democrazia che nel ‘90 ha vinto le elezioni, avendo così diritto alla poltrona di Primo Ministro. Il regime però ha invalidato il voto, arrestando i membri del movimento, compresa Aung San Suu Kyi, costretta ancora oggi ai domiciliari. Ha ricevuto il Premio Nobel per la pace.

Aung San Suu Kyi è figlia del generale Aung San, esponente politico birmano, che nel 1947 è stato ucciso da avversari di partito. Nel 1960 la madre è diventata ambasciatrice in India. Nel 1967 Aung San Suu Kyi si è laureata in Filosofia, Scienze Politiche ed Economia ad Oxford. Ha proseguito gli studi a New York e nel 1972 ha lavorato per le Nazioni Unite. Nel 1988 è tornata in Birmania ad accudire la madre malata. Nel frattempo il generale Saw Maung ha preso il potere, instaurando il regime militare, che tuttora vige in Myanmar. Aung San Suu Kyi ha fondato la Lega Nazionale per la Democrazia e nello stesso anno le sono stati imposti i domiciliari. Alla vittoria delle politiche birmane del 1990, i militari hanno preso il potere con la forza, annullando il voto. Nel 1991 Aung San Suu Kyi ha vinto il Premio Nobel per la pace. Gli arresti le sono stati revocati nel 1995 e 7 anni più tardi, a seguito delle Nazioni Unite, le è stata riconosciuta maggiore libertà. Nel 2003 è rimasta vittima di un agguato e dal 2005 ed è tornata ai domiciliari.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Aung San Suu Kyi
    • News24

    Filippine, richiesta di impeachment contro Duterte

    La vicenda di Duterte si inserisce in un quadro di crescente instabilità politica nella regione: la Corea del Sud ha appena registrato la rimozione per impeachment del presidente Park Geun-hye; il Myanmar è al centro di una complicata transizione dopo la sconfitta della giunta militare e Aung San Suu Kyi è in difficoltà nel fermare la repressione dei Rohingya da parte dell'esercito; il primo ministro malese Najib Razak è al centro di uno scandalo per corruzione e il Paese è arrivato ai ferri...

    – di Gianluca Di Donfrancesco

    • News24

    Lavori in corso verso la democrazia

    Le elezioni tenute a novembre, le prime da 25 anni nelle quali l'establishment militare abbia lasciato all'opposizione la possibilità di vincere, hanno incoronato il Nobel per la pace Aung San Suu Kyi e il suo partito, la National league for... Insediare Suu Kyi non era però possibile, per effetto della "trappola" inserita dai militari nella Costituzione, che nega ai cittadini con parenti stretti stranieri la possibilità di correre alla carica.

    – di Gianluca Di Donfrancesco

    • News24

    L'odissea dei rohingya e la vergogna del Myanmar

    Anche ora che alla guida del Paese c'è un Nobel per la pace e un'icona mondiale della lotta per i diritti civili come Aung San Suu Kyi. ... Pochi giorni fa, la commissione nazionale incaricata da Suu Kyi di indagare sulla situazione ha assolto le forze di sicurezza dalle accuse di abusi e negato qualsiasi violazione dei diritti umani. ... Una situazione che non ha subito alcun miglioramento con l'ascesa al potere di Suu Kyi, che, nonostante le pressioni internazionali, rifiuta di affrontare il...

    – di Gianluca Di Donfrancesco

    • News24

    Mohammed come Aylan, bambini immagine di una tragedia

    Il governo, però, di cui è membro Aung San Suu Kyi, Nobel per la pace nel 1991 e simbolo della lotta per i diritti umani, continua a negarne il genocidio. ... Ma è anche una macchia sull'immagine di Aung San Suu Kyi che sulla vicenda è rimasta in silenzio.

    – di Alberto Negri

    • News24

    Cultura/Dal 2016...

    Vero che a Stoccolma non erano andati in passato anche altri premiati illustri: qualcuno per aver rifiutato il premio (Sartre, ad esempio), qualcun altro perché bloccato da regimi e dittature (Boris Pasternak, Aung San Suu Kyi, Liu Xiaobo).

    • News24

    Tutte le donne ritratte da Annie Leibovitz

    Da Malala ad Aung San Suu Kyi, da Serena Williams ad Adele, da Elizabeth Warren a Lena Dunham, e tante altre: sono le donne ritratte da Annie Leibovitz, la fotografa americana approdata a Milano con Women: new portraits, mostra commissionata da Ubs, allestita nel bello spazio-fabbrica di via Orobia

    – di Eliana Di Caro

    • News24

    Non si ferma la corsa degli investimenti

    Il Paese ha bisogno di infrastrutture e tecnologia e può offrire mandopera a basso costo e risorse naturali

    – Gianluca Di Donfrancesco

    • News24

    Obama revoca l'embargo sulle armi contro il Vietnam

    Barack Obama cancella l'embargo sulla vendita di armi al Vietnam con una mossa che dà nuova spinta al «Pivot to Asia», il riorientamento degli interessi strategici di Washington verso il continente, avviato nel 2011 e che fa leva sul mega-accordo commerciale tra le economie del Pacifico, la Trans

    – Gianluca Di Donfrancesco

    • News24

    Obama allenta le sanzioni contro il Myanmar

    Gli Stati Uniti eliminano alcune delle sanzioni ancora in vigore nei confronti del Myanmar, senza però cancellarle del tutto. Washington vuole infatti riservarsi una certa leva sul Paese, per assicurarsi che il processo di democratizzazione non subisca frenate o inversioni di rotta. Barack Obama

    – Gianluca Di Donfrancesco

    • News24

    Myanmar a caccia di investimenti

    Con un Pil in crescita dell'8,6% nel 2016, secondo l'Fmi, il Myanmar è tra le dieci economie a più rapida espansione al mondo. Dopo i decenni di isolamento internazionale, un po' per scelta della giunta militare, un po' per effetto delle sanzioni internazionali adottate proprio contro i militari,

    – Gianluca Di Donfrancesco

1-10 di 164 risultati