Persone

Antonio Ingroia

Antonio Ingroia, nato a Palermo il 31 Marzo 1959, è un magistrato e politico italiano, dal dicembre 2012 in aspettativa poichè candidato premier a capo della lista Rivoluzione Civile.

Entrato in magistratura a 28 anni a fianco di Falcone e Borsellino, Ingroia è diventato sostituto procuratore di Palermo nel 1992 e, in seguito, Pubblico Ministero della Procura antimafia. Nel 2004 rappresentò la pubblica accusa nel processo contro il senatore del Pdl Dell'Utri, riuscendo ad ottenere una prima condanna. Nel Luglio 2012 si è inoltre occupato dell'indagine sulle trattative Stato-mafia.


Nel Dicembre 2012 ha annunciato la candidatura a Presidente del Consiglio, a capo della coalizione Rivoluzione Civile, in vista delle elezioni politiche del Febbraio 2013.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Antonio Ingroia
    • News24

    Ingroia, dall'antimafia alla politica sempre sotto i riflettori

    Il suo nome resterà legato all'inchiesta e al processo sulla trattativa Stato- Mafia, in magistratura dal 1987 Antonio Ingroia è stato a lungo uno dei nomi più esposti, anche mediaticamente, della Procura di Palermo. ... Con Borsellino (allora procuratore capo), infatti, Ingroia è stato sostituto procuratore a Marsala.

    – di Serena Uccello

    • News24

    Ex pm Ingroia indagato a Palermo per peculato

    L'ex pm di Palermo Antonio Ingroia è indagato per peculato. ... Sotto inchiesta, inoltre, è finita anche l'indennità di risultato che Ingroia si è liquidato.

    • News24

    Il Pd tratta sull'Italicum, ma D'Alema va all'attacco

    Massimo D'Alema va giù duro. L'ex presidente del Consiglio accusa il fronte del sì guidato da Matteo Renzi di portare avanti una campagna referendaria con un atteggiamento «minaccioso», «in un clima di paura e intimidazione», come se chi non condivide la riforma «si debba sentire colpevole di

    – di Barbara Fiammeri

    • Agora

    Trattativa Stato-mafia/1 In appello i giudici fiorentini danno lustro alle conclusioni raggiunte in primo grado

    Antonio Ingroia, ex pm a Palermo padre putativo dell'indagine sulla trattativa tra Stato e Cosa Nostra e Giovanna Maggiani Chelli, presidente dell'Associazione tra i familiari della strage di via dei Georgofili a Firenze, hanno ben ragione di dire che le sentenze sono tutte uguali ma qualcuna - per i media - è più uguale delle altre. I due si riferivano all'incuria (per usare un eufemismo) con la quale i media (tranne eccezioni) hanno analizzato le motivazioni della sentenza per il boss di mafi...

    – Roberto Galullo

    • News24

    Camorra, colpo ai clan a Roma: confiscati beni per 80 milioni

    Un diffuso «sistema di lavaggio di denaro sporco della camorra (clan Contini-Mazzarella)» attraverso una rete di pizzerie della nota catena "Pizza Ciro" . Ammonta a 80 milioni di euro la maxi confisca emessa sulla base degli accertamenti investigativi della Procura della Repubblica di Roma che ha

    – Ivan Cimmarusti

    • News24

    Comunali in Sicilia, M5s espugna Gela e Augusta. A Enna Pd sconfitto

    Vola il M5s, Pd in difficoltà. E' la sintesi del ballottaggio In Sicilia che ha visto coinvolti 13 comuni. Uno solo il capoluogo interessato, Enna, dove il candidato del centrosinistra Vladimiro Crisafulli è stato sconfitto dal "civico" Maurizio Dipietro. Ma era interessante la sfida a Gela, patria

    • Agora

    Morte di Attilio Manca/3 Il capo della Procura di Viterbo è certo: «L'urologo non ha operato Provenzano a Marsiglia»

    Cari e amati lettori di questo umile e umido blog, da alcuni giorni sto trattando ancora della vicenda relativa alla morte dell'urologo Attilio Manca che secondo le risultanze delle indagini della Procura di Viterbo (città nella quale risiedeva e operava) è morto l'11 febbraio 2004 per una overdose. Sarebbe morto da drogato colui il quale, secondo la famiglia Manca, avrebbe verosimilmente operato il boss di Cosa Nostra Bernardo Provenzano in quel di Marsiglia (Francia). Non vi tedio neppure ogg...

    – Roberto Galullo

1-10 di 251 risultati