Persone

Aung San Suu Kyi

Aung San Suu Kyi è una politica birmana, esponente della Lega Nazionale per la Democrazia che nel ‘90 ha vinto le elezioni, avendo così diritto alla poltrona di Primo Ministro. Il regime però ha invalidato il voto, arrestando i membri del movimento, compresa Aung San Suu Kyi, costretta ancora oggi ai domiciliari. Ha ricevuto il Premio Nobel per la pace.

Aung San Suu Kyi è figlia del generale Aung San, esponente politico birmano, che nel 1947 è stato ucciso da avversari di partito. Nel 1960 la madre è diventata ambasciatrice in India. Nel 1967 Aung San Suu Kyi si è laureata in Filosofia, Scienze Politiche ed Economia ad Oxford. Ha proseguito gli studi a New York e nel 1972 ha lavorato per le Nazioni Unite. Nel 1988 è tornata in Birmania ad accudire la madre malata. Nel frattempo il generale Saw Maung ha preso il potere, instaurando il regime militare, che tuttora vige in Myanmar. Aung San Suu Kyi ha fondato la Lega Nazionale per la Democrazia e nello stesso anno le sono stati imposti i domiciliari. Alla vittoria delle politiche birmane del 1990, i militari hanno preso il potere con la forza, annullando il voto. Nel 1991 Aung San Suu Kyi ha vinto il Premio Nobel per la pace. Gli arresti le sono stati revocati nel 1995 e 7 anni più tardi, a seguito delle Nazioni Unite, le è stata riconosciuta maggiore libertà. Nel 2003 è rimasta vittima di un agguato e dal 2005 ed è tornata ai domiciliari.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Aung San Suu Kyi
    • News24

    «Siamo imprenditori per natura», parola di capitalista riluttante

    E' un difensore del libero mercato, ma è convinto che il capitalismo sia la causa di molti dei mali che ci affliggono. E' per la deregulation, ma vorrebbe che l'Onu stabilisse cosa le società tecnologiche possono e non possono fare. Ha il mito dell'imprenditore, ma guarda con sospetto alla ricerca

    – di Marco Masciaga

    • News24

    Premiato il coraggio di sfidare i potenti

    I premi Pulitzer assegnati lunedì sera a New York hanno ribadito una volta di più l'insostituibile ruolo civile della stampa statunitense in un'epoca in cui i media tradizionali sono costretti a combattere quotidianamente per affermare la rilevanza sociale - e la sostenibilità economica - del

    – di Marco Masciaga

    • News24

    Papa: stop all'atomica, si rischia la distruzione dell'umanità

    Santo Padre, il suo predecessore Giovanni Paolo II nel 1982 affermò che la deterrenza nucleare era «moralmente accettabile». Lei ha detto che anche il possesso di armi nucleari è da condannare. Hanno influito le tensioni e le minacce tra il presidente Trump e il nord coreano Kim Jong Un?«Che cosa è

    • News24

    Francesco incontra Aung San Suu Kyi. Il Papa: «Rispetto per ogni etnia»

    E' il primo vero evento ufficiale della visita del Papa in Myanmar, l'incontro con la leader democratica Aung San Suu Kyi, prima in privato e poi pubblicamente. Un momento delicato viste le gravi tensioni degli ultimi mesi con la persecuzione da parte del governo per la minoranza musulmana, su cui

    – di Carlo Marroni

    • News24

    • News24

    Il potere delle donne

    La scorsa settimana, con una raffica di tweet, il presidente americano Donald Trump ha accusato Carmen Yulín Cruz, sindaco di San Juan, Puerto Rico, di "scarsa leadership" dopo che quest'ultima aveva osato criticare la risposta del governo federale Usa all'uragano Maria. Il capriccioso cinguettio

    – di Stuart Whatley, Ken Murphy, Jonathan Stein e Roman Frydman

    • News24

    Myanmar, Suu Kyi rompe il silenzio sulle violenze contro i Rohingya

    La leader birmana e premio Nobel per la pace Aung San Suu Kyi rompe per la prima volta il silenzio sulla questione dei Rohingya, la minoranza musulmana pesantemente discriminata nel Paese, e oggetto - secondo le Nazioni Unite - di un «chiaro caso di pulizia etnica». Dallo scorso mese oltre 400mila

    • News24

    Il grido di dolore dei rohingya arriva al Consiglio di Sicurezza Onu

    Dopo venti giorni di violenze, dopo l'esodo di 370mila profughi, dopo un numero imprecisato di villaggi dati alle fiamme, dopo 400 morti (secondo la poco credibile cifra fornita dal Governo birmano), finalmente la Comunità internazionale sembra sul punto di perdere la pazienza con il Myanmar della

    – di Gianluca Di Donfrancesco

    • News24

    La nuova arte birmana tra povertà e impegno, parola di A Yan Naing Zwe

    Al primo posto di una delle più importanti competizioni d'Oriente, l'International Artist Grand Prize Competition organizzata per la fiera internazionale di arte contemporanea Art Taipei in programma dal prossimo 20 al 23 ottobre spicca il nome di un artista birmano: Yan Naing Zwe. Nato nel 1984 e

    – di Valentina Muzi

1-10 di 180 risultati