Persone

Anna Wintour

Anna Wintour è una giornalista britannica. Storico direttore della rivista americana Vogue, è considerata un anticipatore di tendenze di moda. A lei sono ispirati film come Il Diavolo veste Prada. Johnny Depp ha tratto spunto dal suo look per il ruolo di Willy Wonka, in La fabbrica di cioccolato. Nel 2009 negli Stati Uniti è uscito il documentario The September Issue, che la vede protagonista.

Anna Wintour ha studiato al North London Collegiate School. All’età di 15 anni il padre, redattore del quotidiano Evening Standard, l’ha introdotta nel mondo della moda, facendola prima lavorare alla boutique Biba e poi ai magazzini Harrods. La carriera giornalistica di Anna Wintour è iniziata intorno al 1970, quando ha scritto per la rivista satirica Oz, diventando successivamente assistente per il magazine di moda Harper's & Queen. Trasferitasi a New York, è diventata redattrice di moda per Viva. Nel 1983 è entrata in Condé Nast come direttore creativo, diventando poi direttore dell’edizione britannica di Vogue. Nel 1987 Anna Wintour è stata nominata direttore di House&Garden e l’anno successivo ha ricoperto la stessa carica a Vogue. Nel 2007 ha lanciato le edizioni: Teen Vogue, Vogue Living e Men's Vogue.
Nel 1999 Anna Wintour ha divorziato dallo psichiatra infantile David Shaffer, dal quale ha avuto due figli: Charles e Katherine, che lavora come giornalista al quotidiano Daily Telegraph.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Anna Wintour
    • News24

    Milano ricorda in Duomo Franca Sozzani

    Nessun primo ministro l'aveva mai fatto e per i due pranzi organizzati nel primo giorno della fashion week, uno a Palazzo Reale, l'altro nei Laboratori della Scala, Renzi sedette tra Franca Sozzani e Anna Wintour, direttore di Vogue America.

    – di Giulia Crivelli

    • News24

    Sfilate donna a Milano: il sistema moda supera le attese

    Non ci sarà invece il pranzo di inaugurazione al quale nel febbraio e settembre 2016 partecipò Matteo Renzi, sedendo tra Franca Sozzani e Anna Wintour, direttore di Vogue America.

    – di Giulia Crivelli

    • News24

    Le reazioni, da Armani a Renzi

    Sentito anche il ricordo di Anna Wintour, direttore di Vogue America: sulla rivalità tra le due si è favoleggiato per anni, ma il ricordo che la Wintour ha pubblicato ieri su internet racconta la storia di un'amicizia trentennale basata su stima e affetto.

    • News24

    Addio a Franca Sozzani, storica direttrice di Vogue Italia

    La parola più usata per descriverla era zarina. Zarina della moda italiana. A ben guardare una definizione sibillina, che spiega, certo, quanto influente e potente fosse Franca Sozzani, scomparsa oggi a soli 66 anni dopo una malattia che in un anno ha consumato la sua famosa e inesauribile energia.

    – di Giulia Crivelli

    • News24

    Anna Wintour, una sfilata-evento per sostenere Hillary Clinton

    Che Anna Wintour sia una fervente sostenitrice del partito democratico americano lo dimostrano tutte le iniziative a sostegno della candidatura di Barack Obama che la zarina della moda americana aveva organizzato durante le sue due campagne verso la Casa Bianca. Il suo impegno non si è certo

    • Agora

    Gli Mtv Video Music Awards confermano Beyoncé e Rihanna regine del pop

    Le regine della galassia pop restano loro. Beyoncé e Rihanna trionfano agli Mtv Video Music Awards, facendo razzia di premi e monopolizzando la scena in una serie di serratissimi mini live act. A Rihanna (nella foto Chris Pizzello/Invision/ANSA/AP) va il «Michael Jackson Vanguard Award»,  il maggior riconoscimento dei Video Music Awards che la proietta nell'Olimpo dei grandi del pop insieme con Jacko e Madonna. A Beyoncé il premio per il miglior video femminile con «Hold Up» e quello di miglior ...

    – Francesco Prisco

    • News24

    I jeans di 100 celebrity all'asta per i rifugiati

    Reinterpretare i jeans donati da cento celebrità del mondo della moda, del cinema e della musica e farne opere d'arte. Per poi venderle all'asta e donare il ricavato a un'associazione che si occupa di dare sostegno ai rifugiati. E' questo, in sintesi, " Jeans for Refugees" il progetto ideato e

    • News24

    Bill Cunningham, addio al padre dello street style

    Aveva cominciato a fotografare i passanti dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale. E aveva avuto un'intuizione: immortalare le mise più iconiche sfoggiate dai newyorkesi. Bill Cunningham non aveva idea del fatto che, lanciando la street style photography avrebbe rivoluzionato l'estetica della

1-10 di 144 risultati