Aziende

Ahold

Nata in Olanda nel 1973, Ahold è una società quotata sul listino della borsa europea Euronext che si occupa di grande distribuzione e di commercio alimentare. Ahold opera in Europa e negli Stati Uniti, gestendo con diversi brand alcune importanti catene di supermercati e centri commerciali. Nel vecchio continente il marchio più antico è quello dei supermercati Albert Heijn, catena di grande distribuzione per il territorio olandese che conta 835 punti vendita. Fa parte della storia del gruppo, poiché il primo negozio della realtà aziendale che è diventata oggi Ahold Kon (dove Kon è diminutivo di koninklijke, termine che significa reale, ovvero fornitore della casa reale olandese) venne creato nel 1887 a Zaandam, in Olanda, da Albert Heijn. Così oggi col nome di Albert Heijn è identificata questa catena di store che fondano il loro business sulla qualità del servizio e dei prodotti.

Altro gruppo di negozi presenti sul territorio dei Paesi Bassi è quello a marchio Etos: si tratta di 518 retailer specializzati nel settore beauty e profumeria, il 50% dei quali è aperto in franchising. Sempre in Olanda si trovano i 539 punti vendita di Gall & Gall, la catena di negozi specializzata nella vendita di vino e liquori, fondata nel 1884. In Europa, ma fuori dal territorio olandese, Ahold controlla invece una importante e radicata catena di supermercati come Ica (presente con oltre 2.000 punti vendita sul territorio della Svezia e di quasi tutti gli altri Paesi dell’area scandinava, come la Norvegia, e del Baltico) e più piccole realtà in crescita come Albert e Hypernova (brand di negozi operanti tra la Repubblica Ceca e la Slovacchia). Sul mercato statunitense sono invece cinque i marchi appartenenti al gruppo Ahold: Stop&Shop, Giant, Giant Food Stores, Martin’s e Peapod.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Ahold
    • Agora

    La super-centrale Coopernic decolla: 120 aziende invitate a partecipare alle gare

    Le supercentrali europee sono così efficaci come quelle nazionali? A sentire Coopernic, sì. La super-alleanza continentale - che per ora comprende l'italiana Coop, la francese Leclerc e la belga Delhaize (ma domani probabilmente anche Ahold) - ha firmato i contratti del 2015 invitando alle gare di fornitura 120 grandi industrie. «Tutti i soci hanno chiuso i contratti - sottolinea Marco Pedroni, presidente di Coop Italia e di Coopernic - con grandi industrie: da L'Oreal a Coca Cola da P&G ...

    – Emanuele Scarci

    • News24

    Contrordine, il burro fa bene: e per Latteria Soresina è boom di vendite

    Contrordine: il burro fa benissimo, non è nemico della linea ed è alimento principe della tavola. Nessuna demoinizzazione, anzi. Latteria Soresina sposa le più recenti teorie dei nutrizionisti che lo ritengono parte della dieta mediterranea. E il business decolla. Con "Senza Lattosio" della

    – Natascia Ronchetti

    • NovaCento

    La caduta degli amministratori delegati

    Martha Stewart Living, la società che insegna alle casalinghe americane come arredare e decorare la casa, è la vittima più recente. Con la sua fondatrice messa alla gogna proprio in questi giorni a New York, in uno dei processi più spettacolari degli ultimi anni, l'impero mediatico nato dal nulla nel '91 ha perso circa metà del suo valore rispetto alla quotazione di partenza e l'azienda è finita in rosso. Martha Stewart, naturalmente, ha ceduto il timone ai suoi collaboratori. Ma non è chiaro se...

    – Elena Comelli

    • NovaCento

    I compensi imbarazzanti dei manager strapagati

    Ripartita Wall Street, ripartita l'economia americana, sono ripartiti anche i compensi dei top manager. E i risultati sono imbarazzanti. Cambia la posizione di qualche nome a seconda delle classifiche, ma i numeri sono sempre quelli: tra 141 e 148 milioni di dollari per Reuben Mark di Colgate-Palmolive, 75 milioni per Steve Jobs di Apple, 70 milioni per George David di United Technologies, tra 54 e 60 milioni per Henry Silverman di Cendant, 54 milioni per Sanford Weill di Citigroup (in pensione ...

    – Elena Comelli