Aziende

Giorgio Armani

Giorgio Armani Spa è una holding italiana attiva nel settore della moda. Il gruppo disegna, produce e distribuisce prodotti di moda, abiti, accessori, occhiali, orologi, gioielli, cosmetici, profumi, mobili e complementi d’arredo. Include inoltre tutti i marchi fondati o comprati dallo stilista, Presidente e Amministratore Delegato Giorgio Armani. La rete distributiva del gruppo è presente in 36 paesi e comprende 59 boutiques Giorgio Armani, 11 negozi Armani Collezioni, 122 negozi Emporio Armani, 71 negozi A/X Armani Exchange, 13 negozi AJ | Armani Jeans, 6 negozi Armani Junior, 1 negozio Giorgio Armani Accessori e 17 negozi Armani Casa in 37 Paesi nel mondo, oltre a quattro multi-concept store a Milano, Monaco di Baviera (Armani/Fünf-Höfe), Tokio (Armani/Ginza Tower) e Shangai (Armani/Three).

La società è nata nel 1975 a Milano, per volere di Giorgio Armani e Sergio Galeotti. Nel 1978 il gruppo ha fondato Giorgio Armani Corporation. Nell’80 lo stilista ha collaborato con la francese L'Oreal e nel 1987, ha attivato una joint venture con Itochu Corporation e Seibu Department Store, dando vita alla divisione nipponica Giorgio Armani Japan. L'anno successivo la società ha stabilito un accordo con Luxottica. Giorgio Armani Spa ha successivamente avviato una serie d’investimenti azionari che comprendono Intai (100%), Antinea (100%) e Simint (100%). Nel 2002 Giorgio Armani ha acquisito anche Deanna Spa e Guardi. Nel 2004 ha stretto accordi con la Emaar Properties. Dal 2008 Giorgio Armani Spa ha assunto la proprietà dell'80% delle quote societarie di Pallacanestro Olimpia Milano, sponsorizzata con il marchio Armani Jeans.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Giorgio Armani
    • News24

    Al via la Fashion week di Milano, in Borsa vincono i creativi

    Da oggi a lunedì prossimo Milano sarà capitale mondiale della moda. Forse lo è sempre, nella sostanza. Ma sicuramente le fashion week, quattro all'anno, servono ad accendere i riflettori su un settore dalla grandissima importanza economico-finanziaria per l'Italia (e la Francia): le sfilate sono

    – di Giulia Crivelli

    • News24

    In Borsa vincono i creativi: l'innovazione spinge i bilanci della moda made in Italy

    Da oggi a lunedì prossimo Milano sarà capitale mondiale della moda. Forse lo è sempre, nella sostanza. Ma sicuramente le fashion week, quattro all'anno, servono ad accendere i riflettori su un settore dalla grandissima importanza economico-finanziaria per l'Italia (e la Francia): le sfilate sono

    – di Giulia Crivelli

    • News24

    L'Oréal Luxe accelera sui marchi iper-specializzati

    Parola chiave: equilibrio. Così Roberto Serafini, direttore generale della divisione Luxe di L'Oréal Italia descrive le prossime mosse per continuare a crescere. La divisione a cui fanno capo marchi come Lancôme, Giorgio Armani e Ysl, solo per citarne alcuni, si è dimostrata strategica per il

    – di Marika Gervasio

    • News24

    Budget milionari in passerella

    A chi si chiedeva, qualche anno fa, se le sfilate avrebbero avuto ancora senso in un'epoca iper tecnologica in cui perfino il lusso è stato costretto alla democratizzazione, almeno attraverso i social media e internet, oggi bisognerebbe rispondere che sì, le sfilate hanno ancora un senso. Hanno,

    – di Marta Casadei

    • News24

    Ritorna Face Fabric, il fondotinta "cult" di Giorgio Armani

    Dieci anni fa nasceva Face Fabric, il fondotinta perfezionatore dell'incarnato creato da Giorgio Armani , ora ritorna con un nuovo packaging in versione denim, perché comodo e pratico da indossare come un paio di jeans. Una formula "seconda pelle", extra mat, impalpabile, che regala subito una

    • News24

    Margini record per il gruppo L'Oréal nel 2017

    Oltre 26 miliardi di ricavi in crescita dello 0,7% ( 4,8% a perimetro costante), utile di 3,58 miliardi a +15,3% e margini record del 18%: il gruppo L'Oréal archivia un 2017 decisamente positivo.

    – di Marika Gervasio

    • News24

    L'arte delle vetrine: lusso e fast fashion arruolano i «visual»

    Negli anni Sessanta un giovane Giorgio Armani, abbandonati gli studi in medicina, fece la sua prima esperienza nel settore moda alla Rinascente, lavorando come vetrinista e dando corpo allo stile per il quale oggi è conosciuto il tutto il mondo. Dall'altra parte dell'Oceano, negli stessi anni,

    – di Marta Casadei

    • News24

    Linee aggressive per l'haute couture di Armani. Silhouette allungate per Chanel

    Il dibattito sulla modernità e rilevanza della couture accompagna per prassi ormai consolidata ogni edizione di questa breve fashion week parigina. L'alta moda sembra infatti esprimere un doppio anacronismo: è una pratica antica perchè glorifica manualità e unicità in tempi di galoppante

    – di Angelo Flaccavento

    • News24

    L'haute couture made in Italy va in scena a Parigi

    Archiviate le sfilate uomo, a Parigi si apre oggi la settimana dell' haute couture. In passerella, le collezioni di alta moda per la P-E 2018: capi che incarnano lo spirito più creativo della moda e, allo stesso tempo, sono emblema dell'eccellenza manifatturiera. Con lo zampino del made in Italy,

    – di Marta Casadei

    • News24

    Con Armani e Fendi sfilano humour e carisma

    Il tempo presente della moda è dominato dal caos di età ed estetiche, da contrasti e confondenti compresenze. Le sfilate milanesi di questi giorni ne sono esempio lampante. Inutile cercare una tendenza univoca, perché va tutto, in simultanea; impossibile, quasi sempre, distinguere una collezione

    – di Angelo Flaccavento

1-10 di 816 risultati