Persone

Anna Maria Cancellieri

Anna Maria Cancellieri è nata il 22 ottobre del 1943 a Roma ed è una politica ed ex prefetto italiano.

Ha rivestito la carica di Ministro dell'interno del governo Monti dal 16 novembre 2011 al 28 aprile 2013 e di Ministro della Giustizia del Governo Letta dal 28 aprile 2013 al 22 febbraio 2014.

Laureata in Scienze Politiche alla Sapienza di Roma, inizia la carriera entrando nel 1972 nell’amministrazione del ministero dell’interno, successivamente diventa capoufficio stampa della prefettura di Milano e responsabile del progetto Efficienza.

Il 1° settembre del 1993 viene nominata prefetto.

Nel corso della sua lunga carriera è stata prefetto a Vicenza, Bergamo, Brescia, Catania e Genova.

Nel 2009 lascia l'amministrazione dell'interno e viene collocata in quiescenza.

Tra il 2009 ed 2010 è stata nominata, dal Presidente in carica della Sicilia Raffaele Lombardo, commissario al Teatro Bellini di Catania.

Nel 2010 e nel 2011 è stata rispettivamente Commissario Straordinario delle città di Bologna e di Parma in seguito alle dimissioni dei sindaci Flavio Delbono, per la città di Bologna e Pietro Vignali per quella di Parma.

Il 16 novembre del 2011 con la nomina a Ministro dell'interno del governo Monti, risulta, dopo Rosa Russo Jervolino, la seconda donna nella storia repubblicana italiana a rivestire tale incarico.

il 18 aprile del 2013 viene proposta, su indicazione di Scelta Civica, alla candidatura per la carica di Presidente della Repubblica, ottenendo alla quarta votazione 78 preferenze.

Tra il 27 aprile del 2013 ed il febbraio del 2014 ricopre la carica di Ministro della Giustizia nel Governo Letta.

Annamaria Cancellieri è stata insignita dell'onoreficienza di Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana (27 dicembre 2001).

E' sposata dal 1966 con l'ex farmacista Sebastiano Piluso ed ha due figli, Piergiorgio e Federico.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Anna Maria Cancellieri
    • Agora

    Libertà di stampa/ Pregi (straordinari) e difetti (ordinari) nella relazione della Commissione parlamentare antimafia

    Il 2 marzo la Commissione parlamentare antimafia ha presentato la relazione "sullo stato dell'informazione e sulla condizione dei giornalisti minacciati dalle mafie", già in vero approvata il 5 agosto 2015. Un compito superiore ed improbo che, se è stato portato avanti con ostinazione e professionalità, lo si deve (quasi) solo ad un senatore: Claudio Fava (Si-Sel). Non poteva che essere così. Claudio - lo dico per i lettori più giovani - ha respirato e vissuto libertà di informazione grazie al...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Aldo Moro/ In Commissione d'inchiesta esplodono depistaggi, il caso di brogliacci scomparsi e lo spettro di Gladio

    Il partigiano Sergio Flamigni, poi deputato e senatore del Pci dal 1968 al 1997, è forse uno dei maggiori analisti delle drammatiche vicende che hanno attraversato la democrazia italiana nel dopoguerra. Nel 1983 entra a far parte della Commissione parlamentare d'inchiesta sulla loggia massonica P2, i cui lavori si concluderanno il 12 luglio 1984; nella stessa legislatura partecipa anche alla seconda commissione antimafia che termina i suoi lavori nel 1987. Con la conclusione della nona legisla...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Possibile che le udienze si fissino dopo oltre 5 mesi?

    E' cominciato oggi, dinanzi al giudice di Pace di San Pietro Vernotico, nel brindisino, il processo per diffamazione a Vittorio Sgarbi. A querelare il critico d'arte l'ex ministro dell'Interno Anna Maria Cancellieri per quanto Sgarbi disse durante un incontro pubblico da titolo "Turismo rurale: opportunità di sviluppo sostenibile per il territorio" tenutosi il 2 agosto 2013 a Cellino San Marco (Brindisi). A Sgarbi viene contestato di aver diffamato almeno con due riferimenti impliciti all'allora...

    – Enrico Bronzo

    • Agora

    L'omicidio stradale è due volte incostituzionale. Un giudice della Cassazione spiega perché

    Che fine ha fatto lo slancio di Matteo Renzi per l'introduzione del reato di omicidio stradale? Sarà per le perplessità degli esperti, sarà perché sotto elezioni era molto più sicuro ai fini del consenso popolare sbandierare cose come il bonus fiscale di 80 euro, ma sta di fatto che per ora non se ne parla più. Comunque, la strada è lunga e la materia di presta anche a giravolte inattese e pure ripetute. Quindi è pressoché certo che se ne tornerà a parlare. Nel frattempo, è uscita un'interessant...

    – Maurizio Caprino

    • Agora

    Commissione parlamentare antimafia/ Quando a preoccupare i commissari sono la libertà di stampa e la magistratura (palermitana)

    Il ministro (ex) della Giustizia Anna Maria Cancellieri, il 30 gennaio viene audita in Commissione parlamentare antimafia. In quella seduta si parla di tante cose. Tra le tante, anche degli ormai famosissimi colloqui registrati e videoregistrati nel carcere milanese di Opera (Milano) tra il capo di Cosa nostra (formalmente ancora lo è) Totò Riina e l'aspirante dama di compagnia e passeggio Alberto Lorusso. La seduta si snoda in modo molto interessante fino a che? Fino a che non si scivola sul ru...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Totò Riina solo soletto/AAA cercasi detenuto disposto a confessarlo e fare ospitate in tv a circuito chiuso - La vecchia rosa di nomi

    Poverò Totò Riina. Parafrasando la canzone di Sanremo 54, cantata da Gino Latilla, anche lui tornò solo. La sua favella garrula, ora, è a secco. Troppo ha già cantato. E infatti, qualcuno, vuole che non vanti più (http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2014/02/falange-armata-si-rif%C3%A0-viva-con-la-lettera-a-tot%C3%B2-riina-ma-la-sua-presenza-borderline-%C3%A8-vecchia-le-i.html) A confermarlo è l'ex ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri, che il 30 gennaio è audita in Commissione ...

    – Roberto Galullo

1-10 di 383 risultati