Persone

Antonio Ingroia

Antonio Ingroia, nato a Palermo il 31 Marzo 1959, è un magistrato e politico italiano, dal dicembre 2012 in aspettativa poichè candidato premier a capo della lista Rivoluzione Civile.

Entrato in magistratura a 28 anni a fianco di Falcone e Borsellino, Ingroia è diventato sostituto procuratore di Palermo nel 1992 e, in seguito, Pubblico Ministero della Procura antimafia. Nel 2004 rappresentò la pubblica accusa nel processo contro il senatore del Pdl Dell'Utri, riuscendo ad ottenere una prima condanna. Nel Luglio 2012 si è inoltre occupato dell'indagine sulle trattative Stato-mafia.


Nel Dicembre 2012 ha annunciato la candidatura a Presidente del Consiglio, a capo della coalizione Rivoluzione Civile, in vista delle elezioni politiche del Febbraio 2013.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Antonio Ingroia
    • News24

    Stato-Mafia: condannati Mori e Dell'Utri, assolto Mancino

    La Corte di Assise di Palermo ha condannato a pene comprese tra 8 e 28 anni di carcere per la cosiddetta trattativa Stato-Mafia gli ex vertici del Ros Mario Mori, Antonio Subranni e Giuseppe De Donno, l'ex senatore Marcello Dell'Utri, Massimo Ciancimino e i boss Leoluca Bagarella e Nino Cinà.

    – di Roberto Galullo

    • Agora

    Antonio Ingroia, Servitore dello Stato nelle sabbie mobili del sottogoverno politico, del servilismo dei media e della favola "italiani brava gente"

    Oggi scrivo di Antonio Ingroia, l'ex magistrato che ha lavorato fianco a fianco nella Procura di Marsala con Paolo Borsellino e da quest'ultimo espressamente voluto ancora al suo fianco nel 1992 nella Procura di Palermo. Ingroia - tanto per dirne alcune tra le tante - si è occupato di alcuni tra i più importanti processi sui rapporti tra la mafia e il mondo della politica, dell'imprenditoria, dell'economia, dei professionisti e della massoneria. Sia ben chiaro: stiamo parlando (nel migliore de...

    – Roberto Galullo

    • News24

    Indennità e rimborsi «illeciti», l'ex pm Ingroia indagato per peculato

    Rimborsi «illeciti» nella funzione di amministratore di Sicilia e-Servizi spa costano all'ex pm Antonio Ingroia l'accusa di peculato: si sarebbe liquidato indennità per complessivi 151mila euro, denaro che la Guardia di finanza ha sequestrato su mandato della Procura della Repubblica di Palermo.

    – di Ivan Cimmarusti

    • News24

    Elezioni: solo tre magistrati in Parlamento, finita epoca iniziata con Mani Pulite

    Ormai è divorzio tra toghe e Parlamento. Nelle nuove Camere siederanno solo in tre tra ex e magistrati ancora in servizio. Erano nove le toghe nella legislatura appena conclusa. E addirittura 18 in quella precedente. Il Pd, dopo un feeling durato oltre trent'anni, ha consumato con Renzi una

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Elezioni, la carica delle 20 microliste tra Camera e Senato

    Sono online nella sezione «elezioni trasparenti» del sito del Viminale le liste dei candidati in corsa alle politiche del 4 marzo. La scheda elettorale non sarà unica a livello nazionale, perché ci sono partiti che si presentano in tutti le circoscrizioni e i collegi (uninominali e plurinominali),

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Elezioni, liste dimezzate dalla necessità delle firme: corrono in 42

    Quarantadue liste in corsa: 35 in Italia e 7 all'estero. E' questa la fotografia che si ricava consultando la sezione "elezioni trasparenti" del sito del Viminale, dove a partire dal 31 gennaio sono pubblicati statuto, programma e capo politico. Una drastica riduzione rispetto agli 84 contrassegni

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Morto il boss Totò Riina, l'ultimo capo di Cosa nostra

    E' morto Totò Riina, il capo di Cosa nostra. L'ultimo riconosciuto. Né la Commissione provinciale né quella regionale, infatti, dopo il suo arresto il 15 gennaio 1993 e 24 anni di latitanza, sono mai più tornate a riunirsi.La vita di Riina, 87 anni, che ha accumulato 26 condanne all'ergastolo per

    – di Roberto Galullo

    • Agora

    Strage di Via D'Amelio/2 La denuncia raccolta il giorno dopo, le contraddizioni tra servitori dello Stato e quella pista abbandonata

    Cari amici di questo umile e umido blog tre settimane fa (rimando al link a fondo pagina) ho cominciato ad analizzare l'audizione del sostituto procuratore nazionale antimafia Nino Di Matteo il 13 settembre davanti alla Commissione bicamerale presieduta da Rosy Bindi. Ieri ho proseguito cominciando a descrivere gli spunti investigativi finora trascurati che il pm antimafia ha spiattellato alla Commissione presieduta da Bindi. Nel servizio di ieri (al quale rimando a piè di pagina) ho descritto ...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Presa Diretta (Rai3) scopre i "mammasantissima" sopra la 'ndrangheta, Nicola Gratteri li punta e Rosy Bindi li mette a nudo

    Anche Nicola Gratteri, capo della Procura di Catanzaro non ha dubbi: il gotha massopolimafioso che i suoi ex colleghi della Dda di Reggio Calabria stanno portando alla luce in riva allo Stretto, è un modello replicabile ovunque. Non solo in Italia, visto che nord e sud, est od ovest del mondo, come ama ricordare il pm, sono solo punti cardinali che non possono certo ingabbiare i confini virtuali delle mafie. Quei mammasantissima invisibili e riservati - oggi alle 21.15 al centro della puntata di...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Lo Stato "contro natura"/1 L'indagine della Dda di Reggio Calabria (ri)svela il matrimonio tra apparati statali marci e mafie

    La natura del genere umano è progredire, sperimentare e inventare ciò che può migliorare la vita stessa, aiutato in ciò, oltre che dall'intelligenza, il dialogo ed il confronto, anche dalla scienza e, per chi crede, dalla fede. E' così da sempre in tutti i campi e in ogni settore della vita. A volte lo Stato si comporta contro natura. A volte la magistratura si comporta contro natura. E, contro natura, si comporta anche la libera informazione il cui compito dovrebbe (lo è sempre meno) condire l...

    – Roberto Galullo

1-10 di 264 risultati