Ultime notizie:

Alfonso Berardinelli

    • News24

    Dimenticare l'impostore

    Ogni epoca ha i suoi idoli, i suoi padroni del pensiero, i suoi autori intoccabili. Se poi questi autori sono filosofi che fra metodo e sistema, concetti e lessico, riescono a confezionare un'antropologia filosofica che spiega cosa sono le arti, cosa fanno le scienze, come funziona il potere e le

    – di Alfonso Berardinelli

    • News24

    Passioni spente dalle Teorie

    E' vero che la critica letteraria langue, non interessa, non si vende, non trova spazio, dà fastidio a editori e autori, e per sua stessa natura è sempre in crisi. Non riesco però a vedere sufficienti e buone ragioni per rilanciare la teoria della letteratura. La smania di teorizzare immaginando di

    – Alfonso Berardinelli

    • News24

    Un andaluso a New York

    Fra i più grandi e famosi poeti del Novecento, Federico García Lorca è oggi il più dimenticato. Dall'inizio degli anni sessanta in poi di lui non si parla. Noto a tutti, letto, antologizzato e recitato da attori come Vittorio Gassman, Arnoldo Foà, Giorgio Albertazzi, quasi all'improvviso il suo

    – di Alfonso Berardinelli

    • News24

    Cos'è il romanzo (e cosa non lo è)

    Gli imperi, si sa, si sfaldano proprio mentre sembrano raggiungere un'incontrastata egemonia: non avendo più confini, perdono l'identità. E' quello che è successo al romanzo, che pretende di coincidere con la letteratura tout court. Ma se tutto è romanzo nulla lo è: la mancanza di attrito con

    – di Matteo Marchesini

    • News24

    Cos'è il romanzo (e cosa non lo è)

    Gli imperi, si sa, si sfaldano proprio mentre sembrano raggiungere un'incontrastata egemonia: non avendo più confini, perdono l'identità. E' quello che è successo al romanzo, che pretende di coincidere con la letteratura tout court. Ma se tutto è romanzo nulla lo è: la mancanza di attrito con

    – Matteo Marchesini

    • News24

    Infinito in quindici endecasillabi

    Senza l'idea, senza il mito, senza un'idea mitica di poesia, sembra che questo genere letterario, che fu condotto dalla modernità a limiti estremi di essenzialità autoriflessa, sia oggi quasi impensabile. Dalla metà dell'Ottocento in poi (dopo Baudelaire), se non prima (dopo Novalis o Coleridge o

    – di Alfonso Berardinelli

    • News24

    Infinito in quindici endecasillabi

    Senza l'idea, senza il mito, senza un'idea mitica di poesia, sembra che questo genere letterario, che fu condotto dalla modernità a limiti estremi di essenzialità autoriflessa, sia oggi quasi impensabile. Dalla metà dell'Ottocento in poi (dopo Baudelaire), se non prima (dopo Novalis o Coleridge o

    – Alfonso Berardinelli

    • News24

    Un autore singolare e plurale

    Universo e mondi. Vorrei usare questa formula, echeggiante un titolo di Giordano Bruno, per identificare il doppio regime fantastico che governa, in concomitanza e in alternativa, tutta l'opera di Goffredo Parise. Non è una tesi da dimostrare, è una semplice evidenza. Sul fronte denominabile

    – di Alfonso Berardinelli

    • News24

    La nuova critica degli anni '90

    Ricordo perfettamente il mio primo incontro con Silvio Perrella. Era il maggio del 1991, salone del libro di Torino. Ero perplesso su quasi tutto e non molto allegro. Il passato novecentesco si allontanava con una definitiva accelerazione. L'anno prima erano morti Caproni e Moravia, stavo scrivendo

    – di Alfonso Berardinelli

    • News24

    La familiarità dell'estraneo

    Il quinto romanzo di Laura Pugno, La ragazza selvaggia, fa pensare a certi racconti dello splendido filone non horror di Stephen King, lì dove il perturbante agita il lettore mostrandogli la domestica familiarità dell'estraneo, l'oscurità impenetrabile che circonda il perimetro della razionalità.

    – Filippo La Porta

1-10 di 58 risultati