Aziende

a2a

a2a SpA è un’azienda che si occupa di servizi di pubblica utilità. È quotata in borsa e fa parte del segmento delle blue chip.

a2a nasce il 1 gennaio 2008 dall'unione di Aem, Asm e Amsa. Aem era la municipalizzata del comune di Milano nel settore dei servizi energetici, Asm l’omologa del comune di Brescia e Amsa l’azienda che si occupava della gestione dei rifiuti a Milano.

a2a opera non solo nei territori di origine ma in tutta Italia e anche all’estero, in particolare in Spagna, Francia, Inghilterra e Montenegro. Il gruppo a2a è attivo in diversi settori, tra cui la produzione e distribuzione di energia elettrica e gas, i servizi di teleriscaldamento, la gestione dei rifiuti e anche servizi di Adsl su rete elettrica.

Il gruppo a2a ha oggi una dimensione europea ed è ai primi posti in Italia in servizi come la gestione dei rifiuti e il teleriscaldamento. L’integrazione dell’azienda consente di offrire una vasta gamma di servizi collegati: dallo smaltimento dei rifiuti, al trattamento, alla termovalorizzazione nei propri impianti, per arrivare quindi alla produzione di calore e alla fornitura di servizi di teleriscaldamento, per fare un esempio.

Il nome a2a è stato scelto perché alfa è la prima lettera dell’alfabeto e pertanto simbolo dell’inizio, della nascita. A è inoltre la lettera iniziale di AEM, ASM e AMSA. Si è scelto inoltre di utilizzare un carattere minuscolo per sottolineare l’informalità e la vicinanza all’utente e al cittadino ai quali l’azienda offre i propri servizi.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su a2a
    • News24

    Milano unica in rosso ma senza panico dopo tonfo Mps (-10,5%)

    Piazza Affari è l'unica in rosso tra le Borse europee, ma senza drammi nel giorno del «No» della Bce a concedere più tempo per l'aumento di capitale di Banca Mps Mps che è sempre più vicina a un salvataggio tramite intervento pubblico. Mentre gli altri listini europei hanno chiuso in rialzo con

    – di Chiara Di Cristofaro e Andrea Fontana

    • News24

    Per la Prima un tris di banchieri e i vertici delle big pubbliche

    Gli amministratori delegati di Unicredit, Intesa Sanpaolo e Banca Popolare di Vicenza, insieme ai vertici delle grandi partecipate pubbliche, sono alcuni dei principali esponenti del mondo della finanza seduti in platea per la prima del Teatro alla Scala.

    – di Paolo Paronetto

    • News24

    Borsa, super-Mps traina Milano (+2,1%) nel giorno del cda. Wall Street a nuovi massimi

    Ancora una giornata da protagonisti per i titoli del settore bancario che hanno spinto al rialzo Piazza Affari e le altre principali Borse europee. Dopo un avvio incerto anche Wall Street ha girato in positivo aggiornando nuovi record (con il Dow Jones in chiusura +1,55% a 19.548,27 punti e lo

    – di C. Di Cristofaro e Guido Maurino

    • News24

    Piazza Affari (+4,1%) ai massimi da Brexit, Unicredit vola del 13%

    Ricoperture in massa sui bancari italiani ed europei e il FTSE MIB chiude con un rialzo superiore al 4% che lo riporta ai massimi dal 24 giugno, il day after del voto inglese sull'uscita dall'Unione europea. Con l'arrivo degli investitori americani nel pomeriggio Piazza Affari ha messo a segno un

    – di F. Carletti e A. Fontana

    • News24

    Milano si aggrappa a Wall Street e argina le perdite. Male le banche

    Milano vacilla, ma non affonda dopo l'esito del referendum e la decisione del premier Renzi di rassegnare le dimissioni. In una giornata positiva per i listini europei sostenuti anche dal buon andamento di Wall Street che continua ad aggiornare nuovi record, Piazza Affari ha chiuso in calo dello

    – di Guido Maurino

    • News24

    A2A, offerta di riacquisto bond

    A2A ha annunciato ieri il lancio di un buyback in contanti su due bond propri denominati «Ç750,000,000 4.500 per cent. Notes due 28 November 2019» e del prestito obbligazionario denominato «Ç500,000,000 4.375 per cent. Notes due 10 January 2021».

    • Agora

    Italia al voto, ecco i migliori titoli di Borsa in caso di vittoria del Si e del No al referendum

    Quali sono i titolo italiani che avranno performance positive in caso di vittoria del No nel referendum e quali quelli che avranno una discesa borsistica? Un primario broker ha fatto una selezione a Piazza Affari spiegando che resisteranno alla discesa, in caso di vittoria del No, le azioni con una forte esposizione del fatturato sull'estero, quindi meno soggette a un business regolatorio. In caso di vittoria del No sono invece sfavoriti il settore finanziario e bancario (per il rischio di ostac...

    – Carlo Festa

    • News24

    Brescia si scalda con l'acciaieria

    Per la prima volta in Italia il calore dei fumi del forno elettrico di un'acciaieria sarà recuperato per produrre energia termica (oltre che energia elettrica per autoconsumo), che sarà ceduta alla rete del teleriscaldamento cittadina.

    – di Matteo Meneghello

    • News24

    Banche e Btp nel mirino a Milano. Super dollaro sotto 1,06 per un euro

    Nel giorno in cui Bankitalia pronostica un "picco" di volatilità nel mercato azionario italiano, con l'avvicinarsi del referendum costituzionale del 4 dicembre, le banche italiane finiscono ancora nel mirino (-10% il Ftse Italia Banche in una settimana) e piegano il Ftse Mib che chiude con una

    – di C. Di Cristofaro e A. Fontana

1-10 di 1657 risultati