Persone

Antonio Ingroia

Antonio Ingroia, nato a Palermo il 31 Marzo 1959, è un magistrato e politico italiano, dal dicembre 2012 in aspettativa poichè candidato premier a capo della lista Rivoluzione Civile.

Entrato in magistratura a 28 anni a fianco di Falcone e Borsellino, Ingroia è diventato sostituto procuratore di Palermo nel 1992 e, in seguito, Pubblico Ministero della Procura antimafia. Nel 2004 rappresentò la pubblica accusa nel processo contro il senatore del Pdl Dell'Utri, riuscendo ad ottenere una prima condanna. Nel Luglio 2012 si è inoltre occupato dell'indagine sulle trattative Stato-mafia.


Nel Dicembre 2012 ha annunciato la candidatura a Presidente del Consiglio, a capo della coalizione Rivoluzione Civile, in vista delle elezioni politiche del Febbraio 2013.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Antonio Ingroia
    • News24

    Il terreno scivoloso dell'antimafia delle parole

    Terreno scivoloso quello dell'antimafia. Quando pensi di aver issato la bandiera in cima alla montagna della conoscenza, c'è sempre qualcosa o qualcuno che ti riporta a valle. In questo terreno irto di insidie, Sicilia e Calabria non fanno passare giorno senza che qualche nuova spina si aggiunga

    – di Roberto Galullo

    • News24

    Chi è Di Matteo, il magistrato amato dalle piazze e inviso alla politica

    Due anni fa, appena prima di ricevere uno dei tanti premi per il suo impegno nella lotta quotidiana a Cosa nostra, Nino Di Matteo fece in gesto che al mondo appare normale: una passeggiata sul lungomare Falcomatà di Reggio Calabria.Normale, per lui, non era e - a ben vedere - normale non lo fu

    – di Roberto Galullo

    • News24

    Ingroia, dall'antimafia alla politica sempre sotto i riflettori

    Il suo nome resterà legato all'inchiesta e al processo sulla trattativa Stato- Mafia, in magistratura dal 1987, Antonio Ingroia è stato a lungo uno dei nomi più esposti, anche mediaticamente, della Procura di Palermo. Considerato per sua stessa definizione un allievo di Paolo Borsellino, ha

    – di Serena Uccello

    • News24

    Ex pm Ingroia indagato a Palermo per peculato

    L'ex pm di Palermo Antonio Ingroia è indagato per peculato. L'ex magistrato, ora amministratore della società regionale Sicilia e servizi, è stato interrogatoquesta mattina. Secondo l'accusa avrebbe percepito, indebitamente, una serie di rimborsi per trasferte, proprio nella qualità di

    • Agora

    Perché mai come ora la vita del pm Nino Di Matteo è a rischio: Palermo mai così pericolosa. L'opzione rientro in Dda

    Abituati - come siamo - a guardare al dito che la indica e non alla luna che sovrasta, non può e non deve apparire strano in questa Italia sbrindellata che la vicenda del Pm Nino Di Matteo segua la stessa sorte. Con una decisione assolutamente logica e coerente al suo profilo - vale a dire non accettare il trasferimento nella Dnaa romana solo perché in pericolo di vita e demolire i sospetti di una fuga dalle responsabilità giudiziarie del processo sulla trattativa - Di Matteo ha inevitabilmente...

    – Roberto Galullo

    • News24

    Il Pd tratta sull'Italicum, ma D'Alema va all'attacco

    Massimo D'Alema va giù duro. L'ex presidente del Consiglio accusa il fronte del sì guidato da Matteo Renzi di portare avanti una campagna referendaria con un atteggiamento «minaccioso», «in un clima di paura e intimidazione», come se chi non condivide la riforma «si debba sentire colpevole di

    – di Barbara Fiammeri

    • Agora

    Trattativa Stato-mafia/1 In appello i giudici fiorentini danno lustro alle conclusioni raggiunte in primo grado

    Antonio Ingroia, ex pm a Palermo padre putativo dell'indagine sulla trattativa tra Stato e Cosa Nostra e Giovanna Maggiani Chelli, presidente dell'Associazione tra i familiari della strage di via dei Georgofili a Firenze, hanno ben ragione di dire che le sentenze sono tutte uguali ma qualcuna - per i media - è più uguale delle altre. I due si riferivano all'incuria (per usare un eufemismo) con la quale i media (tranne eccezioni) hanno analizzato le motivazioni della sentenza per il boss di mafi...

    – Roberto Galullo

    • News24

    Camorra, colpo ai clan a Roma: confiscati beni per 80 milioni

    Un diffuso «sistema di lavaggio di denaro sporco della camorra (clan Contini-Mazzarella)» attraverso una rete di pizzerie della nota catena "Pizza Ciro" . Ammonta a 80 milioni di euro la maxi confisca emessa sulla base degli accertamenti investigativi della Procura della Repubblica di Roma che ha

    – Ivan Cimmarusti

    • News24

    Comunali in Sicilia, M5s espugna Gela e Augusta. A Enna Pd sconfitto

    Vola il M5s, Pd in difficoltà. E' la sintesi del ballottaggio In Sicilia che ha visto coinvolti 13 comuni. Uno solo il capoluogo interessato, Enna, dove il candidato del centrosinistra Vladimiro Crisafulli è stato sconfitto dal "civico" Maurizio Dipietro. Ma era interessante la sfida a Gela, patria

1-10 di 252 risultati