Persone

Aldo Grasso

Aldo Grasso Ŕ nato il 10 aprile del 1948 a Sale delle Langhe (CN) ed Ŕ un critico, giornalista e docente italiano. Cura sul sito web del Corriere della Sera il forum TeleVisioni e dal 2008 Ŕ direttore scientifico del Centro di ricerca sulle televisioni e gli audiovisivi dell'UniversitÓ Cattolica del Sacro Cuore, dove insegna Storia della radio e della televisione.

Tra l'ottobre del 1993 ed il settembre del 1994 Ŕ stato direttore della programmazione radiofonica Rai e conduttore televisivo.

Laureato in Lettere, Aldo Grasso ha intrapreso la carriera accademica all'UniversitÓ Cattolica di Milano, diventando assistente universitario, lettore di Teoria e tecnica delle comunicazioni di massa e in seguito docente di Storia e critica del cinema.

Ha insegnato anche a Brescia e successivamente ha assunto la titolaritÓ della cattedra di Storia della radio e della televisione.

Autore di diversi programmi radiotelevisivi, tra i quali "A video spento" e "Tv parade", nel 1990 Ŕ diventato critico televisivo per il Corriere della Sera.

Dal 1994 al 1995 Ŕ entrato nel Consiglio della Nuova Fonit Cetra.

Tra i vari riconoscimenti, ha vinto il Premio Imola 2005 per la sezione spettacolo ed il Premio della critica Mollicone d'argento 2010.
Aldo Grasso Ŕ autore e coautore di diversi libri, tra i quali:

L'irrealismo socialista, Roma 1978; Storia della televisione italiana, Milano 1992; La scatola nera della pubblicitÓ, Cinisello Balsamo 2000; Fenomenologia di Fiorello, Milano 2008; Arredo di serie. I mondi possibili della serialitÓ televisiva americana, Milano, 2010; Televisione convergente. La TV oltre il piccolo schermo, Milano, 2010; Ciclone Grillo, genesi e ascesa di un movimento, Milano 2013.

E' sposato con la studiosa di storia Anna Foa ed ha una figlia, Benedetta (1988).

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Aldo Grasso
    • NovaCento

    Memorie dalla televisione italiana degli anni Ottanta e Novanta

    Nell'immagine: un momento della cerimonia di conferimento della Laurea Honoris Causa in Televisione, Cinema, Produzione Multimediale a Mike Bongiorno. A sinistra: Rosario Fiorello, showman italiano. A destra: Mike Bongiorno, showman italo-americano (1924 - 2009). Milano, UniversitÓ IULM, 14 dicembre 2007. In Italia, Ŕ stata la televisione ad introdurre gli italiani nella modernitÓ. Gli anni Ottanta e Novanta, in particolare, furono l'etÓ dell'oro dell'intrattenimento televisivo in Italia, con ...

    – Gabriele Caramellino

    • NovaCento

    La televisione e la cultura dell'originalitÓ

    Nell'immagine: l'autore e attore Corrado Guzzanti mentre interpreta il personaggio di Quelo, nello show televisivo Pippo Chennedy Show, andato in onda sulla televisione italiana (Rai) nel 1997. Per gli addetti ai lavori e per gli appassionati di televisione, il personaggio di Quelo Ŕ indimenticabile: era il "guru" in accappatoio bianco che dava consigli di vita ai suoi vari interlocutori, con espressioni variopinte come "la seconda che hai detto", "la risposta Ŕ dentro di te e per˛ Ŕ sbagliata"...

    – Gabriele Caramellino

    • NovaCento

    Alcune idee sull'evoluzione storica della televisione, in due libri e in un video

    A partire dalla seconda metÓ del Novecento, la televisione Ŕ stata un simbolo di progresso e modernitÓ. L'Italia, negli anni Ottanta e Novanta, ha costituito un laboratorio di idee per i contenuti televisivi. Al giorno d'oggi, invece, assistiamo ad un doppio fenomeno: da una parte, Ŕ in corso una etÓ dell'oro delle serie televisive, dall'altra, le persone comunicano tramite apparecchi tecnologici e possono rendere pubbliche alcune parti della propria vita privata. La tv generalista Ŕ stata e ...

    – Gabriele Caramellino

    • NovaCento

    Il ritorno di Will & Grace in televisione, la cultura pop, e la macchina del tempo applicata agli audiovisivi

    Nell'immagine: gli attori protagonisti della serie televisiva Will & Grace. Da sinistra: Megan Mullally (interprete del personaggio di Karen Walker), Erick McCormack (interprete del personaggio di Will Truman), Debra Messing (interprete del personaggio di Grace Adler), Sean Hayes (interprete del personaggio di Jack McFarland). Chi sa apprezzare certi prodotti televisivi, probabilmente Ŕ lieto di rivedere in televisione Will & Grace. Quelli della mia generazione - i nati attorno al 1980 - e gli...

    – Gabriele Caramellino

    • News24

    Un anno fa moriva Umberto Eco: il suo ritratto da giovane

    Non ho mai pensato che il tardivo approdo in cattedra del professore Umberto Eco, all'etÓ di 43 anni, per quanto paradossale, possa aver costituito per lui un problema. Non ne aveva il tempo, tante e tali erano le sopravvenienze, fin dalla tesi di laurea sul Problema estetico in San Tommaso,

    – di Mario Andreose

    • News24

    La Tv del futuro, Mediaset e Rai unite contro i colossi del web

    Dibattito sul futuro della tv. CadrÓ sotto i colpi delle fake news e della post-veritÓ? A giudicare dalla discussione verrebbe da pensare di no, anche se su quello che sarÓ la televisione fra cinque o dieci anni nessuno osa sbilanciarsi. Alla fine per˛ il discorso cade sempre lý: sugli Over-the

    – di Andrea Biondi

    • News24

    Maestro del metodo senza barriere

    Gianfranco Bettetini non Ŕ stato solo uno degli iniziatori della semiotica del cinema e dei media. E' stato anche il maestro di almeno due generazioni di studiosi che hanno reso la ricerca sulla comunicazione e sui media una disciplina accademica solida e autorevole. Lo incontrai la prima volta

    – Francesco Casetti

    • News24

    Giuseppe Pontiggia l'oratore

    Che cos'Ŕ la parola? Un'emissione di suoni, un concetto. No, di pi¨: Ŕ ritmo-gesto, melodia ed energia del corpo intero che intona la parola, tendendosi sia dentro di sÚ per cercare i significati sia fuori di sÚ per esprimerli. E' comunicare la propria veritÓ: metterla in comune; perci˛ ascolto di

    – di Daniela Marcheschi

    • NovaCento

    Appunti sui contenuti televisivi e sulla golden age della serialitÓ televisiva statunitense

    Ieri si Ŕ svolta a Roma, al Centro Studi Americani, la presentazione del libro La nuova fabbrica dei sogni. Miti e riti delle serie tv americane di Aldo Grasso e Cecilia Penati (Il Saggiatore editore, 2016), entrambi studiosi di televisione e media all'UniversitÓ Cattolica di Milano. Una occasione, dunque, per riflettere sulla etÓ dell'oro che stanno vivendo le serie televisive Usa e per ragionare anche sul mondo delle fiction italiane. "Negli Stati Uniti - ha spiegato Aldo Grasso (che Ŕ anche...

    – Gabriele Caramellino

1-10 di 74 risultati