Ultime notizie:

Alfonso Berardinelli

    • News24

    L'innovatore conservatore

    La saggistica attuale è in metamorfosi. Uno dei sintomi più immediatamente evidenti è il passaggio dalla forma classica del saggio (misura breve condensata e divagante, stilisticamente suggestiva) alla forma e alla misura del libro, del trattato, o più precisamente della ricerca di tipo accademico.

    – di Alfonso Berardinelli

    • News24

    Chi «lancia» libri uccide lettori

    Molto utile il libro A. O. Scott Elogio della critica (Il Saggiatore, pagg. 247, ? 22): ne consiglio la lettura perché riassume con sintetica efficacia storia e senso comune su questa attività tanto naturale e necessaria quanto deplorata. Ma vediamo in quale contesto e in quale congiuntura cade un

    – di Alfonso Berardinelli

    • News24

    Dimenticare l'impostore

    Ogni epoca ha i suoi idoli, i suoi padroni del pensiero, i suoi autori intoccabili. Se poi questi autori sono filosofi che fra metodo e sistema, concetti e lessico, riescono a confezionare un'antropologia filosofica che spiega cosa sono le arti, cosa fanno le scienze, come funziona il potere e le

    – di Alfonso Berardinelli

    • News24

    Passioni spente dalle Teorie

    E' vero che la critica letteraria langue, non interessa, non si vende, non trova spazio, dà fastidio a editori e autori, e per sua stessa natura è sempre in crisi. Non riesco però a vedere sufficienti e buone ragioni per rilanciare la teoria della letteratura. La smania di teorizzare immaginando di

    – Alfonso Berardinelli

    • News24

    Un andaluso a New York

    Fra i più grandi e famosi poeti del Novecento, Federico García Lorca è oggi il più dimenticato. Dall'inizio degli anni sessanta in poi di lui non si parla. Noto a tutti, letto, antologizzato e recitato da attori come Vittorio Gassman, Arnoldo Foà, Giorgio Albertazzi, quasi all'improvviso il suo

    – di Alfonso Berardinelli

    • News24

    Cos'è il romanzo (e cosa non lo è)

    Gli imperi, si sa, si sfaldano proprio mentre sembrano raggiungere un'incontrastata egemonia: non avendo più confini, perdono l'identità. E' quello che è successo al romanzo, che pretende di coincidere con la letteratura tout court. Ma se tutto è romanzo nulla lo è: la mancanza di attrito con

    – di Matteo Marchesini

    • News24

    Cos'è il romanzo (e cosa non lo è)

    Gli imperi, si sa, si sfaldano proprio mentre sembrano raggiungere un'incontrastata egemonia: non avendo più confini, perdono l'identità. E' quello che è successo al romanzo, che pretende di coincidere con la letteratura tout court. Ma se tutto è romanzo nulla lo è: la mancanza di attrito con

    – Matteo Marchesini

    • News24

    Infinito in quindici endecasillabi

    Senza l'idea, senza il mito, senza un'idea mitica di poesia, sembra che questo genere letterario, che fu condotto dalla modernità a limiti estremi di essenzialità autoriflessa, sia oggi quasi impensabile. Dalla metà dell'Ottocento in poi (dopo Baudelaire), se non prima (dopo Novalis o Coleridge o

    – di Alfonso Berardinelli

    • News24

    Infinito in quindici endecasillabi

    Senza l'idea, senza il mito, senza un'idea mitica di poesia, sembra che questo genere letterario, che fu condotto dalla modernità a limiti estremi di essenzialità autoriflessa, sia oggi quasi impensabile. Dalla metà dell'Ottocento in poi (dopo Baudelaire), se non prima (dopo Novalis o Coleridge o

    – Alfonso Berardinelli

    • News24

    Un autore singolare e plurale

    Universo e mondi. Vorrei usare questa formula, echeggiante un titolo di Giordano Bruno, per identificare il doppio regime fantastico che governa, in concomitanza e in alternativa, tutta l'opera di Goffredo Parise. Non è una tesi da dimostrare, è una semplice evidenza. Sul fronte denominabile

    – di Alfonso Berardinelli

1-10 di 60 risultati