Persone

Abu Mazen

Mahmud Abbas, più noto in Italia con il nome di Abu Mazen

è nato a Safad il 26 marzo del 1935 ed è stato Presidente dell''Autorità Nazionale Palestinese.....

Ha ricoperto tale incarico dal 2005, anno in cui ha vinto le elezioni presidenziali, al 3 gennaio 2013, quando l'ANP è stata formalmente assorbita dal proclamato Stato di Palestina. Attualmente è Presidente della Palestina e dell'Organizzazione per la liberazione della Palestina.

La sua presidenza si è caratterizzata per il pragmatismo, ma anche per lo scontro politico e talvolta militare con l'ala estremista di Hamas.

Con Israele si è sempre dichiarato aperto al dialogo, ma ha rifiutato di proseguire i negoziati fin quando quest'ultimo continuerà a costruire nuovi insediamenti nei territori occupati. Prima di essere presidente dell'autorità nazionale palestinese è stato, dal 2004, presidente dell'Organizzazione per la Liberazione della Palestina, succedendo in questa carica a Yasser Arafat.

Abu Mazen entrò nell'Olp già negli anni Sessanta, quando lavorava in Qatar: in quel periodo Arafat stava cercando il sostegno dei palestinesi emigrati all'estero. Proprio Arafat, che fu alla guida dell'OLP sin dalla sua fondazione, nominò nel 2003 Abu Mazen Primo Ministro, cedendogli parte dei propri poteri. La nomina di Abu Mazen a primo ministro è stata fortemente sostenuta dai paesi occidentali a seguito del rifiuto di Israele di proseguire i negoziati con Arafat. Abu Mazen era infatti il candidato ideale per subentrare al leader in quanto si presentava come una personalità moderata ma era anche uno dei pochi esponenti politici ad aver contribuito alla creazione dell'OLP, godendo quindi del sostegno popolare.

Abu Mazen è laureato in legge all'università di Damasco ed ha effettuato un dottorato di ricerca in storia all'università di Mosca.

Il 27 aprile del 2013 gli è stata conferita la cittadinanza onoraria napoletana ed il giorno successivo quella di Pompei.

Hanno destato particolare attenzione le sue dichiarazioni contro l'Olocausto definito "il più odioso crimine contro l'umanità avvenuto nell'era moderna", dichiarazioni rese durante la celebrazione dello Yom HaShoah e che hanno visto per la prima volta un leader palestinese usare in pubblico parole così gravi contro il genocidio nazista.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Abu Mazen
    • News24

    Trump: occasione rara per la pace

    Donald Trump crede in una nuova era di disgelo tra Paesi arabi e Israele e nelle possibilità di riavviare il cruciale processo di pace in Medio Oriente. La seconda tappa del viaggio del presidente americano lo ha visto spezzare tabù: il suo Air Force One è diventato il primo volo diretto dalla

    – Marco Valsania

    • News24

    Trump in Israele: «Mai un'arma nucleare all'Iran»

    Donald Trump crede in una nuova era di disgelo tra Paesi arabi e Israele e nelle possibilità di riavviare il cruciale processo di pace in Medio Oriente con i palestinesi. La seconda tappa del viaggio internazionale del presidente americano lo ha visto spezzare tabù: il suo Air Force One è diventato

    – di Marco Valsania

    • News24

    Il debutto di Trump in Arabia saudita è stato un successo

    Che piaccia o no per Donald Trump il debutto internazionale in Arabia Saudita è stato già un successo personale oltre che politico. Soprattutto, questo viaggio ha avviato un nuovo corso nei confronti del mondo islamico sunnita ai danni dell'Iran. Al centro della proposta americana c'è un baratto:

    – di Mario Platero

    • News24

    Trump, debutto internazionale a Riad per uscire dall'angolo

    WASHINGTON - Non sottovalutate Donald Trump. Sarà anatra zoppa a casa, ma nel suo debutto internazionale, che comincia dall'Arabia Saudita, darà il meglio di sè. La coreografia era ed è mirata per consacrare il presidente come grande statista internazionale. Ed è vero che oggi è sotto attacco a

    – di Mario Platero

    • News24

    «Palestina entro i confini del 1967». Cosa c'è dietro la svolta di Hamas

    In questo conflitto, il più antico e irrisolto fra i molti mediorientali, le buone notizie vanno prese con beneficio d'inventario: c'è sempre il pericolo che dietro si celi un inganno. Ma proprio perché le ragioni di ottimismo sono così rare nell'ultracentenario confronto tra israeliani e

    – di Ugo Tramballi

    • News24

    Egitto, attacco a chiese copte, Isis rivendica. Decretato lo stato d'emergenza

    L'Isis rivendica gli attacchi alle chiese copte egiziane di Il Cairo e Alessandria nel giorno della Domenica delle Palme e che, complessivamente - ma il bilancio potrebbe essere aggiornato - hanno fatto una cinquantina di vittime. Lo riferisce Amaq, "l'agenzia" dello Stato islamico". In serata il

    – di S.Bio.

    • News24

    «Due Stati per israeliani e palestinesi e nessun passo unilaterale»

    I 75 Paesi che hanno partecipato alla Conferenza di Parigi, dopo una giornata di incontri e negoziati, chiedono a israeliani e palestinesi di «impegnarsi per una soluzione a due Stati» e di «astenersi da passi unilaterali». La sottolineatura della soluzione dei due Stati, non più così scontata

    • News24

    • News24

    Mattarella da Abu Mazen: «La pace non è più rinviabile»

    «La riconciliazione israelo-palestinese non è più procrastinabile», è un processo «vitale» per tutta la comunità internazionale. Lo ha sottolineato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel suo incontro a Betlemme con il presidente dell'Anp (Autorità nazionale palestinese) Abu Mazen

1-10 di 458 risultati