Persone

Antonio Iannetta

Antonio Iannetta è nato il 1974 a Milano ed è manager del sociale con esperienza nell'Unione Italiana Sport Per tutti (Uisp).

E' uno dei partecipanti alle primarie del 6 e 7 febbraio 2016 per la scelta del candidato sindaco del Partito Democratico, alle comunali di Milano della primavera del 2016.

Laureato alla Facoltà di matematica, fisica e scienze naturali, in conservazione della natura e delle sue risorse, ha coordinato per anni progetti di cooperazione internazionale il cui ingrediente primario era la diffusione dello sport in Paesi come la Somalia, la Palestina ed il Brasile. In questo ruolo Iannetta ha potuto maturare una conoscenza ed una sensibilità particolari per tutte le problematiche connesse con l'integrazione tra le diverse culture e religioni.

Nella Uisp associazione che comprende 550 società sportive e 70.000 tesserati, Iannetta ha ricoperto diversi ruoli: da responsabile delle relazioni internazionali, a responsabile di marketing e comunicazione e dei rapporti con gli istituti di credito, fino a diventare Presidente di UISP Milano e membro della Direzione Nazionale.

Antonio Iannetta è sposato ed ha due figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Antonio Iannetta
    • Agora

    Sei domande sei al candidato sindaco di Milano Beppe Sala

    Beppe Sala, 57 anni, è stato commissario unico per Expo Milano 2015. Ha ricoperto ruoli manageriali prima in Pirelli e poi in Telecom. Prima di Expo, è stato per un anno e mezzo direttore generale del Comune di Milano. E' candidato sindaco di Milano per la coalizione di centrosinistra, dopo aver vinto le primarie cui hanno partecipato anche Francesca Balzani, Pierfrancesco Majorino e Antonio Iannetta. Qui risponde a sei domande sei sulla sua candidatura. 1. Quanto è solida e che cosa manca alla...

    – Daniele Bellasio

    • News24

    Primarie Pd per i sindaci: dove e come si vota. Riflettori su Roma e Napoli

    Conto alla rovescia per «il primarie day» del centrosinistra a trazione Pd. Mancano poche ore all'appuntamento di domenica prossima 6 marzo quando, dalle 8 alle 22 salve eccezioni locali, si terranno le competizioni per la scelta del candidato sindaco, in vista delle elezioni di giugno. Si vota a

    • Agora

    Parisi è forte ma la domanda sul nuovo centrodestra resta

    A prima vista, la candidatura di Stefano Parisi a sindaco di Milano per il centrodestra ha due punti di forza e uno di debolezza. I punti di forza riguardano la figura di Parisi, il punto di debolezza riguarda invece le sorti del centrodestra ed è in fondo frutto (nascosto, ma non troppo) dei punti di forza del prescelto. Insomma, la sensazione è che il centrodestra e i suoi attuali leader abbiano trovato, grazie a Parisi, una buona soluzione per Milano, ma abbiano rinviato, assieme al vertice ...

    – Daniele Bellasio

    • Info Data

    Le primarie del Pd a Milano. Dal 2006 alla vittoria di Sala. Quanto pesa la sinistra?

    Il candidato del centrosinistra di Milano in vista delle amministrative di giugno sarà Giuseppe Sala, 58 anni, il commissario Expo. Risultato abbastanza scontato. C'era solo da capire, in questa due giorni di primarie, a quale distanza avrebbe lasciato la sua principale avversaria, la vicesindaca Francesca Balzani. E' finita così: con 158 seggi scrutinati su 160, Sala ha ottenuto il 42,28% dei consensi, con 24.961 voti. Francesca Balzani si è fermata al 33,96%, con 20.056 voti. Mentre Pierfrance...

    – Luca Tremolada

    • News24

    Beppe Sala vince le primarie di Milano

    Il candidato del centrosinistra di Milano in vista delle amministrative di giugno sarà Giuseppe Sala, 58 anni, il commissario Expo. Risultato abbastanza

    – Sara Monaci

    • News24

    Primarie Milano, al voto in 7.750

    Code ai seggi per la prima giornata di votazione, ieri, per scegliere il candidato sindaco di Milano nelle primarie di centrosinistra. In base a quanto hanno

    • Agora

    Milano, Iowa

    Nel nostro piccolo anche noi milanesi sabato e domenica daremo una prova di grande democrazia, come stanno facendo gli americani con le loro primarie. Non voglio fare il baùscia (fanfarone in milanese, e anche un sinonimo di interista; noi milanisti siamo i "mutandoni" per via del calzoncino bianco). Le nostre sono solo primarie per un sindaco, e lo sono di un solo partito perché i salvin-berlusca-meloniani, in ordine di consenso, preferiscono scegliere il loro candidato nel salotto di Arcore. ...

    – Ugo Tramballi

1-10 di 18 risultati