Le nostre Firme

Alberto Negri

    • News24

    La retorica del male che aggrava le crisi

    «Se ci attaccano, non c'è altra scelta che distruggere la Corea del Nord»: lo ha detto Donald Trump all'Onu. La Corea del Nord minaccia il mondo: «E' un oltraggio che ci siano Paesi che sostengono Pyongyang» ha aggiunto. Il presidente Usa, ha poi definito «imbarazzante» l'accordo nucleare con l'Iran.

    – di Alberto Negri

    • News24

    Al Qaida sopravvive alla guerra al terrorismo

    La guerra al terrorismo è efficace? Sedici anni dopo l'11 settembre Al Qaida, che mise il marchio sugli attentati alle Torri Gemelle di New York e al Pentagono, controlla il maggiore santuario del jihadismo da quando perse la sua base in Afghanistan, allora sotto la protezione dei talebani del

    – di Alberto Negri

    • News24

    Elezioni annullate, il Kenya riparte dalla Corte Suprema

    Una giornata storica per l'Africa: neppure l'ex segretario di Stato americano John Kerry avrebbe potuto immaginare che potesse accadere. La decisione della Corte Suprema di Nairobi di annullare le elezioni presidenziali vinte da Uhuru Kenyatta contro l'eterno rivale Raila Odinga non ha precedenti e

    – di Alberto Negri

    • News24

    L'atomica, salvacondotto dei regimi

    Non farsi attaccare e avere una potente leva di ricatto nei confronti delle altre potenze nucleari e regionali: questo è il senso dell'atomica. Il dottor Stranamore è sempre di moda. I Paesi oggi teoricamente "inattaccabili", oltre a quelli del club nucleare ufficiale, sono Pakistan, India e

    – di Alberto Negri

    • News24

    Il nuovo ruolo dell'Italia e il controllo dei fondi per i migranti

    L'Italia torna protagonista in Libia, da dove volevano cacciarla insieme a Gheddafi. Con un messaggio politico più generale: il Mediterraneo e la questione dei migranti non deve diventare lo specchio della disunione europea. A pagare i conti della stabilizzazione della Libia, del Nordafrica e del

    – di Alberto Negri

    • News24

    Iraq, rinascita o decostruzione di una nazione tormentata

    Ci sono troppi Iraq per farne uno e le celebrazioni delle vittorie sono ingannevoli. Anche per la liberazione di Mosul il 9 luglio, dopo 9 mesi di assedio all'Isis, ci sono stati adeguati festeggiamenti ufficiali. Così come gli americani celebrarono il 9 aprile 2003 l'abbattimento delle statua di

    – di Alberto Negri

    • News24

    La guerra al terrorismo riparte là dove era iniziata

    Anche Trump, come da 16 anni tutti i suoi predecessori, conoscerà la polvere dell'Afghanistan. La sabbia alzata a mulinelli dal vento penetra in bocca e nelle narici, offusca la vista e avvolge l'orizzonte in un'atmosfera sospesa, cinerea e giallastra, allo stesso tempo abbagliante e dalle lunghe

    – di Alberto Negri

    • News24

    Perché il jihadismo sopravvive alle sconfitte

    L'Isis può perdere la partita in Iraq e in Siria, ma la sua ideologia resiste. Sarebbe una pericolosa illusione pensare che una sconfitta militare del Califfato possa costituire la fine del jihadismo, ideologia che si è diffusa negli ultimi decenni dall'Afghanistan all'Iraq, dal Medio Oriente

    – di Alberto Negri

1-10 di 1391 risultati