Aziende

Giorgio Armani

Giorgio Armani Spa è una holding italiana attiva nel settore della moda. Il gruppo disegna, produce e distribuisce prodotti di moda, abiti, accessori, occhiali, orologi, gioielli, cosmetici, profumi, mobili e complementi d’arredo. Include inoltre tutti i marchi fondati o comprati dallo stilista, Presidente e Amministratore Delegato Giorgio Armani. La rete distributiva del gruppo è presente in 36 paesi e comprende 59 boutiques Giorgio Armani, 11 negozi Armani Collezioni, 122 negozi Emporio Armani, 71 negozi A/X Armani Exchange, 13 negozi AJ | Armani Jeans, 6 negozi Armani Junior, 1 negozio Giorgio Armani Accessori e 17 negozi Armani Casa in 37 Paesi nel mondo, oltre a quattro multi-concept store a Milano, Monaco di Baviera (Armani/Fünf-Höfe), Tokio (Armani/Ginza Tower) e Shangai (Armani/Three).

La società è nata nel 1975 a Milano, per volere di Giorgio Armani e Sergio Galeotti. Nel 1978 il gruppo ha fondato Giorgio Armani Corporation. Nell’80 lo stilista ha collaborato con la francese L'Oreal e nel 1987, ha attivato una joint venture con Itochu Corporation e Seibu Department Store, dando vita alla divisione nipponica Giorgio Armani Japan. L'anno successivo la società ha stabilito un accordo con Luxottica. Giorgio Armani Spa ha successivamente avviato una serie d’investimenti azionari che comprendono Intai (100%), Antinea (100%) e Simint (100%). Nel 2002 Giorgio Armani ha acquisito anche Deanna Spa e Guardi. Nel 2004 ha stretto accordi con la Emaar Properties. Dal 2008 Giorgio Armani Spa ha assunto la proprietà dell'80% delle quote societarie di Pallacanestro Olimpia Milano, sponsorizzata con il marchio Armani Jeans.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Giorgio Armani
    • News24

    Le tentazioni «fai da te» dei colossi

    A partire dagli anni 80 (pioniere fu, come in molti altri campi, Giorgio Armani), la moda comprese che gli occhiali potevano essere parte integrante di un look, di uno stile, dell'immagine di un marchio.

    • News24

    Alla Armani di Settimo piano sociale per gli esuberi

    In attesa del via libera dei lavoratori della Giorgio Armani operations spa di Settimo Torinese, l'ipotesi di accordo siglata da azienda e Filctem-Cgil, Femca-Cisl e Uiltec, è una prima soluzione alla situazione che si è creata nel sito dove vengono prodotti capi di fascia medio alta, in particolare, capi spalla.

    – di Cristina Casadei

    • News24

    L'Orèal, i benefit diventano «su misura»

    Ancora meglio ha fatto la divisione Luxe, della quale fa parte il beauty Giorgio Armani ed Emporio Armani: nel primo semestre i ricavi sono arrivati a 4,148 miliardi, in aumento del 15,4% sullo stesso periodo del 2016.

    – di Giulia Crivelli

    • News24

    La divisione Luxe traina la crescita dei conti L'Orèal

    La crescita (che non tiene conto della cessione di The Body Shop al gruppo brasiliano Natura, siglata a fine giugno ma ancora in attesa di approvazione da parte delle autorità anti-trust americane) è stata trainata, ancora una volta, dalla divisione L'Oréal Luxe, cui fanno capo, tra gli altri, i brand Giorgio Armani, Lancôme e Ysl Beauté: il business dei prodotti di fascia alta ha infatti registrato un incremento a doppia cifra, pari al +10,5% like-for-like e +15,4% a cambi correnti.

    – di Marta Casadei

    • News24

    Giorgio Armani, frenano i ricavi 2016 ma utili e liquidità continuano a salire

    Sono passati sette anni da questa dichiarazione di Giorgio Armani a Vogue Uk, ma le parole restano attuali: primo, perché dal 2010 il suo gruppo è rimasto indipendente e, insieme a Prada, leader italiano del settore. ... Per un gruppo verticalmente integrato come quello di Giorgio Armani, ogni fase, dall'acquisto delle materie prime alla scelta dei fornitori, dalla gestione del retail agli investimenti in logistica e tecnologia, può innescare circoli virtuosi.

    – di Giulia Crivelli

    • News24

    L'alta moda di Parigi fra velocità e tradizione

    Leader dei tradizionalisti sognatori è, a sorpresa, Giorgio Armani, che immagina damine misteriose e velate, e poi Karl Lagerfeld, che da Chanel omaggia gli anni 30.

    – di Angelo Flaccavento

1-10 di 775 risultati